Le 7 migliori destinazioni per il 2023

Hai solo l’imbarazzo della scelta su dove vuoi viaggiare quest’anno? Ti aiuteremo in questo. Ogni anno, i redattori di National Geographic raccolgono le migliori destinazioni per un nuovo anno di viaggi. Da una remota città Inca in Perù ancora da esplorare dalla maggior parte dei turisti a un arcipelago in Europa che valorizza la sostenibilità. La nostra lista delle migliori destinazioni per il 2023 ti offre un’altra buona dose di ispirazione per i viaggi.

1. Scarpanto, Grecia

Karpathos è una delle isole del Dodecaneso in Grecia, situata tra Creta e Rodi. Romani, ottomani e italiani hanno messo piede qui, che puoi vedere ovunque: dall’architettura alle specialità culinarie dell’isola. Come spesso accade con le popolari destinazioni turistiche, i residenti di Karpathos sono alla ricerca di un equilibrio tra i vantaggi economici del turismo e la pressione che esercita sull’ambiente.

La popolazione locale svolge un ruolo importante nel rendere il settore turistico di Karpathos più sostenibile. I greci ti mostreranno la loro isola e la loro cultura in un tour del vino o in un’escursione di pesca notturna. “In inglese, ‘eco’ sta per ‘ambiente'”, afferma Evangelia Agapiou, fondatrice Ecoturismo Karpathos. In lingua greca, “ecos” significa casa, paese e comunità. Questo è ciò che l’ecoturismo rappresenta qui: riunire le persone.

Escursionisti sul Monte Profitis Elias a Karpathos.

Cyril Jazebeck, National Geographic

2. Azzorre, Portogallo

Il fuoco era la base dell’arcipelago vulcanico delle Azzorre, ma oggi è uno dei luoghi più verdi d’Europa. “Le Azzorre sono composte da nove isole, ognuna con i propri costumi e tradizioni”, afferma National Geographic Explorer. Miriam Cuesta Garcia, un biologo marino che studia il comportamento dei giovani uccelli marini sull’isola di Pico. Ma le Azzorre condividono una visione della sostenibilità. Sanno quanto sia importante proteggere il loro ambiente.

Quattro delle nove isole delle Azzorre sono una biosfera dell’UNESCO. Il World Wildlife Fund ha designato l’arcipelago come rifugio sicuro per diverse specie di balene e delfini. Prendono molto sul serio la sostenibilità in queste isole portoghesi, ad esempio limitando il numero di turisti. Ad esempio, solo un piccolo gruppo di escursionisti può scalare il Monte Pico ogni giorno, così possiamo goderci il meraviglioso scenario vulcanico delle isole per gli anni a venire.

3. Percorso gastronomico verde della Slovenia, Slovenia

La Slovenia è anche leader nel turismo sostenibile. Se stai andando in viaggio in Slovenia, puoi scegliere tra diversi tour ecologici, incl Percorso gastronomico verde della Slovenia. Il tour in bici dura undici giorni. In esso visiterai dieci destinazioni e conoscerai la cucina locale.

“La bicicletta offre l’opportunità di visitare luoghi remoti della campagna dove vengono prodotti formaggi unici”, afferma Jan Clovara, uno dei creatori del tour in bicicletta. Puoi pedalare attraverso il paese, dalla capitale Lubiana alla Valle dell’Isonzo e al Carso, lungo le acque vorticose della Drava e della Sava. Lungo la strada, puoi goderti un ristorante stellato a Maribor e assaggiare i vini a Brda, una regione conosciuta come Toscana in Slovenia.

Una pista ciclabile lungo il fiume Sawa in Slovenia

Il turchese fiume Soča si snoda attraverso la valle dell’Isonzo occidentale della Slovenia, una riserva naturale con molti percorsi ciclabili.

Tomo Jesenic, Ente Sloveno per il Turismo

4. Busan, Corea del Sud

Gli amanti del cinema coreano possono inserire Busan, la seconda città della Corea del Sud, nella loro lista delle cose da fare quest’anno. Durante il Busan International Film Festival di ottobre, le proiezioni dei film più votati dell’anno si terranno in 14 località diverse.

