L'allenatore della Nazionale Roberto Mancini ha sbalordito l'Italia con una partenza shock dopo un'e-mail a tarda notte, ora collegata all'Arabia Saudita

Roberto Mancini il 15 giugno 2023 durante la partita contro la Nazionale olandese di Nations League a Enschede. Sembra ormai che quella sia stata la sua ultima partita da allenatore della Nazionale italiana.Foto di Stanley Juntha/Scatti professionali

Solo due anni fa, era sotto i riflettori come l'uomo che ha riportato l'orgoglio calcistico italiano vincendo il Campionato Europeo a Wembley. Adesso Roberto Mancini (58 anni) se n'è andato come un ladro nella notte. Da qualche parte nelle ore buie tra sabato e domenica, l'allenatore della nazionale ha inviato un'e-mail dal suo indirizzo di vacanza a Mykonos, in Grecia. Il messaggio al presidente della Federazione Gabriele Gravina e ai colleghi: mi dimetterò immediatamente.

Da allora, l’Italia è in subbuglio, preoccupata dalle speculazioni su ciò che c’è dietro. Perché nessuno si aspettava davvero questa partenza, per non parlare del modo poco elegante di comunicare che non piaceva affatto al signor Mancini. Otto giorni prima di presentare le sue dimissioni, aveva accettato una vasta gamma di incarichi presso il sindacato.

40 milioni di euro

Oltre ad essere responsabile ultimo della prima squadra, ricoprirà anche il ruolo di coordinatore delle selezioni giovanili direttamente sotto di lui, per i calciatori fino a 20 e 21 anni. Ora si dice che abbia improvvisamente firmato un lucroso contratto come elettore in Arabia Saudita, per un compenso annuo di 40 milioni di euro.

Che sia vera o meno quest'ultima affermazione: cosa è successo tra la recente approvazione della Federazione Italiana da parte di Mancini e l'invio della mail? Al momento ciò resta oggetto di speculazione, poiché entrambi i partiti finora si sono limitati a rilasciare dichiarazioni molto brevi. Mancini tramite il suo account Instagram (“Dimettersi dall'incarico di allenatore della Nazionale è una mia scelta personale”) e la Federazione in un comunicato molto professionale: “La FIFA prende atto delle dimissioni di Roberto Mancini dall'incarico di allenatore della Nazionale della nazionale italiana. un gruppo.'

Taglia qualcosa

Fatto sta che Gravina e Mancini hanno avuto una telefonata sabato sera presto. Secondo il presidente della federazione si è trattato di un colloquio regolare, in cui i due hanno spesso discusso dei dettagli della nazionale. Ma vista la cronologia delle cose, è quasi inevitabile che succeda qualcosa durante quella telefonata. Si vocifera che il ribelle Gravina abbia insistito per inserire Leonardo Bonucci nella rosa di Mancini, che recentemente si è ampliata con l'ex portiere Gianluigi Buffon come allenatore.

La Gazzetta dello Sport Parla di “nuova apocalisse del calcio italiano” e paragona l'addio del ct della Nazionale ai due fallimenti sportivi degli ultimi anni: perdere la finale dei Mondiali del 2018 e del 2022. Quel primo torneo fu il punto di partenza dell'era di Mancini, che rinnovò completamente la vecchia nazionale e aprì così la strada alla vittoria dell'Europeo. Ma l’euforia è svanita altrettanto rapidamente, dato che la sconfitta contro la Macedonia del Nord nelle qualificazioni contro il Qatar ha segnato un minimo storico.

Contrariamente alle aspettative generali, il tecnico della Nazionale è rimasto al suo posto dopo quell'incidente, se non altro perché il suo destino era strettamente legato a quello di Gravina, entrato in federazione più o meno nello stesso periodo e tenuto sempre a debita distanza dall'allenatore. . Due mesi fa Mancini era in Olanda con la sua Nazionale per partecipare alla fase finale della European Nations League. Dopo la sconfitta contro la Spagna, gli Azzurri vinsero la finale contro la Nazionale olandese a Enschede (3-2), che ormai sembra essere l'ultima partita internazionale dell'era Mancini.

I sentimenti sono cambiati

A quel tempo, l'allenatore della Nazionale aveva già reagito ai mutevoli sentimenti che circondavano la sua persona, da supereroe popolare a schlemiel maledetto, francamente. Mancini: “Sento e leggo cose senza senso su di me. Resto e sono felice. Rischiamo di diventare campioni del mondo nel 2026”

Se ciò dovesse accadere, sarà sicuramente con un allenatore diverso. I media italiani si aspettano che Luciano Spalletti succederà a Mancini. L'uomo che ha reso il Napoli campione del torneo per la prima volta in 33 anni la scorsa stagione ha avuto problemi con l'allenatore del club Aurelio De Laurentiis e ha deciso di prendersi un congedo. E' quindi subito disponibile, anche se è ancora contrattualmente legato ai partenopei e quindi va trovata una soluzione.

READ  L'Ajax non fissa una data per il ritorno di Ahtarin: “Siamo tutti preoccupati per Mo”. | Attualmente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24