L’Italia arresta dozzine di membri della mafia nel traffico di armi e cocaina | All’estero

In una grande operazione antimafia, questa mattina la polizia italiana ha effettuato 108 arresti nel sud Italia. Allo stesso tempo, decine di mafiosi sono stati arrestati in altri paesi europei.

La polizia italiana ha inferto un duro colpo alla ‘Ndrangheta, un famigerato sindacato mafioso calabrese, epicentro dell’Italia. Dozzine sono state arrestate in un’operazione coordinata a livello europeo. Nella sola Calabria furono arrestati 108 ‘ndranghetisti e quindici nella città di Genova, nel nord Italia. Un numero imprecisato di membri della mafia è stato ammanettato in Germania e Francia. Belgio, Spagna e Portogallo.


Quotazione

Le famiglie hanno controllato per decenni gran parte del commercio di cocaina in Europa

Gli imputati sono sospettati di traffico internazionale di cocaina su larga scala, appartenenza a un’organizzazione mafiosa e traffico di armi. In Germania, le case sono state perquisite in luoghi come Düsseldorf, Coblenza, Monaco e Saarbrücken.

Il fatturato annuo è di circa cento miliardi di euro

Tra i mafiosi arrestati vi erano esponenti delle famigerate famiglie Nirda e Strangio della città di San Luca. Le famiglie hanno controllato per decenni gran parte del commercio di cocaina in Europa, grazie ai loro stretti legami con i signori della droga sudamericani. In Sudamerica gli ‘ndranghetisti, collaborando con i cartelli, producono la propria cocaina, che viene poi trafficata in Europa in grandi quantità.


Quotazione

Secondo la giurisprudenza italiana, gli italiani del sud hanno una solida base in gran parte dell’Europa

I porti di Anversa e Rotterdam svolgono un ruolo importante nel contrabbando di cocaina. Il numero della ndrangheta è stimato intorno ai 160 clan Con un totale di seimila membri, l’organizzazione genera un fatturato annuo di 100 miliardi di euro.

READ  Queste madri lesbiche non possono più avere entrambi i certificati di nascita in Italia. "La Meloni ha iniziato una caccia alle streghe contro di noi".

e ‘stato licenziato

Secondo la magistratura italiana, gli italiani del sud hanno una solida base in gran parte dell’Europa, con la ‘Ndrangheta particolarmente radicata in Germania. Fino al 2007, l’organizzazione era relativamente sconosciuta al di fuori dell’Italia, ma l’attacco a Duisburg nell’agosto di quell’anno ha cambiato le cose.

In una sparatoria fuori da una pizzeria di quella città, sei mafiosi di San Luca sono stati uccisi da membri di un clan rivale. Gli autori di quell’attentato, Giovanni Strangio e Francesco Nirda, furono arrestati anni dopo rispettivamente ad Amstelveen e Neuvegen.


Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24