L’ascesa dei fratelli italiani

Nelle elezioni regionali dello scorso settembre, il gruppo di estrema destra Fratelli d’Italia ha posto fine a 25 anni di governo di sinistra nelle Marche. Oggi, il partito è pronto a superare la Lega di estrema destra dell’ex primo ministro Matteo Salvini come la più grande d’Italia nei sondaggi di opinione.

La presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, sogna di diventare il primo primo ministro donna d’Italia alle elezioni generali del 2023. Anche se il primo capo di stato donna dovrebbe essere sempre un traguardo positivo, in questo caso dovrebbe essere inghiottito profondamente .

neofascismo

I fratelli italiani si definiscono paladini del patriottismo conservatore di centrodestra, ma il partito è il principale erede del movimento neofascista italiano, con “Movimiento Sociale Italiano” (1946-1995) e “Alleanza Nazionale” (1995- 2009).) come precursori politico-ideologici.

Nel 2009 Alleanza Nazionale (AN) si è fusa con Il Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi. L’allora leader del Congresso nazionale di estrema destra, Gianfranco Fini, divenne il secondo uomo nella lista elettorale del Pdl. Nel 2012 una parte del Popolo della Libertà si è separata per formare Fratelli d’Italia. La stragrande maggioranza degli ex neofascisti di AN ora con i fratelli.

La stessa leader del partito Giorgia Meloni discende dal movimento giovanile neofascista Movimento Sociale Italiano (MSI), fondato dopo la seconda guerra mondiale da esponenti di spicco e sostenitori dell’ex dittatore fascista Mussolini. Come successore ideologico di MSI, il logo dei Fratelli include la stessa torcia di colore italiano del partito precedente.

La leader del partito Giorgia Meloni proviene dal movimento giovanile neofascista MSI.

Meloni vuole però allontanare il più possibile il suo partito dall’immagine del neofascismo. Con le sue posizioni social conservatrici, patriottiche, anti-immigrazione e anti-europee, si classifica come una nazionalista di destra. Nella sua autobiografia, I Am Georgia, Meloni ha dichiarato esplicitamente che “non appartiene al culto del fascismo”.

Tuttavia, il suo partito ha molti importanti difensori di Mussolini. Da quando i fratelli hanno assunto il consiglio di amministrazione della Regione Marche nel settembre dello scorso anno, questo è stato più volte espresso in modo inequivocabile. Lo scorso aprile il sindaco Ascoli Piceno, Fratelli d’Italia, ha donato alle scuole della sua città i fumetti fascisti.

READ  Borse europee in calo per prese di profitto

Pochi giorni dopo, il suo compagno di partito e capo dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione delle Marche inviò una lettera a tutti gli studenti in occasione della celebrazione della Liberazione dell’Italia dal fascismo, nella quale equiparava i fascisti ai rivoluzionari che li avevano combattuti. “Dobbiamo rendere omaggio alle vittime della guerra indiscriminatamente, non importa da che parte si siano schierate”, ha scritto.

Il 27 ottobre 2019, a poco più di un anno dalle elezioni regionali marchigiane, l’attuale presidente di questa regione Francesco Acquaroli ha partecipato ad una cena commemorativa in occasione della “Marcia verso Roma” di Mussolini (la manifestazione di massa dell’ottobre 1922 che la Nazionale Fascista Partito Benito Mussolini è salito al potere). Alla cena commemorativa hanno partecipato anche molti altri politici di Fratelli d’Italia.

La presa di potere dei Fratelli nelle Marche ha rafforzato i gruppi di estrema destra e neofascisti.

La presa di potere dei Fratelli nelle Marche ha dato fiducia e rafforzato gruppi di estrema destra e neofascisti come Casa Pound e Forza Nuova. Ad esempio, i tifosi della squadra di calcio Ascoli Piceno celebrano apertamente ogni gol con un saluto fascista. Ma l’impronta persistente che il fascismo ha indubbiamente lasciato su una minoranza della popolazione italiana non può spiegare il più ampio successo della Confraternita nei recenti sondaggi d’opinione.

Gli immigrati sono capri espiatori

L’ascesa dell’estrema destra in Italia va avanti da tempo. Fa parte della nuova ondata di nazionalismo populista emersa in Europa nell’ultimo decennio ed è caratterizzata da natività, opinioni anti-immigrazione, islamofobia, nazionalismo culturale, euroscetticismo e conservatorismo sociale in generale.