La città di 3,4 milioni di abitanti è nota anche per le sue birre speciali, quindi assicurati di dare un’occhiata a uno dei microbirrifici della città prima di andare al cinema. Oppure fai una passeggiata nei Citizens Parks, un’ex base militare statunitense che è stata trasformata in un parco cittadino nel 2014. Dai anche un’occhiata alla foce del fiume Nakdong. Il fiume, il più grande della Corea del Sud, si snoda attraverso la città e ospita il balordo e altri uccelli acquatici in via di estinzione.

5. Choquequirao, Perù

Machu Picchu attira milioni di visitatori ogni anno, ma solo poche migliaia di persone sanno dove trovare Choquequirao. Questa remota città Inca in Perù può essere raggiunta solo a piedi, seguendo un percorso di 29 chilometri che si snoda attraverso le montagne fino a un’altitudine di 10.000 piedi.

“L’area di Choqueiro è avvolta da molto mistero”, afferma Juri Tommy Echevarría, un archeologo che ha scavato nel complesso dal 2005. Una delle parti più intriganti della città Inca è Llama Terraces, che prende il nome da dozzine di immagini rupestri di lama a grandezza naturale.

Le immagini risalgono al XVI secolo e sono state viste solo qui. Inoltre, questa forma d’arte è poi scomparsa, dice Echevarria, specializzato in arte rupestre preistorica. Se vuoi visitare Choquequirao in pace, fai in fretta. Il governo peruviano ha stanziato 260 milioni di euro per la costruzione di una funivia per il sito archeologico. Ciò renderà più facile visitare la città Inca, e quindi più turisti troveranno la loro strada verso il complesso.

choquequirao in Perù

La regione di Choquequirao in Perù è raggiungibile solo a piedi.

Vittorio Zea, National Geographic

6. Parco Nazionale Revillagigido, Messico

Il Revillagigedo National Park si trova a circa 300 miglia a sud della penisola messicana della Baja California. Questa riserva marina di 57.000 piedi quadrati in Messico è la più grande riserva sottomarina del Nord America. Le acque intorno alle quattro isole principali sono una mecca per i subacquei, che possono avvistare squali martello e megattere.

READ  La porta del triziale giorno si apre domenica 11 settembre - GRONDAIA

“Questo parco è uno dei pochi, se non l’unico posto sulla Terra in cui è possibile interagire intimamente con le mante”, afferma il biologo marino e regista subacqueo Eric Higuera. Dice che le mante, che possono pesare fino a 1.600 chilogrammi e avere un’apertura alare di otto metri, sembrano il ribollire dei subacquei.

Anche i delfini tursiopi che vivono nelle acque della riserva sono spesso incuriositi dai subacquei e nuotano verso di te. “È incredibile quanto ci si possa avvicinare ai delfini selvatici”, afferma Higuera. “Sia i delfini che noi umani siamo curiosi l’uno dell’altro.”

Delfini nel Parco Nazionale di Revillajegedo

I delfini nel Parco Nazionale Revillagiedo in Messico sono spesso incuriositi dai subacquei.

ENRIC SALA, RACCOLTA FOTOGRAFICA NAT GEO

7. Via Apia, Italia

Tutte le strade portano a Roma, ma questa “autostrada” di 2.300 anni è stata una delle prime. La Via Appia è lunga 576 chilometri e si estende dalla capitale italiana al porto di Brindisi sul mare Adriatico.

Dopo la caduta dell’Impero Romano, la strada cadde in rovina, ma recentemente è cambiata. Il governo italiano sta riportando la strada millenaria al suo stato originale, consentendo ai viaggiatori di percorrere a piedi il percorso storico. La Via Appia dovrebbe diventare un percorso di pellegrinaggio attraverso la storia, con soste in pittoreschi borghi e siti archeologici.

Una lunga giornata di camminate ti lascia naturalmente affamato. Ecco perché puoi goderti appieno i sapori della cucina italiana anche in viaggio. In Puglia, nel sud Italia, vai al panificio più vicino e ordinane uno rusticouna torta ripiena di salsa besciamella, mozzarella e pomodori, suggerisce l’autrice del National Geographic Nina Strochlic.

Inizio della via Appia in Italia

La Via Appia è una strada di 2.300 anni che attraversa l’Italia.

Andrea Frazetta, National Geographic

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24