L’FBI aggiunge “Crypto Queen” all’elenco dei fuggitivi più ricercati

Agenzia per la protezione ambientale

NOS Novità

L’FBI ha aggiunto la co-fondatrice di OneCoin Ruja Ignatova alla sua lista di fuggitivi. Si dice che l’autoproclamata “Regina delle criptovalute” abbia guadagnato centinaia di milioni di dollari con la sua valuta digitale che, secondo Victims e American Justice, non era altro che uno schema piramidale.

OneCoin è diventato molto popolare tra gli investitori in poco tempo dopo la sua creazione nel 2014. Gli è stata promessa una criptovaluta che sarebbe stata più economica e sicura del Bitcoin leader di mercato. Nel 2016, la bulgara Ignatova è apparsa con orgoglio a un evento allo stadio di Wembley e ha viaggiato in tutto il mondo attirando investitori. Si stima che gli investitori abbiano investito quasi 4 miliardi di euro in OneCoin.

indagine polizia statunitense Ha concluso, tuttavia, che la società è stata “costituita esclusivamente per frodare gli investitori”. A differenza delle criptovalute più popolari, secondo la polizia statunitense, i dati delle transazioni in OneCoin (tramite la cosiddetta blockchain) non vengono conservati, quindi la moneta non ha valore reale.

Scomparso dal 2017

Ignatova non si vedeva in pubblico dal 2017. Ha viaggiato da Sofia ad Atene e poi è scomparsa. L’FBI offre una ricompensa fino a $ 100.000 a chiunque abbia suggerimenti su dove si trova attualmente la donna d’affari.

L’elenco dei ricercati dell’FBI esiste da 72 anni. La donna d’affari di 42 anni è solo l’undicesima donna della lista. Organizzazione Internazionale di Polizia Interpol. polizia internazionale È stato emesso un mandato di perquisizione.

Suo fratello Konstantin Ignatov, che è co-proprietario di OneCoin, è stato effettivamente arrestato nel 2019. Si è dichiarato colpevole di frode bancaria e riciclaggio di denaro e ha raggiunto un accordo. Ha testimoniato contro l’avvocato Mark Scott, che si diceva avesse anche guadagnato diversi milioni dalla società. Questo avvocato è stato condannato nel 2019 per riciclaggio di denaro di 400 milioni di dollari. Ignatov potrebbe ora collaborare con la giustizia americana nel caso contro sua sorella.

READ  La guerra in Ucraina è inevitabile o c'è ancora una via di ritorno?

in aereo da londra

Il fondatore di Investing.com Harm van Wyk è una delle vittime di OneCoin. “Come investitore, sei stato sedotto da belle storie”, ha detto a NOS su NPO Radio 1. Potrebbe essere qualcosa”.

Tuttavia, sono state ricevute sempre più indicazioni che i comunicati stampa che sono stati distribuiti si sono rivelati errati. “Lentamente ma inesorabilmente, ha cominciato a rendersi conto che non sarebbe diventato il principale concorrente di Bitcoin.”

Non si fa illusioni sul fatto che recupererà ciò che dice essere un “importo decente” che ha investito. Inoltre non crede che Ignatova sarà mai trovata. “Mi aspetto che sia andata da un chirurgo plastico da qualche parte in America Latina e poi sia andata a cercare di nuovo qualcuno”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24