Il confine tra destra ed estrema destra in Italia diventava sempre più labile e il centro politico si spostava sempre più a destra. Dopo Berlusconi, che ha definito le politiche di Mussolini “non intrinsecamente cattive”, l’islamofobo Matteo Salvini è emerso ai vertici della scena politica, con le sue feroci prese di posizione anti-immigrazione. Questi signori sono sempre considerati di centrodestra dai principali media locali.

READ  Sivan Hasan salterà la vittoria dei 1500 a Monaco | sport

I Fratelli d’Italia di solito partecipano alle elezioni (locali, regionali e nazionali) in un’alleanza con la Lega di Salvini e Forza Italia di Berlusconi – un’alleanza nota come “centrodestra” (“Alleanza Centrale Ditra”). Dalle ultime elezioni regionali, questa alleanza è stata presieduta da 15 delle 20 regioni italiane.

Come la Lega, i Fratelli d’Italia hanno registrato posizioni anti-immigrazione maligne. Una delle prime misure messe in atto nelle Marche dopo la vittoria elettorale del partito è stata la chiusura di tutte le strutture di sostegno agli immigrati. Lo ha già fatto la Lega in Umbria, altra roccaforte della sinistra che è stata rilevata dall’estrema destra nelle elezioni regionali di ottobre 2019 (le elezioni regionali sono scaglionate su un periodo e quindi non si svolgono tutte nella stessa data). Nelle Marche i Fratelli d’Italia intendono limitare l’housing sociale anche ai cittadini italiani.

Come la Lega, i Fratelli d’Italia hanno registrato posizioni anti-immigrazione maligne.

All’inizio del 2018, quando una donna di 18 anni è stata uccisa nel comune di Macerata, nelle Marche, da un immigrato clandestino, i fratelli si sono concentrati molto su questo. Pochi giorni dopo, un italiano di estrema destra ha sparato a 6 immigrati africani per rappresaglia pubblica. Questa posizione si è impadronita della destra per denunciare le politiche “lassiste” e “amiche dell’immigrazione” della “sinistra”.

In definitiva, però, gli immigrati sono un utile capro espiatorio per il diffuso senso di malcontento nella società italiana, cresciuto negli ultimi anni proprio a causa della gestione della crisi del Corona e del suo massiccio impatto economico.

I fratelli sono l’unica opposizione

Tirare a destra nelle Marche tradizionalmente di sinistra ha fatto progressi decisivi nell’agosto 2016 quando un forte terremoto ha colpito tutta l’Italia centrale. Quasi 300 persone hanno perso la vita. L’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi del più grande partito di centrosinistra, il Partito Democratico (PD), si è impegnato a ricostruire al più presto le città devastate, ma oggi molte zone colpite restano deserte.

READ  I mercati azionari europei rimangono vicini a casa

Nel febbraio di quest’anno ha prestato giuramento il terzo governo italiano in tre anni. Sotto la guida del primo ministro tecnocratico Mario Draghi, ex capo della Banca centrale europea, si è formato un governo di unità nazionale, con il sostegno di tutti i principali partiti politici, tra cui la Lega e il populista Movimento Cinque Stelle (M5S). Solo i fratelli d’Italia mantennero le distanze dall’ampia alleanza.

La stampa ha accolto Mario Draghi – soprannominato “Super Mario” – e la maggioranza degli italiani come salvatore del Paese. Doveva porre fine alle turbolenze politiche e avrebbe rapidamente posto fine alle turbolenze politiche, avrebbe portato la battaglia contro Corona sotto controllo e avrebbe tirato fuori il paese dalle grinfie della crisi economica. Le aspettative nella sua nomina erano così alte che il suo governo non poteva fare a meno di deludere, non importa quanto bene si comportassero.

L’unico partito politico che ha guadagnato popolarità lo scorso anno è il Georgia Meloni Party.

Sei mesi dopo, l’unico partito politico che ha guadagnato popolarità lo scorso anno è il partito di Georgia Meloni, la principale forza di opposizione contro Draghi e il suo governo.
Intanto Meloni è più popolare di Salvini, secondo i sondaggi. Quindi, se i fratelli si candidano nella consueta “coalizione di centrodestra” alle prossime elezioni generali, le sue ambizioni di diventare la prima donna primo ministro italiana potrebbero avverarsi.

A più di 75 anni dalla morte di Mussolini, il Paese potrebbe cadere nelle mani di un partito con radici storiche dirette nella tradizione fascista.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24