L’economia europea è “molto indietro” rispetto a quella degli Stati Uniti e le normative devono essere ridotte

Economia18 24 aprile alle 12:32Modificato il 18 aprile 24 alle 13:16autore: Questo passaggio

Un mercato interno europeo ben funzionante richiede innanzitutto un maggiore dinamismo economico per rafforzare la capacità di crescita. È quanto ha affermato Han de Jong, economista interno della BNR, in risposta al Consiglio europeo straordinario che si terrà oggi e domani a Bruxelles. “In altre parole: concentrarsi sulla creazione di opportunità affinché le persone possano migliorare il proprio tenore di vita”.

“Senza maggiore capacità di crescita, l’Europa perderà terreno nei confronti di Stati Uniti e Cina”.

Un mercato interno europeo ben funzionante richiede innanzitutto un maggiore dinamismo economico per rafforzare la capacità di crescita. (Polizia nazionale afgana/EPA)

Nel corso del Consiglio europeo straordinario di oggi, i leader dell'UE discuteranno di come le aziende europee possano difendersi al meglio dalla concorrenza di Stati Uniti e Cina, e della produttività a lungo termine del mercato interno europeo. Secondo De Jong, per questo occorre migliorare la capacità di crescita, anche se oggigiorno la crescita è “un concetto un po' controverso qua e là”. “Oggi all’ordine del giorno c’è una relazione sul miglioramento del mercato comune, dell’ex primo ministro italiano Enrico Letta”.

Leggi anche | L’Unione Europea investe 270 milioni di euro in Armenia

Naturalmente non è del tutto una coincidenza che questa settimana sia stata pubblicata anche la versione preliminare preparata dall'ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, che contiene possibilità per dare più dinamismo all'economia europea. “Ha molti punti di azione, quello che mi piace di più è la raccomandazione di ridurre le normative sulla crescita”.

Crescita economica variabile

Anche se De Jong trova sorprendente che due italiani lo riferiscano. “Per quanto mi riguarda, l’economia italiana non mostra alcun dinamismo di crescita da quindici anni. E poi saranno proprio gli ex primi ministri italiani a dirci come dovremmo organizzare le cose in Europa, anche se ce n’è molto bisogno urgente, in La forte crescita economica degli Stati Uniti e la vacillante economia europea permangono “In effetti, esiste una sorta di divergenza nella crescita economica. Ciò accade spesso, ma l’Europa è ora molto indietro.

READ  Giro 2023: Anteprima Tappa 2 San Salvo - È la prima occasione per i velocisti?

“Lo scettico che è in me si è svegliato stamattina. Una volta iniziato, resterà lì per un po’.

Han De Young, economista domestico

Questo crescente progresso americano può essere ricondotto in parte alla politica di bilancio estremamente accomodante del paese: nonostante il boom economico, il deficit di bilancio rimane enorme. Ciò è meno vero in Europa, il che potrebbe mitigare in qualche modo il differenziale di crescita. Tuttavia, i prezzi dell’energia in Europa sono molto più alti che negli Stati Uniti. “Ciò è in parte dovuto alle politiche che abbiamo scelto noi stessi.”

Leggi anche | “Un’intera generazione di politici e amministratori era molto ingenua nei confronti della Cina”.

Poi c’è il clima economico, che è motivo di preoccupazione in Europa e nei Paesi Bassi. “Negli ultimi anni abbiamo visto diverse aziende rinomate lasciare i Paesi Bassi. Ora si parla anche di Shell che vuole trasferirsi negli Stati Uniti. Dobbiamo prendere sul serio questo sviluppo e chiederci: qual è esattamente il motivo? ”

Agenda di Lisbona

In questo particolare contesto, una prospettiva più severa nei confronti delle crescenti normative dell'UE è di grande importanza, afferma de Jong. Anche i prezzi dell’energia meritano una revisione approfondita. “Lo scettico che è in me si è svegliato questa mattina. Una volta iniziato, continuerà per un po’. Ricordo che la cosiddetta Agenda di Lisbona è stata lanciata nel 2000, con l’obiettivo di rendere l’economia europea l’economia più competitiva al mondo. entro il 2010, con i lavori migliori, sulla base di una Conoscenza.

Leggi anche | Gli imprenditori sono sconvolti dalle differenze nelle regole alla frontiera: “Non siate ingenui”

De Jong trova doloroso concludere che questa ambizione “è completamente fallita”. A questo proposito, i recenti rapporti di Draghi e Letta offrono poche indicazioni. Siamo rimasti ancora più indietro. Mi manca una sorta di auto-riflessione critica su ciò che effettivamente è andato storto. Il percorso verso il miglioramento deve iniziare con questo modo di pensare. Ma forse stamattina mi sono alzato dal letto dalla parte sbagliata. Oggi vorrei essere sorpreso in modo molto positivo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24