TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’Italia è stata nuovamente colpita da una terza ondata del Coronavirus

Un ex residente di First Beach descrive com’è stato affrontare la terza ondata COVID a Firenze, in Italia, dove ora vive.

Firenze, Italia – Carmina Aguirre conosce bene la fatica del blocco.

“E ‘stato così frustrante”, ha detto Aguirre.

Si è ritirato dalla 125a divisione di guerra della Florida Air National Guard e vive stabilmente a Firenze, in Italia, dal 2019.

L’Italia vede un altro aumento dei casi, un anno dopo essere diventato il primo distretto europeo ad essere rinchiuso mentre il paese sta affrontando la sua terza ondata di coronavirus.

“Ad essere molto onesto, è davvero difficile, e penso che sia un po ‘stressante”, ha detto Aguirre. “Il modo migliore che posso dirti ora è che se fossi in un dispiegamento, ad esempio, se fossi in Iraq, avresti accesso a tutti i siti. Non sei davvero senza cose. Puoi ancora fare la spesa. Puoi fare altre cose, ma non puoi uscire. Quindi è una specie di sensazione “.

L’Italia è ora divisa in zone arancioni e rosse. Vive nella zona arancione. Viaggiare fuori Firenze è essenziale. Non le è permesso avere più di due ospiti alla volta nella sua casa. Indossare una maschera all’esterno è obbligatorio.

“Hanno molte limitazioni per te.” Ha detto Aguirre.

Ha detto che mentre molti negli Stati Uniti vedono la disponibilità diffusa di un vaccino alla fine della metropolitana, questa è una storia diversa in Italia.

“Lo offriamo solo a più di 80 persone e quindi al personale chiave, quindi sta uscendo molto lentamente qui”.

Secondo la Johns Hopkins University, solo il 4,6% circa della popolazione italiana è vaccinata.

READ  'Due Gran Premi in Italia tornano ad essere la norma annuale'

Con le persone che non possono lasciare le loro case tranne che per lavoro o salute, le restrizioni saranno presto inasprite poiché quasi tutta l’Italia sarà designata come zona rossa per Pasqua.

Aguirre ora pensa a quello che hanno già fatto molti americani e torna negli Stati Uniti.

“Per un anno intero siamo stati praticamente in una sorta di moderazione e chiusura”, ha detto Aguirre. “Manca quella libertà ed emancipazione sta davvero iniziando a diventare enorme”.