L’anno intenso del dottor Shakib Sana: “Ho visto pazienti ansimare e chiedere un vaccino, ma poi era troppo tardi”

È lunedì sera, poco dopo le sette. GP Shakib Sana è in macchina, in viaggio dalla sua clinica a Delfshavn alla sua città natale, a circa un’ora di macchina da Rotterdam. Ha appena avuto una riunione d’emergenza inaspettata per l’iniezione di richiamo, quindi chiede per strada. “Parlando con i media, spesso ci vuole un po’ di tempo. Ma penso che sia mia responsabilità spiegarlo”.

E non solo per i media, spiega Sana (42). Nello studio televisivo di Rotterdam, ha incontrato l’internista Robin Peters di Erasmus MC. Insieme, stanno elaborando un piano per ridurre il divario di informazioni sulla vaccinazione, tra le preoccupazioni per i bassi tassi di vaccinazione nelle aree svantaggiate. Da un anno i due, insieme ad altri medici di medicina generale, si ritrovano settimanalmente sul mercato per il jab talk.

Inoltre, sta anche lavorando a un progetto di ricerca di dottorato presso l’università sugli effetti della corona sull’assistenza dei medici di base ed è membro del consiglio di amministrazione di Landelijke Huisartsenkring Rotterdam. E tutto questo in aggiunta al suo lavoro di medico di base. Cosa paga?

Perché hai avuto una riunione d’urgenza con i medici di base?

“Sentiamo l’odore caldo di Omicron e volevamo vedere se potevamo anche, oltre alle vaccinazioni a banda larga di GGD, contribuire a potenziare l’iniezione. Pensa a un luogo in cui non è consentito entrare o informare i vulnerabili – le persone senza DigiD, o che sono digitalmente alfabetizzati. — per aiutarli a fissare un appuntamento. È una lezione dai primi cicli di vaccinazione: non solo iniezioni su larga scala, ma anche reti su piccola scala, precise e accessibili”.

Ti fa sentire senza speranza, nuovo swing e nuova serratura con le vacanze?

“Quando ho sentito che avremmo potuto essere di nuovo in custodia, sono stato triste e disperato per un po’. Ma in realtà l’ho rimesso al lavoro durante il giorno. In realtà non hai altra scelta che aiutare di nuovo come medico. È importante ora che diamo una spinta a tutti il ​​prima possibile. Così possiamo uscirne tutti”.

Sì, usciamo così?

“Naturalmente potrebbe esserci una nuova variabile, quindi non è certo. Ma spero ancora. D’altra parte, abbiamo visto di recente quanta miseria possono causare gli esseri umani. Ma è anche il momento in cui vediamo quanto un essere umano può fare. Ora possiamo fare di più. Molto di più di quanto potevamo alla fine dello scorso anno. Sappiamo già molto su questa malattia e possiamo curare più persone a casa. Questo mi fa ben sperare, anche nel 2022”.

Cosa si sarebbe potuto fare di meglio nel processo di vaccinazione?

“La vaccinazione è un problema a più livelli. Parte del problema è stata la comunicazione. Per molto tempo l’idea era: saremo lì dopo l’estate, quando tutti saranno vaccinati. Ma ora è Natale e ancora non lo facciamo. esiste. Questo lo rende difficile. Quello che noto di più in pratica è la gente che dice: “Dottore, non capisco”. un terzo?” Abbiamo bisogno anche di un quarto? Quando smetterai? “

READ  "Devi parlare con tutti coloro che rifiutano il vaccino".

Che gioca anche un ruolo: per alcune persone non si può fare affidamento sul governo, ad esempio per l’emissione di indennità. Concentriamo le nostre campagne media su di loro e sulle persone che non hanno informazioni. La ricerca mostra che il novanta percento delle persone si fida ancora di un medico. Conversare in un ambiente familiare, il mercato, con un volto noto, il loro medico di famiglia, aiuta. Poi devono prendere la loro decisione. Anche questo è importante: ascoltiamo, ma non spingiamo”.

Perché sei diventato un medico di base?

