Le guardie dell’ambasciata olandese a Kabul si sentono tradite

Si sono seduti intorno a un falò la loro ultima notte all’inizio di dicembre. In un video, hanno mostrato come si sono scaldati le mani. Ora quasi tutte le guardie dell’ambasciata olandese nella capitale afghana, Kabul, hanno perso il lavoro, alcune dopo più di dieci anni.

“Quattordici”, dice uno di loro, che vuole parlare con NOS a Kabul con un gruppo di dieci persone. Sono arrabbiati e hanno paura. L’azienda per cui lavoravano li aveva avvertiti di non parlare con i media. Poiché ricevono ancora due mesi di stipendio e una lettera di raccomandazione, lo fanno in modo anonimo.

“Un altro post”

Dalle interrogazioni parlamentari Risposta 16 dicembre (.pdf)Si scopre che non saranno evacuati perché stavano lavorando tramite un fornitore di servizi esterno. Si trovano quindi in una “situazione diversa” dalle persone che lavorano all’ambasciata. Per loro, “l’Olanda come datore di lavoro ha una responsabilità speciale”.

Le risposte alle interrogazioni parlamentari mostrano anche che, secondo il governo olandese, le guardie non sono in pericolo, a differenza delle guardie delle forze armate straniere, considerate nemiche dai talebani. Le guardie dell’ambasciata rimangono con notabili civili e rappresentanti ufficiali di altri paesi, con i quali i talebani stanno cercando di stabilire contatti ufficiali.

Il gruppo a Kabul dice che le stesse guardie la vedono diversamente. “Abbiamo lavorato con gli stranieri. I talebani non discriminano nel tipo di lavoro”.

accoltellato per strada

Un suo collega è stato accoltellato quattro giorni fa per strada da ignoti, e ora si trova in ospedale. Mostrano le foto delle sue ferite. Il numero di rapine violente è in aumento a Kabul a causa della crisi economica. Ma secondo le guardie giurate, dev’essere stato un attacco personale.

READ  Israele prevede di costruire più di 1.300 case per i coloni in Cisgiordania

Uno di loro, parlando inglese, ha detto: “Era vicino a casa sua e gli autori non hanno preso nulla. Non il suo portafoglio, non il suo telefono o il suo orologio”. “Siamo tutti spaventati. Ho già cambiato indirizzo quattro volte.”

Gli attacchi personali vengono segnalati regolarmente. Non è sempre chiaro fino a che punto i leader talebani abbiano qualcosa a che fare con questo. Hanno promesso un’amnistia. Ma l’organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch ha trovato prove del coinvolgimento di alti dirigenti locali nell’uccisione o nella scomparsa di almeno 100 soldati ed ex poliziotti.

promessa di sfratto

L’ambasciata olandese è stata abbandonata da quando i talebani hanno preso il potere a Kabul il 15 agosto. Tutti gli effetti personali sono stati spostati in una nuova posizione e il personale è stato evacuato nelle settimane successive. Nelle risposte alle interrogazioni parlamentari è stato affermato che l’ambasciata aveva chiarito dall’inizio del 2021 che questa non sarebbe stata un’opzione per le guardie.

Ma loro stessi dicono che la loro evacuazione è stata promessa dal loro capo, il fornitore di servizi esterno. Si sentono traditi. “Ad agosto, è stato detto: qui è necessario tenere sotto controllo la proprietà olandese. Ho trascorso i primi due mesi giorno e notte sul terreno della nuova ambasciata. Hanno detto che ci sarebbe voluto del tempo per evacuare, ma ora siamo qui, e oltre ad essere disoccupato”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24