L’Italia dà il benvenuto all’arte antica saccheggiata dall’America

Tra gli oggetti consegnati dai funzionari statunitensi alle loro controparti italiane a settembre c’erano “La testa di marmo di Atena”, del valore stimato di 3 milioni di dollari, e un dipinto rubato da Ercolano, un’antica città romana vicino a Pompei.

Al di là del loro valore commerciale, le opere d’arte recuperate sono di “inestimabile importanza” per l’identità storica, artistica e culturale dell’Italia, ha dichiarato in conferenza stampa il generale Vincenzo Molinese, capo del Nucleo artistico dei Carabinieri.

A settembre, l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha affermato che gli oggetti d’antiquariato sono stati venduti da criminali e alcuni sono finiti nella collezione del miliardario gestore di hedge fund Michael Steinhardt.

L’Italia ha da tempo un problema con il saccheggio e il contrabbando del suo patrimonio artistico e archeologico, ma i Carabinieri insistono sul fatto che sono sempre più in grado di trovare e recuperare opere d’arte rubate.

Per illustrare i loro sforzi, lo scorso anno è stato aperto a Roma un museo di arte conservata, che espone dozzine di statue, giare, cofanetti, piatti e monete in una sezione della piscina di Diocleziano che un tempo era la più grande stazione termale dell’Impero Romano.

READ  Jacob Kiplimo vince ancora in Italia - Weekly Round

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24