La “spia nucleare” che ha imparato a costruire una bomba nucleare è morta ad Almelo

Khan lavorava nell’impianto di ultracentrifuga Urenco ad Almelo. Ha usato le conoscenze acquisite lì sull’arricchimento dell’uranio per sviluppare una bomba nucleare in Pakistan. Molti pakistani vedono Khan come un eroe per questo motivo.

grandi profitti

Il ministro della Difesa pakistano Pervez Khattak ha descritto la morte di Khan come una “enorme perdita”. Il Pakistan lo onorerà sempre per i servizi che ha reso al suo Paese.

Khan si è lamentato il mese scorso che il primo ministro e altri membri del gabinetto non hanno chiesto informazioni sulla sua salute durante il suo trattamento ospedaliero. È risultato positivo al coronavirus alla fine di agosto, secondo i media pakistani.

Nel 1983, il tribunale di Amsterdam ha dichiarato Khan colpevole di spionaggio nucleare in contumacia, ma in appello è stato assolto a causa di un errore ufficiale.

In Pakistan, è circolata a lungo la storia che Khan vendesse tecnologia di propria iniziativa a Iran, Libia e Corea del Nord negli anni ’90, ma nel 2013, lo scienziato nucleare ha affermato di aver acquisito conoscenze sulla tecnologia nucleare per conto dell’allora primo ministro. Benazir Butto.

fondamenti politici

Khan è nato in India nel 1936 ed è emigrato con la sua famiglia in Pakistan dopo la decolonizzazione del subcontinente indiano. Negli anni Sessanta ha studiato a Berlino, Delft e Leuven.

Successivamente ha svolto attività di ricerca presso il Physical Dynamics Research Laboratory di Amsterdam e presso Urenco. In seguito fondò un movimento politico nella sua patria.

READ  Suu Kyi, il leader del Myanmar che è stato deposto, è processato mentre le violenze continuano

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24