L’economista Francesco Ficchi afferma che l’Italia ha “molti masticatori”. “Non è più così”

In Italia ci sono tante persone che non lavorano e quindi non pagano le tasse, così come milioni di persone che lavorano ma si arrendono così poco che difficilmente pagano le tasse. D’altra parte, c’è un gruppo di lavoratori a reddito medio-alto che pagano il prezzo pieno.

Quei cinque milioni di italiani su una popolazione totale di 60 milioni in realtà stanno tirando il carro per tutti. Questo sconvolge il giornalista televisivo ed economista Francesco Vicchi (38 anni). Di recente ha scritto un libro a riguardo: scrocono, intoccabili. Da Milano, Vicki dice via Skype: “Non può più andare avanti. L’ingiustizia sociale è così grande”.

Solo cinque milioni di italiani pagano il grosso dell’onere collettivo. Loro chi sono?

“Questo è il gruppo di persone a cui appartengo: italiani il cui reddito noto al fisco è compreso tra 35.000 e 100.000 euro. Pagano tante tasse – in media 18.000 euro – e ne beneficiano tutti”.

Oltre ai quasi 20 milioni di over 65 e bambini, si possono classificare come “scrocone” 35 milioni di italiani. Quando pensi che qualcuno sia un emarginato?

“Gli Screconies sono persone che vivono delle tasche degli altri e non pagano la loro parte del nostro carico collettivo. Mi sono occupato della nostra assistenza sanitaria. Questo ci costa circa 1.800 euro per abitante all’anno. Conto chiunque paghi di meno come una tassa tra gli intoccabili, quindi sono 35 milioni”.

Molti italiani evadono brutalmente le tasse, questo è risaputo, ma ci sono molti che si arrendono un po’?

“Purtroppo sì. I cosmetologi autonomi rinunciano a non più di 6.500 euro l’anno. Il parrucchiere medio sostiene che il suo reddito mensile è di 1.091 euro. I proprietari di discoteca rinunciano a 18.000 euro. Nel nostro Paese vivono 23 milioni di persone che si arrendono così poco che pagano in media solo 780 euro all’anno di imposta sul reddito. Questo gruppo di scruconi è enorme.

“Com’è possibile? Il nostro governo non ha un quadro chiaro di chi guadagna cosa e chi possiede cosa. Questo principalmente perché nessun partito politico, per paura che i suoi elettori si ritirino, ha fornito alle autorità fiscali abbastanza personale e risorse per controllare adeguatamente ed esporre i redditi neri”.

Francesco Vichi.

Puoi anche chiamare sfruttatori coloro che vanno in pensione troppo presto. L’età pensionabile è 67 anni, ma scrivi che quasi nessuno la raggiunge.

“Oggi gli italiani vanno in pensione, in media, a 62 anni. Un numero sorprendente di persone sta beneficiando di una miriade di eccezioni: hanno fatto un duro lavoro, hanno iniziato giovani, moglie, ecc. Penso anche che i giovani pensionati siano sccone perché lo hanno fatto “non pagare abbastanza contributi pensionistici per portare i propri vestiti. Ci sono circa 4 milioni di pensionati che hanno versato i propri contributi per non più di dieci anni. Chi li tiene? Giusto, i cinque milioni di babbei”.

Perché questi cinque milioni di contribuenti non si ribellano?

Penso che non siano a conoscenza della situazione. E perché comunque c’è poco interesse per le persone a reddito medio e alto. Hanno un lavoro e un reddito ragionevole. Di cosa devono lamentarsi? Beh, parecchio, credo. Ad esempio, possono lamentarsi del fatto che l’Istat riferisce che qui milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà, ma l’Istat non è nemmeno in grado di misurare correttamente questa povertà; Ciò avviene tramite sondaggi telefonici. Nel frattempo, tutti questi poveri ricevono assistenza e bonus.

Possiamo anche lamentarci del fatto che il nostro governo non sa esattamente chi guadagna e quali sono i suoi beni. Perché di conseguenza, anche lo stato non sa chi ha effettivamente bisogno di sostegno e quanto. Un groviglio di agenzie governative – statali, distrettuali, comunali e INPS – pagano il sostegno sotto forma di sussidio per l’alloggio, assegni familiari e reddito di cittadinanza fornito dal Movimento Cinque Stelle ai cittadini che si dichiarano poveri; Ma non sono disponibili prove convincenti. Inoltre, agenzie diverse l’una dall’altra non sanno quanti soldi stanno pagando una persona. Complessivamente, sembra essere di circa 130 miliardi di euro – il numero esatto non è nemmeno noto. Chi paga per questo? Sì, quello zoccolo duro di italiani che guadagnano tra i 35.000 e i 100.000 e quindi non hanno mai diritto a sussidi o agevolazioni».

Il nuovo presidente del Consiglio Draghi, un tecnocrate apartitico, cambierà questo? Cosa dovrebbe fare?

“La questione è complessa e i problemi sono di natura diversa. Ma molto può essere risolto attraverso la digitalizzazione. Pensa a fatture e pagamenti elettronici. E se i computer e i database del governo iniziano a comunicare bene tra loro, il governo avrà finalmente un chiaro immagine di chi lavora e chi no, e chi è caldo e chi non lavora. Quindi l’evasione fiscale massiccia può diventare visibile e può essere sanata. Spero che il governo Draghi faccia grandi passi in questa direzione. Dopotutto, noi devono tirare tutti insieme il carro. Per fortuna la tecnologia è nell’interesse di cinque milioni di italiani che non sono masticatori”.

Leggi anche:

Ancora una volta, i tecnocrati non eletti devono aiutare l’Italia a uscire dai guai

Il premier tecnocratico Mario Draghi, ex banchiere, deve tirare fuori l’Italia dalla pandemia e dalla recessione. Mostra risolutezza nei suoi primi 100 giorni. Ma ci sono anche dei dubbi. “C’è molto da aspettarsi”.

La magistratura italiana teme che la mafia si approfitti dei miliardi dell’Unione Europea. La parola ndrangheta compare dove sono i soldi

Il primo ministro italiano Mario Draghi questa settimana ha detto al parlamento come il suo governo vuole spendere miliardi dal Fondo europeo per la ripresa per mantenere l’economia sana. C’è un pericolo di fondo: la magistratura teme che la mafia cerchi i soldi.

L’Italia sta spendendo miliardi di soldi dell’UE per combattere il Corona su Internet ad alta velocità, così come per i villaggi remoti

Il governo italiano è impegnato a capire come vuole spendere oltre 200 miliardi dal fondo anti-coronavirus dell’Unione Europea. La digitalizzazione sarà la punta di diamante di Roma. Questo dovrebbe portare a uno scatto di crescita economica.

READ  Domanda di azioni al dettaglio immobiliari e aeronautiche nelle borse europee

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24