L’Ajax è diventato davvero il Bayern Monaco in Germania. Ma qui, nei Paesi Bassi

L’Ajax è stato eliminato giovedì in Europa League per mano della Roma, i cui giocatori spesso hanno colpito la palla con il colore sbagliato. Non li ha infastiditi. Avevano un attaccante bosniaco di 30 anni, Eden Dzeko, che ha già affrontato tutto. Sapeva che in qualche modo la palla sarebbe caduta ai suoi piedi vicino alla porta, e così è stato.

Allo studio ESPN, il presentatore Jan Ghost van Gangelen ha chiesto ai suoi analisti se l’incredulità fosse la loro prima sensazione – chiaramente lo fa. Nei resoconti dei giornali, come sapete, la parola ricomparirà inutilmente.

Il commentatore Vincent Shieldkamp ha sospirato che è successo di nuovo: una squadra olandese migliore era stata eliminata – beh, l’allenatore ei giocatori pensavano di essere due volte migliori dell’avversario. Più precisamente, ha voluto lanciarla contro la perfida opposizione italiana, tenendo presente ovviamente il detto di Johan Cruyff: “Gli italiani non possono vincere con te, ma tu puoi perdere con loro”.

Ma questa non era una squalifica del tipo che era già stata tanto negli ultimi anni – racconta lo sponsor: L’ingenua squadra olandese non conta per quello che fa o vuole fare l’avversario. Non puoi più chiamare Ajax il credulone dei suoi figli latini e non puoi dire che questo avversario avesse i suoi affari strettamente legati. Quindi giocavano la palla principalmente del colore sbagliato ei difensori, beffandosi di quello che potevano rappresentare quelli italiani, a volte davano le stime più strane.

L’Ajax non sarebbe in grado di confutare il PSV alla maniera del Bayern?

Il Bayern Monaco non poteva approfittarne. Ho sentito che negli anni l’Ajax ha iniziato a fare milioni in Champions League: che l’Ajax sarebbe diventato il Bayern Olanda. Non ci potevo credere subito. Il Bayern compra i migliori giocatori dalle nazionali, quindi l’Ajax non sarà in grado di sconfiggere il PSV qui? No, se no, ma in un modo diverso, l’Ajax è già qui come il Bayern in Germania.

Qui, nel tuo paese. Ma la legge non è cambiata (ovviamente) per cui il club olandese non può avere tutto questo nel suo mercato limitato. L’Ajax 2019 è stato un mix accidentale, con l’eccezionale talento di Matthijs de Ligt come esponente. Una cosa del genere non può essere la regola. Con tutti i milioni che possiede, dopo due anni, l’Ajax ha una squadra con, per citarne alcuni, pochi pesi leggeri in attacco e un centrocampo dove è difficile vedere qualcosa di speciale.

Non escludo che Dzeko abbia detto “ben giocato” a Ten Hag

Per questo motivo, l’Ajax giovedì si è preparato poco contro i difensori che potrebbero schierarsi nelle parti più strane. Se la qualità non è presente, come può non essere necessario lo spegnimento? Eliminazioni e sconfitte non possono essere inutili o immeritate e incredibili, certamente no, ma ovviamente sono parole facili da scusare.

Kenneth Perez, che ha detto all’intervallo che non potresti essere eliminato da una squadra del genere, è stato il primo a tornare in classe in seguito allo studio ESPN. Forse era molto olandese, ha detto, forse l’Ajax non era bravo come pensiamo.

Per essere chiari: i quarti di finale di Europa League non sono male. Ma ricordiamoci anche che non è altro che quello che potrebbe effettivamente essere considerato un vero obiettivo in anni di tutti questi stupidi blocchi.

L’attaccante Dzeko ha dato una mano all’allenatore dell’Ajax Eric Ten Hag in campo in seguito. Ovviamente avrebbe dovuto essere il contrario, ma quanto è bello questo gesto non per il vincitore soddisfatto del post-lavoro? Non escludo la possibilità che abbia detto “gioca bene” e che Ten Hag ci credesse.

READ  Sport Court: Dick Jaspers vince il Grand Prix | gli sport

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24