Linda De Mol sul suo nuovo film “È tutto sul tavolo”: “Va bene avere segreti”

Tutto è in tavola non è basato su una sceneggiatura originale, ma è un remake del film italiano Perfetti sconosciuti.

Cosa hai trovato di così interessante nell'originale italiano? Tutto è sul tavolo È un remake?

Perfetti sconosciuti Mi ricorda un po' Un suggerimento inappropriato , dove Robert Redford offre un milione per una notte con Demi Moore, che in questo film è sposata con qualcun altro. Questo film ha portato a discussioni di ogni tipo con gli amici all'inizio degli anni '90. La domanda era sempre: lo faresti per un milione? La maggior parte di noi è d'accordo sul fatto che Robert Redford potrebbe essere facilmente convinto per 100.000 euro.

“Mi è sembrato che il tema di questo film italiano potesse portare anche a conversazioni del genere. Perché durante la cena, gli amici decidono di condividere tra loro tutti i messaggi che ricevono sul cellulare. Già mi aspettavo discussioni del tipo: 'Cosa c'è nei tuoi cellulare non consentito?' Posso saperlo?” Oppure: “Appoggiate il cellulare sempre con lo schermo rivolto verso il basso sul tavolo. Perché in realtà?

Il film suggerisce che il tuo cellulare è la scatola nera della tua vita. Hai il coraggio di condividere ogni dettaglio con il tuo partner?

“Jeroen e io ci scambiamo il codice per sbloccare i nostri telefoni. Solo perché è facile. Ad esempio, se voglio fare una foto con il suo cellulare in mano, mentre il mio è al piano di sotto. Quindi suppongo che non abbiamo davvero nulla da nasconderci l'uno dall'altro.” D'altra parte: se litighiamo e poi mando un messaggio a un amico che posso attaccare dietro la carta da parati, ovviamente non dovrebbe leggerlo. Il problema è: dovresti condividere tutto? Anche con il tuo partner? Infatti, penso che “Va bene mantenere segreti l'uno per l'altro. A volte la verità può essere sopravvalutata”.

READ  La terza stagione di "My Brilliant Friend" mostra anche come affrontare il film più venduto: il film

Sei diventato noto come presentatore, ma la recitazione è diventata più importante nel corso degli anni. Come è successo?

Estensione La prima serie TV in cui ho recitato è stata nel 1999, ma in realtà l'ho fatto quando avevo 12 anni. Solo quelli come lui lo conoscono SAT, un programma per bambini composto da schizzi. Dovevano parlare tra loro e fui subito scelto perché avevo la conversazione più facile. Ma ho anche interpretato quelle parti nel mezzo e mi sono divertito molto. Mi piaceva travestirmi e fingere di essere qualcun altro.

“Quando poi sono tornato in televisione, ho praticamente rinunciato. È così che sono entrato messaggi d'amore Ho iniziato anche a mostrare la grafica, proprio come ho fatto in seguito nei miei spettacoli tedeschi. Scritto da Edwin de Vries e risposato con Monique van de Ven. Il che alla fine li ha portati a stare insieme per cinque stagioni Estensione “Era in mostra.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24