Le persone soffrono ancora la fame di pelle, anche adesso che la pandemia è finita

La fame di pelle rimaneva. Al di fuori ricerca Quello di questo mese natura È stato pubblicato e sembra che le persone vogliano essere influenzate di più anche dopo la pandemia di Corona. Un gruppo di psicologi dell’Università di Utrecht si è chiesto se le persone abbiano bisogno di più contatto fisico, durante e dopo la pandemia.

Durante la pandemia di COVID-19, questo è stato il caso dell’86% dei partecipanti. Sembra una cifra elevata, ma secondo questa ricerca la percentuale di persone che soffrono la fame di pelle dopo la pandemia è ancora dell’80%. La fame di pelle diventa meno grave dopo l’epidemia.

Ai partecipanti è stato chiesto di indicare in che misura erano d’accordo con le affermazioni “Vorrei che gli altri mi toccassero adesso” e “Vorrei toccare gli altri adesso”. Possono selezionare un valore compreso tra 0 (voglio meno tocco) e 100 (voglio più tocco).

Gli psicologi parlano di “fame di pelle” se il valore è superiore a 50. Allora le persone vogliono più contatto di quanto sperimentano nella vita di tutti i giorni.

Il tatto gioca un ruolo importante nella creazione di connessioni

Tra aprile e ottobre 2020, le rigorose misure Corona imponevano alle persone di mantenere una distanza di un metro e mezzo e nei Paesi Bassi ci sono stati blocchi. Fu allora che il sito RIVM informò che i single potevano scegliere un “amico del cuore” o un “compagno di sesso”, a condizione che entrambi fossero esenti da lamentele.

Durante questo periodo, più della metà dei partecipanti ha attribuito un valore elevato (superiore a 75) alla propria fame di pelle. La maggior parte delle persone che hanno risposto alle domande online erano poco più che trentenni, donne e residenti nei Paesi Bassi.

READ  Recensione del coltellino svizzero EverSolo DMP A6

Nell’autunno del 2021, quando per la prima volta furono consentiti eventi su larga scala, gli psicologi hanno visitato due festival della scienza. Lì, circa una persona su tre (di nuovo, soprattutto giovani donne) attribuisce un valore elevato alla propria fame di pelle. Alla fine del 2022, quando tutte le misure anti-Covid sono state revocate, molti meno intervistati hanno dato un punteggio elevato alla propria fame di pelle online: circa uno su sei.

Ricerca tedesca

L’80% degli intervistati sente ancora il bisogno di maggiore contatto dopo la pandemia. Il risultato è che le persone vogliono ancora essere toccate più di quanto lo siano realmente, anche quando non esistono regole in vigore Riduzione dei contattiCiò è coerente con i risultati di uno studio tedesco condotto prima dell’epidemia. È emerso che il 73% dei partecipanti soffriva di fame di pelle.

Secondo i ricercatori di Utrecht, la mancanza di tatto è generalmente associata a una ridotta capacità di far fronte allo stress. Anche il tatto gioca un ruolo importante nello stabilire connessioni con gli altri e in alcuni casi sembra ridurre il dolore fisico. Quindi l’idea di dare un bacio sulla ferita potrebbe non essere così folle. E non abbracciare qualcuno troppo spesso.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24