TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La Siria annuncia le elezioni presidenziali il 26 maggio

Il parlamento siriano ha annunciato che il 26 maggio si terranno le elezioni presidenziali in Siria. In quell’occasione, il presidente in carica Bashar al-Assad dovrebbe ottenere un quarto mandato di sette anni.

La famiglia Assad reprime la Siria da 50 anni, con il supporto di potenti servizi di sicurezza. Bashar al-Assad è succeduto al defunto padre Hafez nel 2000. È stato rieletto nel 2007 e nel 2014, rispettivamente con il 97 e l’88% dei voti. L’Occidente ha descritto i sondaggi come ingiusti e ingiusti.

I termini dei potenziali rivali de facto di Assad precludono la partecipazione dei candidati dell’opposizione. Solo i siriani che hanno vissuto ininterrottamente nel loro paese negli ultimi dieci anni possono candidarsi alle elezioni, ma gli oppositori del regime vivono in esilio all’estero per la propria sicurezza. Inoltre, la loro candidatura dovrebbe essere sostenuta da 35 membri del parlamento, mentre il partito Baath di Assad domina il parlamento.

Devastazione e povertà

La guerra civile in Siria è scoppiata nel 2011 dopo che le proteste contro Assad sono state brutalmente represse. Dieci anni dopo, Assad ha ripreso il controllo della maggior parte del Paese, grazie agli aiuti militari di Russia e Iran. L’opposizione è stata respinta nel governatorato di Idlib. Ampie parti del paese sono state devastate e la popolazione è diventata estremamente povera. Milioni di siriani sono fuggiti dal Paese.

I siriani all’estero possono votare alle elezioni presidenziali del 20 maggio.

READ  Un uomo scozzese perde centinaia di sterline a causa di una donna | all'estero