“Volevo essere un pilota, e quello sarebbe sempre stato il mio sogno d’infanzia. Ma ho deciso di andare comunque da un dottore. Volevo davvero aiutare le persone. La cosa bella dell’essere un medico è che puoi mettere la denuncia in prospettiva . Come medico di medicina generale, costruisco una relazione con i pazienti, che conosco a volte da una vita. Di conseguenza, non curo la malattia in ambulatorio, curo la persona. Con uno, prendo una decisione completamente diversa da quella l’altro, anche se hanno la stessa diagnosi.Molto può avere un ruolo: l’età o la composizione della famiglia o altri fattori di rischio.

Hai svolto molti compiti aggiuntivi quest’anno: sei anche sul mercato, parli del tuo lavoro in TV e elabori strategie di iniezione di booster. Quanto tempo extra ti costano queste attività?

“Molto. Dal momento in cui abbiamo pensato di essere al mercato, ci siamo tutte le settimane, tranne le vacanze estive e le vacanze autunnali. Ora con la chiusura, da un po’ di tempo non è più possibile. È stato un assalto al tuo tempo: su Il sabato sono a Delfshaven. Inoltre, abbiamo aiutato i colleghi di altre parti del paese quando necessario, quando sono scesi in strada”.

Come puoi tenere il passo?

“La cosa più importante: il fronte casa. Mia moglie è anche medico di famiglia, quindi capisce quello che sto facendo. Il suo supporto mi fa andare avanti. Ma anche il supporto dei colleghi che intervengono nei momenti importanti e chiariscono la loro agenda se necessario. Inoltre, cerco di fare delle scelte: separare le questioni principali dalle questioni secondarie. Altrimenti vivrai dieci o venti ore al giorno”.

“E mi riposo bene. Quando sono a casa, torno a casa e dormo bene la notte. Prendo i miei momenti per fare una passeggiata fuori e connettermi con amici e familiari. È così che mi carico. “

Come guardi indietro nel 2021?

Da un lato sono soddisfatto. Stiamo sfruttando le opportunità che abbiamo avuto come medico di medicina generale. La chiamata che ho ricevuto da Robin Peters e sono stata ascoltata per fornire una migliore informazione. Siamo riusciti a inserirlo nell’agenda politica, Hugo de Jong è arrivato dopo che gli abbiamo scritto una lettera sulla mancanza di informazioni. Lancia una campagna mediatica anche in altre lingue. Quindi va bene. Ma non ci siamo ancora finché le informazioni non saranno accessibili a tutti. Ecco perché un’iniziativa come Doubt Telephone è così importante. Le persone possono usarlo per chiamare se hanno dubbi su un vaccino”.

READ  La ricerca della vita su Marte potrebbe essere fuorviata da "pseudo fossili"

Hai avuto anche momenti difficili?

“Ho dovuto dire addio a molte persone. È ancora più doloroso quando i pazienti muoiono per disinformazione. Ho avuto pazienti che ansimavano e dicevano: ‘Dottore, voglio un vaccino.'” Ma poi era già troppo tardi. i momenti mi toccano davvero. Non molto Chi: “Amico, amico, amico, questa è colpa tua. “Certo che no. Ma il vero dolore dell’impatto della disinformazione. Come medici, affrontiamo sempre – e giustamente – quando diamo persone il trattamento sbagliato o la disinformazione. Ma il momento in cui qualcuno viene esposto è in qualche modo per disinformazione Social media Se fosse morto, non ci sarebbero state conseguenze. Questo fa male.”

Ti unisci anche regolarmente ai tavoli dei talk show e ti prendi sempre il tempo per parlare con i media. perché lo stai facendo?

“La prima volta è stata emozionante: rappresentare un gruppo di MMG è una responsabilità. Le parole hanno un senso e possono avere delle conseguenze. Ma è importante farlo, il bisogno di informazione è alto. Ricordo proprio questo: la mia prima pandemia il 9 aprile a Rheinmunde. Il 24 aprile Con un appello patriottico al NOS. Su RTL4 e la sera a Nieuwsuur con Robin Peeters. Queste sono date importanti per me e non le dimentico, così come le date personalmente importanti come il compleanno dei miei figli e il mio giorno del matrimonio.”

Tu vieni dall’Afghanistan. Deve essere stato un anno difficile con i talebani che hanno preso il potere anche nel tuo paese di origine.

“Sicuramente lo era. Il paese è tornato indietro di vent’anni in un colpo solo, il che è molto doloroso. L’Afghanistan è stato un paese negli ultimi anni in cui ci sono state opportunità di andare all’università, non importa quanto piccola, per costruire qualcosa per te stesso. Questo ora è in pericolo di essere perso. C’erano anche soldati dall’Olanda anni fa, per impedire quello che è successo ora. Molto scattanti. “

Hai molta famiglia lì?

