La Turchia è pronta a chiudere il Bosforo per evitare l’escalation

La Turchia si prepara a chiudere il Bosforo alle navi da guerra russe. Ankara domenica ha descritto per la prima volta i combattimenti in Ucraina come una “guerra”, aprendo la strada alla ripresa del Trattato di Montreux che regola la navigazione attraverso il corso d’acqua tra il Mediterraneo e il Mar Nero. L’articolo 19 di quel trattato afferma che “in tempo di guerra (…) le navi da guerra delle fazioni in guerra non passeranno”.

Lunedì, il presidente Erdogan ha affermato che la Turchia utilizzerà la sua influenza sullo stretto di Montreux per “prevenire l’escalation della guerra” tra Ucraina e Russia. Ha scelto le sue parole con molta attenzione per non offendere nessuna delle fazioni in guerra.

Perché Ankara ha stretti rapporti politici, economici e militari sia con Kiev che con Mosca. Con 4,5 miliardi di dollari, la Turchia è il più grande investitore straniero in Ucraina. Settecento aziende turche operano, anche nel campo della difesa.

La Turchia è sottoposta a forti pressioni per impedire ai russi di accedere all’importante stretto strategico. Sabato il presidente ucraino Zelensky ha già fatto progressi in un tweet, causando confusione e mettendo la Turchia in una posizione difficile.

Leggi anche L’industria della difesa turca è in piena espansione grazie al successo dei droni armati

Il governo turco è molto entusiasta dell’interpretazione di Montreux, poiché il trattato conferisce alla Turchia la piena sovranità sul Bosforo, tra molti altri diritti che non vuole mettere a repentaglio. Anche se la Turchia intende chiudere il Bosforo, si applicherà solo ad alcune navi da guerra russe. Il trattato afferma che le navi da guerra delle parti in guerra conservano il diritto di tornare alle loro basi in ogni momento.

READ  Argentijnse politie zoekt naar versneden coke die 22 levens eiste | Buytenland

I turchi avrebbero chiesto ad altri paesi della NATO garanzie della propria sicurezza. Putin non prenderà alla leggera il blocco e la Turchia è vulnerabile alle ritorsioni russe. Ad esempio, nella provincia siriana di Idlib, dove risiedono 3,4 milioni di rifugiati. Quando l’Ucraina ha schierato per la prima volta i droni TB2 turchi contro i separatisti nella regione orientale del Donbass alla fine dello scorso anno, la Russia ha immediatamente intensificato la sua campagna di bombardamenti a Idlib.

Come molti paesi europei, la Turchia è fortemente dipendente dal gas russo

anche L’economia turca è in crisi Debole. Putin potrebbe porre fine ai voli charter russi verso la riviera turca, come ha fatto dopo che la Turchia ha abbattuto un jet da combattimento russo sulla Siria alla fine del 2015. Ciò potrebbe ostacolare una ripresa nel settore turistico e fornire miliardi di euro di entrate, di cui la Turchia ha disperatamente bisogno. mantieni stabile la lira. . Perché l’anno scorso i russi erano il gruppo più numeroso di turisti stranieri con 4,7 milioni.

E il Come molti paesi europei La Turchia è fortemente dipendente dal gas russo. Se Putin taglia le esportazioni di gas alla Turchia, ciò potrebbe portare a problemi, come è successo di recente quando l’Iran ha temporaneamente interrotto il gas. L’industria turca è diventata improvvisamente senza gas ed elettricità. Sono scenari che la Turchia sta valutando seriamente. E anche perché la chiusura dello stretto del Bosforo ha impedito non solo la fornitura di equipaggiamenti russi all’Ucraina, ma anche alla Siria.

‘Divina giustizia’

Ecco perché la Turchia dice che rispetterà “letteralmente” Montreux in modo che non possa essere accusata di violare gli accordi esistenti o di interferire nel conflitto. Perché sebbene la Turchia sia membro della NATO e condanni l’aggressione russa, assume una posizione neutrale. Un portavoce del Partito per la giustizia e lo sviluppo al potere ha dichiarato la scorsa settimana che “la Turchia userà la sua discrezione nell’interesse della pace piuttosto che nell’aggravare il conflitto”. “Di certo non vogliamo che le tensioni aumentino ulteriormente”.

READ  La CIA ha fatto piani segreti per rapire o addirittura uccidere Julian Assange

La cautela della Turchia è stata mostrata quando lo scorso fine settimana l’ambasciata ucraina ad Ankara ha pubblicato un video su Twitter di droni turchi che bombardano le forze russe. L’ambasciata ha detto che 34 soldati turchi sono stati uccisi in un attacco aereo russo a Idlib due anni fa. “Divina giustizia”. Sebbene tali immagini attirassero i nazionalisti turchi, il governo non ne era soddisfatto. Dopo una telefonata da Ankara, il tweet in questione era Secondo il quotidiano turco Deakin Eliminato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24