L’ex capo della sicurezza di Bin Laden riappare in Afghanistan sotto la pesante guardia talebana

Le bandiere dei talebani sono tornate ovunque in Afghanistan.AP . immagine

Il ben consolidato posto di sicurezza degli Stati Uniti rivista di guerra lungaChe monitora da vicino i movimenti terroristici come Al-Qaeda e ISIS, conferma che si tratta dell’organizzazione Al-Haq. È la prima volta da anni che il leader afghano di al-Qaeda appare di nuovo in pubblico.

E gli abitanti di un villaggio di Nangarhar hanno ricevuto Al-Haq, che ha guidato la Guardia Nera per proteggere bin Laden. Non è chiaro quando sia stato girato il video. È stato pubblicato ore prima che gli americani si ritirassero dall’aeroporto di Kabul lunedì. Bill Roggio ha detto da rivista di guerra lunga.

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan, Ryan Crocker, è preoccupato per quella che definisce “l’eroica accoglienza” della Fondazione per il diritto e la protezione aperta di cui ora gode dai talebani. I talebani hanno ospitato bin Laden mentre era al potere in Afghanistan fino all’invasione americana del 2001.

“Il gruppo è tornato insieme”, ha detto Crocker. Washington Post in entrambi i movimenti. Temo che questo sarà un problema per i nostri figli e nipoti. Il giorno dopo l’apparizione di al-Haq, al-Qaeda si è congratulata con i talebani in una dichiarazione sulla loro “vittoria storica” ​​sugli Stati Uniti. Anche la “leadership benedetta” dei talebani è stata ampiamente elogiata.

READ  La morte di (18) tirocinanti per folgorazione presso la fabbrica di cioccolato belga | all'estero

linguaggio minaccioso

Il ritorno di “al-Haq” è il primo segnale che i talebani non agiranno se i leader di al-Qaeda riemergeranno in Afghanistan. Il suo ritorno farà suonare i campanelli d’allarme a Washington. Il presidente Biden ha dichiarato la scorsa settimana che al-Qaeda è “lontano” dall’Afghanistan. “Abbiamo rimosso al-Qaeda dall’Afghanistan”, ha detto Biden.

I talebani hanno promesso nel loro accordo di pace con gli Stati Uniti che non avrebbero permesso ad al-Qaeda e ad altri gruppi terroristici di usare nuovamente l’Afghanistan come rifugio e di pianificare attacchi contro l’Occidente. Il governo degli Stati Uniti deve ancora rispondere al ritorno di Al-Haq.

Tuttavia, mercoledì il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha pronunciato un linguaggio minaccioso quando gli è stato chiesto dell’emergere di Al-Haq. “Stiamo seguendo da vicino ciò che stanno facendo i talebani, soprattutto per quanto riguarda il terrorismo”, ha detto Stoltenberg alla BBC. Partiamo dal presupposto che manterranno i loro impegni. Gli alleati della Nato hanno la capacità di attaccare i gruppi terroristici a distanza”.

Negli ultimi due decenni, gli Stati Uniti hanno utilizzato principalmente droni armati nella lotta contro i leader di al-Qaeda e talebani. Con il ritiro dall’Afghanistan, devono ora operare dalle basi militari nell’area circostante per questi attacchi se vogliono eliminare i leader di al-Qaeda.