La vedova di Navalny vuole che l'Unione Europea non riconosca i risultati delle elezioni presidenziali russe • ​​Dopo giorni di silenzio, Trump risponde alla morte di Navalny

L’ex presidente degli Stati Uniti Trump ha risposto pochi giorni dopo la morte di Alexei Navalny. Ieri in un messaggio sul suo sito web Truth Social non ha detto nulla sulle circostanze sospette in cui è morto il leader dell'opposizione Navalny, detenuto per anni nelle carceri russe. Invece, usa la sua morte per criticare i suoi oppositori politici.

Trump afferma che la morte di Navalny gli ha fatto capire “il modo lento e costante in cui politici, pubblici ministeri e giudici corrotti e di sinistra radicale ci stanno conducendo lungo un percorso di distruzione”. Indica “confini aperti, elezioni truccate e decisioni giudiziarie profondamente ingiuste” che “distruggerebbero” gli Stati Uniti.

Negli ultimi giorni ci sono state critiche da parte dei democratici, ma anche dei repubblicani, nei confronti del silenzio di Trump sulla morte di Navalny. Nikki Haley, l'unica rivale rimasta di Trump nella corsa per la nomina presidenziale repubblicana, ha criticato la mancanza di risposta di Trump lo scorso fine settimana su Channel X, ricordando ai suoi follower i commenti di Trump in cui affermava di rispettare Putin. Anche la dichiarazione di Trump ha suscitato critiche. “Putin non è nostro amico”, ha detto Haley in un post su X. “Perché Trump non può dirlo ad alta voce?”

Il presidente degli Stati Uniti Biden, che dovrebbe affrontare Trump nelle prossime elezioni presidenziali, ha risposto immediatamente alla morte di Navalny venerdì. Lui, come altri leader occidentali, ha puntato il dito contro il presidente russo Putin. Biden ha definito la morte di Navalny “una nuova prova della crudeltà di Putin”, anche nei confronti del suo stesso popolo.

READ  Critiche da Kiev per l'appello del Papa al negoziato Guerra in Ucraina

Tom Kanter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24