L’Italia ha bisogno di un intervento della Bce: i semi di una nuova crisi dell’euro?

La BCE rinvia la discussione sulla riduzione del suo massiccio portafoglio di obbligazioni PEPP all’inizio del prossimo anno. Ciò gli consente di continuare ad acquistare titoli di Stato italiani.

Perché questo è importante?

Gli economisti sono profondamente preoccupati per il deterioramento della situazione finanziaria italiana. Senza il sostegno della BCE, i rendimenti dei titoli di Stato italiani aumenteranno senza dubbio. O perché il primo ministro Giorgia Meloni, che ha recentemente annunciato un allentamento della politica di bilancio, rimane amico della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde.

Nelle news: Dopo la riunione di politica monetaria, che ha lasciato i tassi di interesse invariati come previsto, la BCE non ha detto nulla sul futuro del programma di emergenza PEPP (Programma di acquisto per l’emergenza pandemica). Il portafoglio del PEPP vale almeno 1.700 miliardi di euro.

  • Come suggerisce il nome, risale a molto tempo fa Programma di acquisto Dalla crisi del Corona. L’intenzione era quella di prevenire la possibile frammentazione dell’Eurozona e di impedire la speculazione contro alcuni Stati membri.
  • Inizialmente l’importo era di 750 miliardi di euro, ma è stato gradualmente aumentato fino agli attuali 1.700 miliardi di euro. Nel dicembre 2021 è stato deciso che il portafoglio non avrebbe potuto crescere a partire dall’aprile 2022, ma il reinvestimento è ancora possibile fino alla fine del 2024.
  • Gli economisti speravano di saperne di più dalla BCE sulla possibile eliminazione graduale del programma di acquisto per l’emergenza pandemica, ma Lagarde ha dato solo risposte insensate al riguardo nella sua conferenza stampa.
  • Tuttavia, quando è stato lanciato il PEPP, è stato sottolineato che gli acquisti di aiuti sarebbero stati temporanei. La crisi del Corona è ormai molto lontana da noi.
READ  Il napoletano Davide apre un'attività di street food italiano: “La salsa di pomodoro è nel mio sangue”

Italia

Ingrandisci: C’è un paese dell’Eurozona in particolare che sarà molto soddisfatto di questo status quo: l’Italia.

  • La ricerca mostra che questo paese dell’Europa meridionale ha ricevuto la maggior quantità di acquisti di aiuti dalla Banca Centrale Europea negli ultimi 15 mesi, con la Spagna al secondo posto. Non tutti gli altri paesi dell’euro sono stati effettivamente sostenuti dalla banca centrale.
  • È interessante notare che il rendimento italiano a 10 anni è sceso dopo la decisione della BCE, il che può essere visto come un segnale di maggiore fiducia nei titoli italiani. Sottolinea che gli investitori obbligazionari presuppongono che Francoforte continuerà a sostenere Roma per un po’.

Crisi dell’Euro

Il silenzio prima della tempesta? Economisti come Robin Brooks (Institute of International Finance) ritengono che il Programma di acquisto per l’emergenza pandemica distorca i segnali del mercato, in modo da non incentivare l’Italia a rimettere in ordine le proprie finanze pubbliche.

READ  Divieto nave da crociera Venezia: l'Italia paga 57,5 ​​milioni di euro di risarcimento - aziende
  • Inoltre, la pazienza dei potenti paesi dell’euro, che vedono l’euro indebolito dal deterioramento delle finanze pubbliche nell’Europa meridionale, è ora nuovamente messa alla prova.
  • Commentatore del mercato azionario olandese Korn van Zijl Predice addirittura la prossima crisi dell’euro, e non è il solo.
  • “Gli sviluppi di questa saga garantiranno che l’Italia rimanga al centro delle discussioni sul futuro quadro di governance macroeconomica dell’Eurozona”, ha scritto Oxford Economics. “La questione italiana, rimasta sopita per qualche tempo, è tornata a tormentare la politica e l’economia europea”.

(Scorciatoia ii.)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24