Laboratorio olandese addestra le api alla scoperta del virus Corona | Scienza

Le api possono essere addestrate a riconoscere l’odore del Coronavirus e quindi a indicare l’infezione con esso. Possono effettivamente essere utilizzati per aiutare la diagnosi, che può essere particolarmente utile nei paesi poveri. Così afferma Wageningen Bioveterinary Research, che, insieme all’Università Paul Sabatier di Tolosa e alla startup InsectSense, hanno mosso i primi passi verso l’utilizzo delle api per combattere il virus.




Le api possono annusarlo bene e possono individuare il fiore a chilometri di distanza. A Lelystad, nei Paesi Bassi, 150 di questi animali sono stati esaminati per stabilire se potessero essere addestrati rapidamente per rilevare campioni infetti da SARS-CoV-2. Questi campioni sono stati prelevati semplicemente con un batuffolo di cotone.

Ricompensa

“Ogni volta che le api sono esposte al profumo di un mostro infetto, ricevono la ricompensa di acqua zuccherata. Le api hanno soffocato la lingua per raccogliere l’acqua zuccherata ripetendo questa procedura più volte. Le api hanno attaccato la ricompensa di zucchero al profumo e hanno cominciato a sporgere la lingua solo per il profumo, senza alcuna ricompensa “. La prominenza della lingua può essere rilevata con un biosensore che è stato anche sviluppato. Ciò significa che il risultato di questo “test dell’aura alternativo” è noto in pochi secondi. Inoltre, il metodo è anche poco costoso, il che significa che può essere facile da usare nei paesi in cui i test sono scarsi.

Secondo i ricercatori, il metodo è “potenzialmente molto affidabile” perché funziona da tre a cinque api per ogni diagnosi. Non possono ancora fornire percentuali di successo accurate.

Laboratorio di ricerca biologica veterinaria di Wageningen. © ANP

tutto il mondo

I ricercatori hanno affermato che le api possono ancora essere trovate in tutto il mondo e possono essere utilizzate più volte come rilevatore di corona. Quindi possono essere rilasciati. È molto improbabile che le api diffondano particelle virali dopo aver “lavorato”, ma questo è oggetto di ulteriori indagini per confermarlo.

Oltre alle api, sono necessarie attrezzature per l’addestramento delle api, per ospitare api addestrate e un biosensore per registrare le schegge dalle lingue. Secondo i ricercatori, i test delle api “nella fase iniziale sono molto più economici dei test e dei sistemi attuali” perché le macchine necessarie sono semplici ei risultati dei test possono essere letti immediatamente.

Dirk De Graf, capo del Molecular Entomology and Bee Pathology Laboratory presso UGENT, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che non si aspetta immediatamente che la tecnologia sostituisca i tradizionali test Corona in tempi brevi. “È una buona idea, ma preferirei eseguire i test con i classici strumenti diagnostici piuttosto che con le api mellifere. Sono un amante delle api, ma userò le api per scopi diversi dal rilevamento del Covid-19”.

Esperienze americane negli anni ’90

Secondo De Graff, il Pentagono ha già condotto con successo esperimenti negli anni ’90 utilizzando insetti come falene, api e vespe per rilevare esplosivi e diagnostica medica. Tuttavia, al momento, si conoscono ancora pochissime informazioni sulla sperimentazione di Wageningen Bioveterinary Research per determinare l’efficacia della procedura, afferma l’esperto di api, sebbene sia aperto all’idea di utilizzare le api per lo screening di Covid- 19 quando i test standard non sono disponibili.

I prati fioriti sono molto popolari: il nostro esperto di giardinaggio spiega come realizzarne uno nel tuo giardino (+)

Non uccidere solo la vespa: nuove ricerche confermano i benefici degli insetti

READ  Corona è scoppiata in una casa di cura nonostante la vaccinazione dei residenti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24