Leontine Reuter ostacolata dalla madre bipolare: 'incatenata in isolamento'

Nella serie YouTube Apri la carta L'ospite di Robert Rodenberg questa settimana è Leontine Reuter, ex moglie di Marco Borsato. In una conversazione aperta racconta, tra le altre cose, di come la malattia mentale di sua madre l'abbia trattenuta fino a poco tempo fa.

Nella serie, il conduttore Robert Rodenberg e la celebrità ospite si pongono a turno una domanda scritta su un biglietto. Come guardi alla tua giovinezza, cosa è stato il migliore e cosa è stato il più difficile? è una delle domande che Robert pone alla conduttrice del programma. “In realtà ho avuto un'infanzia molto bella”, ha iniziato. “Sono stata cresciuta in modo molto protettivo da mia madre, penso che questo mi abbia frenato in alcune aree.

trattare

La madre di Leontine, morta nel 2017, soffriva di disturbo bipolare. “È stato un periodo molto difficile”, afferma. “Quando ero molto giovane, non me ne accorgevo davvero. Ma ovviamente era sempre lì, e non sapevo niente di meglio”, continua “A causa della sua malattia ho iniziato ad adattarmi molto senza saperlo , per non lamentarsi e, soprattutto, per non essere difficile.” “Crescendo in una famiglia di cinque persone, Leontine si presentava inconsciamente come 'la ragazzina facile.' ho capito che mi dava davvero fastidio. Sono andato anche in terapia per questo.

Quando Lewontin aveva 18 anni, sua madre sperimentò per la prima volta la psicosi e fu ricoverata in una clinica per la prima volta. “Si è ripresentato, ma non è stato mai più lo stesso. Stava assumendo farmaci, il che ti faceva sentire davvero piatto. Poi ha smesso di farlo di nuovo ed è finita per diventare di nuovo psicotica. Ha continuato ad andare così per tutto il tempo.” Reuter ha poi provato a parlarne con sua madre. “Naturalmente ho cominciato a parlarne a volte quando era nella cella di isolamento, legata, perché era aggressiva mentre era psicotica. Ma lei non lo sapeva più, quindi non aveva senso. Ma ovviamente Mi sono commosso molto vedendo tua madre così ed è stato molto intenso.” “

READ  L'Ucraina sceglie di partecipare all'Eurovision Song Contest da un rifugio antiaereo

famiglia

Gli eventi della sua giovinezza si esprimevano in modi diversi: “Non sapere cosa vuoi, non essere in grado di stabilire dei limiti e adattare il comportamento e anche voler costantemente aiutare gli altri. Ma puoi farlo solo se ti prendi cura di te stesso , ed è lì che ho sbagliato. Non mi sono presa cura di me stessa. Lei si è presa cura degli altri che stavano lottando. Oltre all'impatto sulla sua salute mentale, l'attrice alla fine ha sofferto anche a livello fisico lamentele. “A causa dello stress e perché non mi ascoltavo bene, il mio esofago, l'eczema e le corde vocali non si chiudevano.

IL Un campanello d'allarme Dove Léontine decide di cercare aiuto è nelle questioni familiari. “Avevo oltrepassato così tanto i miei limiti che ho pensato: devo chiedere aiuto, devo rinunciare al mio costante desiderio di salvare tutti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24