L’accordo sulla migrazione dell’UE offre più centri chiusi, “uno spreco di denaro”

Centro di Gratisca d'Isonzo nel nord-est d'Italia

Novità del NOS

  • Helen D'Haens

    Corrispondente italiano

  • Helen D'Haens

    Corrispondente italiano

Si tratta di un accordo durato anni e oggi a Bruxelles è stata firmata la firma definitiva. Tra due anni e mezzo entrerà ufficialmente in vigore il nuovo trattato europeo sull’immigrazione. L'accordo contiene nuove regole sulla procedura europea di asilo, sull'accoglienza dei migranti e sulla solidarietà tra gli Stati membri dell'Ue.

Una di queste nuove misure è la creazione di centri chiusi alle frontiere esterne dell'UE. Questi sono pensati per i migranti le cui possibilità di ottenere asilo sono basse, ad esempio quelli che provengono da paesi considerati sicuri. Nel sistema attuale, questi tipi di persone scompaiono dai radar prima che la loro domanda venga esaminata. Tenendoli in centri chiusi, Bruxelles spera di deportarli in modo rapido ed efficiente.

Ma in Italia, dove questi centri chiusi esistono già, avvocati ed esperti in materia di immigrazione criticano l’inasprimento. Secondo loro, i centri chiusi sono disumani e non sembrano funzionare nella pratica.

Violazioni dei diritti umani

Quando il decimo AZC chiuso in Italia è stato aperto vicino a Trieste nel 2019, all'avvocato specializzato in immigrazione Eva Vicato è stato chiesto di aprire uno sportello legale lì. “Avevamo detto che sarebbe stato un centro di qualità Migliori pratiche Possiamo imparare da altri centri”, dice.

L'avvocato ha distribuito volantini per informare i residenti dei loro diritti. Ha anche progettato una palestra e una biblioteca per evitare che i residenti si annoino.

Ma il quadro è cambiato in pochi mesi. “Mi è stato detto di non dare alla gente così tanta speranza”, dice Vicato. Nei mesi successivi ha osservato una serie di violazioni dei diritti umani. I migranti venivano rinchiusi nelle celle. Ad alcuni non è stato fornito un interprete per le conversazioni importanti con il proprio avvocato, mentre altri hanno dovuto andarsene prima di poter parlare con un avvocato.

READ  Ritardata la consegna degli aiuti a Gaza • Francia, Germania e Italia chiedono maggiori sanzioni UE contro Hamas

Frustrato, Vicado scrisse al governo. “Due ore dopo, il mio capo mi ha chiamato per dirmi che ero stato licenziato. Lo sportello è stato chiuso. Il governo ha risposto che non c'erano violazioni dei diritti umani e tutto stava andando bene”.

“Peggio del carcere”

L'AZC chiuso vicino a Trieste divenne un centro senza eguali in Italia. Popolazione composta da un mix di immigrati arrestati senza permesso di immigrazione e deportati dopo la carcerazione. Molti residenti soffrono di problemi psicologici. Continuano digiuni, incendi dolosi e suicidi.

L'avvocato Giovanni Iacono non ne è sorpreso. Accompagna i migranti nei centri chiusi e mostra i video che gli vengono inviati dai clienti. È uno slideshow di sbarre, letti di metallo senza materassi e docce ammuffite.

Questi sono i tipi di foto:

“Peggio del carcere”, chiama Iacono i centri. “In carcere ci sono sportelli a cui bussare, consulenti medici. Non sono qui. Per definizione, le persone dovrebbero stare qui solo per poco tempo. Ma la pratica è diversa.”

E il governo preferisce i centri chiusi

Il governo italiano ha esteso a diciotto mesi la durata massima della permanenza nei centri chiusi. Il Ministro dell'Immigrazione Piantedosi vede i centri come una soluzione alla fallita politica di rimpatrio dell'Italia. Il governo è attivamente alla ricerca di siti per nuovi centri chiusi. Un controverso centro chiuso in Albania dovrebbe aprire il prossimo autunno.

“Vediamo una correlazione tra il numero dei posti nei centri e il numero dei rimpatriati”, ha detto al Senato il Ministro Piantossi. Ma la ricerca scientifica è il contrario. Una ricerca della Fondazione Openpolis ha rilevato che nel 2022, meno della metà delle persone che si trovavano nei centri chiusi sono state effettivamente deportate. I ricercatori della Barry University hanno concluso che non esiste alcuna correlazione tra il numero di centri chiusi e il numero di persone rimpatriate.

Sotto il radar

Queste cifre disparate possono essere spiegate perché il governo conta tutti coloro che vengono inviati da un centro come “rimpatriati”. In realtà, questo vale solo per coloro che provengono da paesi che hanno un accordo di rimpatrio con l’Italia, come la Tunisia. Persone provenienti da paesi come l’Algeria o l’Egitto dove non è stato raggiunto alcun accordo ricevono avvisi che chiedono loro di lasciare l’Italia.

“Naturalmente non tornano nel loro Paese”, dice Iacono. “Il loro riflesso scomparirà dal radar il più rapidamente possibile.” L'avvocato considera l'idea di costruire più centri chiusi senza nuovi accordi sulle entrate un “colossale spreco di denaro pubblico”.

paese civile

“Devono chiudere tutti”, dice Vicato. “L'Italia ignora la propria Costituzione, il trattato sui diritti umani, i principi europei. Finché qui ci sarà un centro chiuso, l'Italia non potrà definirsi un Paese civile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24