L’Europa si è tagliata fuori dalla sua storia

Nella sua dolcezza di formaggio, le banconote in euro sono eloquenti. Nel 1996 si è tenuto un concorso di progettazione per la nuova moneta. I partecipanti hanno dovuto fotografare ponti ed edifici specifici – in una serie che va dal Pont du Gard a Nîmes (cinque euro) alla casa moderna di Rietveld-Schröder (i Cinquecento). Pertanto, la nuova moneta sarà ancorata alla storia dell’architettura europea.

Il designer Robert Kalina ha tenuto una premiata presentazione: Making Bridges and Buildings Unknown. Di conseguenza, le note nel nostro portfolio mostrano gli stili architettonici ma non i singoli edifici. La giuria dei governatori di banca deve aver temuto l’indignazione pubblica: “No, questo non è il nostro ponte europeo a Nîmes, ma il loro ponte francese!” La paura del contraccolpo nazionale ha superato il desiderio di dare terreno culturale all’euro. Occasione persa.

Questo è stato allora. Ma il mondo sta cambiando. Cina, Russia e India stanno anche lavorando per mobilitare la civiltà e la cultura sotto Xi, Putin e Modi per una politica di forza bruta. La nozione di “Occidente”, il tetto geografico e il legame culturale con il Nord America e l’Europa stanno perdendo il loro significato. Questo è un altro motivo per cui negli ultimi anni è cresciuto il desiderio di un posto tutto suo nel mondo: l’Europa non solo come faro di valori universali, ma come continente con una cultura, una storia e una storia.

Da Amsterdam vuole Rivista europea di libri, di recente Ha annunciato la sua arroganza nella fase del crowdfunding, per avviare una conversazione europea tra scrittori e intellettuali, succedendo a L. Notizie dalla Repubblica delle Lettere Dal filosofo dell’Illuminismo Pierre Bale. Sito web di alta qualità che opera da Parigi dal 2019 Il grande continente, Spinto da persone tra i 20 ei 30 anni, a mantenere il dialogo su politica, geografia, diritto e arte “sulla giusta scala”: la scala continentale.

Il multilinguismo è l’ostacolo numero uno al dibattito pubblico in Europa. Entrambe le iniziative ne fanno un punto di forza. I giovani parigini hanno iniziato in francese, ma pubblicano sempre più in italiano e spagnolo; Tedesco e polacco in arrivo. Rivista europea – che attualmente attrae autori dal Regno Unito e dagli Stati Uniti più del continente europeo – vuole pubblicare articoli in inglese e (se diverso) nella lingua dell’autore. Questo raddoppio si adatta bene al rapporto dell’Europa con i nostri spazi politici e culturali nazionali: un rifugio con un tetto comune, non la minaccia di espulsione.

Certo, l ‘”Europa” della cultura e della civiltà non corrisponde a Bruxelles. La sola partenza della Gran Bretagna (2020) va oltre il sogno dell’Unione europea che un giorno si estenderà geograficamente al continente. Anche questo rende la Brexit estremamente dolorosa, ancor più delle dispute sul merluzzo o sui vaccini: “l’Europa” come spazio per l’immaginazione perde Shakespeare, Newton e i Beatles.

Tuttavia, è necessario costruire ponti tra la sfera politico-giuridica e la cultura e la storia dell’Europa. Il problema non è che l’Unione europea è cieca alla cultura, come suggerisce Sander Blige, fondatore di Review. L’importanza economica, sociale e culturale dell’industria cinematografica o dei musei è riconosciuta anche a Bruxelles; Ci vanno miliardi.

Il vero problema è che l’Unione europea si è isolata dalla storia. In un discorso a Bruxelles, a volte sembra che l’Europa sia “nata” il 9 maggio 1950, il giorno in cui il ministro francese Schuman ne propose la fondazione. Dopo due guerre mondiali, la forte striscia del passato era chiara. Ma i paesi e i popoli d’Europa non possono costruire un futuro comune su un passato così breve e magro.

È ora di dare alla storia un diverso “personaggio principale”. Non l’integrazione del dopoguerra, con i suoi eroi e le battute d’arresto, i trattati e gli allargamenti, ma piuttosto l’Unione europea come subordinata dello Stato parte tra il 1648 e il 1914 e come espressione politica di uno spazio civilizzato che risale ad Atene e Roma, Socrate, Cicerone e Paolo.

Ovviamente questo verrà criticato. Alcuni accusano l’Europa di essere un progetto “bianco”. Ma la tradizione della ragione, del dubbio, del pluralismo e della libertà non deve necessariamente essere immersa in sentimenti di colpa e vergogna. Che la discussione abbia inizio.

L’unico leader europeo che si rende conto dell’importanza della narrativa storica non universale è Emmanuel Macron. Così come non ha voluto lasciare lo spinoso termine “ sovranità ” agli avversari dell’Europa, ma ha chiesto l’unione dal 2017, vuole poter fare appello alla civiltà e alla storia a nome dell’Europa – e non ritirarsi più dalla paura di mine inesplose nelle profondità della nostra immaginazione. Ha ragione: chi si isola dalla storia non può nemmeno immaginare un futuro.

Luke Van Medelaar Filosofo politico, storico e professore di diritto dell’Unione europea (Leida).

READ  L'Olanda oggi si tinge di rosso: questa è la reazione degli altri Paesi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24