Lagarde è abbastanza deciso?

La Banca centrale europea ha fatto quanto previsto ieri. Il programma di sostegno da 60 miliardi di euro al mese (PEPP) verrà completamente scartato e scadrà a marzo 2022, ma il programma di acquisto da 20 miliardi di euro al mese (APP) è in corso da tempo. Dal 1° aprile, la Banca centrale europea acquisterà dal mercato 40 miliardi di euro al mese nell’ambito di questo programma. Tale importo diminuisce quindi di 10 miliardi di euro ogni nuovo trimestre. Successivamente verranno acquistati 20 miliardi di euro al mese per tutto il tempo che la Bce riterrà necessario.

Pertanto, la Banca centrale europea continua ad allentare e non è mai stato discusso alcun rialzo dei tassi. Infatti, non è stato e non sarà manomesso nonostante, secondo Lagarde, l’economia si riprenderà completamente dalla pandemia nel prossimo trimestre. La crescita ora sta rallentando un po’, ma secondo la Banca centrale europea, accelererà di nuovo l’anno prossimo. Nonostante l’inflazione sia superiore alle attese della Banca Centrale Europea, si ritiene comunque che tornerà a scendere al 2%. Resta da vedere quanto sia realistico. Naturalmente, parte dell’impatto degli attuali aumenti dei prezzi è naturalmente fuori dai numeri. Tuttavia, le pressioni inflazionistiche sono attualmente in aumento. Ad esempio, questa mattina l’indice dei prezzi alla produzione è aumentato del 19,2% su base annua a novembre. Si tratta dell’aumento maggiore dal novembre 1951. Il principale fattore trainante dell’aumento dei prezzi è stato e continuerà ad essere l’aumento dei costi energetici, ma la pressione non sembra essere finita neanche in altre aree.

Con questi sviluppi in mente, è curioso che Christine Lagarde debba ancora governare guardando avanti, come fa la Federal Reserve aprendo spazi per aumentare i tassi di interesse più rapidamente. Speriamo che la BCE non venga lasciata indietro con l’avanzare della variante Omicron del coronavirus. Nel suo Paese, Rutte aveva già avvertito durante la conferenza stampa dell’estensione delle misure di lockdown che potrebbero essere necessarie misure più severe per contenere questo tipo di coronavirus altamente contagioso. Il risultato potrebbe essere un rinnovato spostamento dell’attenzione verso i titoli che lavorano da casa. Ciò include, ad esempio, tecnologia e supermercati. Una tale mossa non è vantaggiosa per i titoli value che beneficiano dello scetticismo degli investitori di oggi. Inoltre, le azioni di valore hanno bisogno di una forte crescita economica per realizzare molti profitti e questo è esattamente ciò che non viene prezzato dai mercati.

READ  In quali paesi posso andare in vacanza?

Il mercato azionario nel suo insieme sopravvive a Omicron, ma all’interno dell’economia si stanno verificando trasformazioni. Un altro fenomeno è che questa volta ci sarà meno spazio per i governi e le banche centrali per sostenere nuovamente l’economia su larga scala. Primo, perché spingerà effettivamente l’inflazione al tetto, e secondo, i governi avranno meno spazio in Parlamento, specialmente negli Stati Uniti, per politiche fiscali espansive. Le banche centrali sono molto limitate nelle loro opzioni a causa dell’elevata inflazione. I responsabili politici e gli investitori dovrebbero tenerlo a mente.

GrandVision e EssilorLuxottica che vendono negozi in Italia

Come è indubbiamente noto, la scorsa estate, dopo una lunga e lunga lite, l’interesse è stato sequestrato alla porta. Di conseguenza, la rete di distribuzione del produttore di occhiali franco-italiano è stata notevolmente ampliata. EssilorLuxottica aveva già più di 10.000 punti vendita al dettaglio tra cui LensCrafters e Sunglass Hut, ma ne ha aggiunti più di 7.000 con l’acquisizione di GrandVision, il più grande rivenditore di occhiali al mondo con catene come EyeWish e Pearle, senza troppe sovrapposizioni e punti vendita obbligatori. . . L’acquisizione di GrandVision da parte di EssilorLuxottica ha riempito il “punto cieco” dell’Europa come canale di distribuzione. Finora EssilorLuxottica è stata davvero attiva solo nel Regno Unito con David Clulow e in Italia con Salmoiraghe & Vigano.

EssilorLuxottica e GrandVision hanno ora raggiunto un accordo con Vision Group per la vendita di 174 negozi in Italia. I dettagli finanziari non sono stati divulgati. Con questa vendita, EssilorLuxottica è vincolata dai termini della Commissione Europea a riscattare l’acquisizione di GrandVision da parte di EssilorLuxottica.

Come dimostrano i dati trimestrali di fine ottobre, la Luxoteca italo-francese di Essilor sta andando bene. I volumi di affari, compreso il contributo di GrandVision, sono aumentati del 34% a 5,5 miliardi di euro. Poi anche la previsione del volume d’affari è stata aumentata con un aumento del 5-10 percento rispetto al 2019. E questo non cambierà qualche negozio in meno.

READ  In Honduras in bancarotta, i ricchi investitori possono costruire il proprio modello di città

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24