Abbiamo ancora un’intera famiglia in Afghanistan. Cugini, cugini e zie. Ora stanno attraversando la stessa cosa che stavamo vivendo noi vent’anni fa. Quando avevo sedici anni sono scappato con mio padre in Olanda. Questa è per me una storia personale e dolorosa, di cui non parlo molto. Cattura quando devi lasciare il tuo paese d’origine. Quando si invecchia, a volte inizia la nostalgia di casa”.

Come hai vissuto quei primi momenti in Olanda?

“Mi si apre un mondo. Al centro per richiedenti asilo ho avuto molti contatti con altri giovani cresciuti in altre culture e paesi. Ognuno aveva la sua storia, ed ero anche curioso quando ero giovane. Quindi Mi sono guardato negli occhi. Ci sono molti insegnanti delle scuole di lingue che mi hanno incoraggiato a fare qualcosa nella mia vita. Alla fine devi farlo da solo, ma devi avere l’opportunità e la fiducia. Questa è la cosa più importante. E quando si arriva insieme, puoi andare lontano.”

READ  Quasi tutti sono stati vaccinati, ma l'epidemia di Br ... (Deurne)

Il 2021 sembra anche l’anno della rivalutazione del GP?

Questo vale per i medici in generale, compresi i medici di medicina generale. I medici di base hanno ricevuto molte cure da un ospedale nel 2021. Ad esempio, abbiamo avuto una conversazione difficile sui desideri di qualcuno, nel caso in cui Corona bussasse alla porta, per evitare che i medici dovessero chiedere a qualcuno senza fiato. E adesso il guanto lo portiamo anche noi: il pigro che abita in casa si fa pungere dal GP”.

“Quello che mi preoccupa però: come medico di medicina generale, stai cercando di garantire l’accesso all’assistenza sanitaria. Ciò è particolarmente sotto pressione in questo momento. È in parte dovuto al governo, ma in parte alle persone stesse. Mi stupisce che le persone hanno così poca conoscenza del proprio corpo”. Penso che dobbiamo acquisire maggiore fiducia nella nostra salute e conoscere meglio il nostro corpo. In modo che tutti sappiano se devono o meno contattare il proprio medico”.

Cosa si richiede al governo?

“I siti GP interconnessi sono molto importanti nel lungo periodo. Quando si costruisce un nuovo quartiere, la posizione del GP non viene sempre presa in considerazione. Questa è un’occasione mancata: se un GP ha un buon sito, può trattare e informare meglio tutti pazienti della zona, in questo modo possiamo crescere una generazione sana”.

Ho già scritto un romanzo su un ragazzo fuggito dall’Afghanistan. Vale il libro anche Corona?

Lui ride. “A volte scrivo su LinkedIn in questo momento. Con questo cerco di mettere su carta alcune idee che mi vengono in mente. A volte sento questo bisogno. In questo periodo sperimentiamo così tanti momenti toccanti e stimolanti. Ma per il libro, ho lasciare che tutto si cristallizzi per primo. From conosce il futuro.”

Quali sono i tuoi programmi per il nuovo anno?

“Vorrei ridurre ulteriormente il divario sanitario. Con questo intendo dire che il tuo stato socioeconomico determina davvero quanti anni di salute di qualità hai. Immagina: se hai cinquanta euro da spendere a settimana, è difficile riempirti lo stomaco con cibi sani. E poi diventa più facile passare a cibi che contengono molte calorie, con tutti i rischi che ne conseguono. Questo è il nuovo gap che dovremo colmare in futuro. Colmando questo gap, stiamo costruendo un generazione sana e possiamo gestire meglio una nuova pandemia”.

“Voglio solo poter tornare in vacanza. Vorrei tornare in Afghanistan, ma non è possibile. Allora sogno un tour nella patria di mia moglie: la Turchia. Senza codici QR, mascherine e modelli del viso .”

Che cosa ti sta costando tutta questa fatica – in strada, in pratica durante la pandemia, ma anche nei media?

Non posso passare il tempo che ci vuole con la mia famiglia. Il mio bambino di 2 anni è cresciuto durante questa pandemia e mi mancano momenti. È un tempo che passa e non torna più».

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24