L’Italia potrebbe essere la scintilla della crisi dell’Euro 2.0

La crisi del coronavirus diventerà una nuova crisi dell’euro? Per la seconda volta dalla sua istituzione, venti anni fa, la moneta unica europea è sotto pressione. Come nel caso della precedente crisi dell’euro (2010-2013), la linea di faglia ora corre tra nord e sud. Adesso è tutta una questione di debiti. La fiducia degli investitori nel debito pubblico dell’Europa meridionale sta rendendo nuovamente incerto il futuro dell’euro, come valuta di diciannove paesi.

Il divario Nord-Sud non appare solo nel discorso politico – “solidarietà” contro “responsabilità”. Al vertice dei leader europei che si terrà giovedì in videoconferenza, senza dubbio verranno nuovamente scambiati termini difficili. La divisione riguarda anche i numeri. La crisi del Corona sta colpendo duramente in particolare l’Italia e la Spagna, la terza e la quarta economia della zona euro. Ogni paese in Europa ha le sue caratteristiche Vicino, con la conseguente recessione. Ma, analisiL’Europa meridionale è più vulnerabile. Non solo il virus ha colpito l’Italia e la Spagna prima e più duramente, ma essi dipendono anche dal turismo in misura superiore alla media. Hanno anche un numero relativamente elevato di lavoratori autonomi vulnerabili e di piccole imprese. Nel più giovane Previsioni del Fondo Monetario Internazionale Lo vedi di nuovo. Si prevede che quest’anno l’economia italiana subirà una contrazione di oltre il 9%, mentre quella spagnola dell’8%. In media, l’economia dell’Eurozona si contrarrà “solo” del 7,5%.

Inoltre, la posizione di partenza per realizzare la ripresa economica è debole in entrambi i paesi. Hanno poco spazio fiscale per stimolare l’economia. L’Italia ha un debito nazionale enorme (2019: 135% del PIL) e la Spagna ha un deficit di bilancio particolarmente elevato (2019: 2,6% del PIL). Ciò rischia anche di portare a un divario tra Nord e Sud nelle misure di ripresa.

“I nord europei stanno ora mettendo più soldi sul tavolo per rilanciare l’economia”, afferma Carsten Brzeski, economista di ING. “Ciò aumenta le differenze nell’Eurozona. Ora c’è una maggiore possibilità di salvare un’azienda tedesca debole che salvare un’azienda italiana sana.

Secondo il Fondo monetario internazionale La spesa pubblica diretta in risposta alla pandemia, come i sussidi salariali e il sostegno agli imprenditori, è più elevata in Germania e nei Paesi Bassi (rispettivamente 6,9 ​​e 2,7% del PIL) rispetto a Italia e Spagna (entrambi 1,2%). Inoltre, tutti i paesi forniscono garanzie di credito alle proprie aziende, ma il costo finale di tali garanzie rimane poco chiaro.

Il Sud affronta il rischio di un’ulteriore arretratezza economica, che porta a maggiore disoccupazione, povertà e disuguaglianza. A meno che Roma e Madrid non aprano generosamente i loro portafogli, ma in tal caso sarebbe a rischio soprattutto la sostenibilità del debito nazionale italiano.

Chi ripagherà i nuovi debiti italiani (e spagnoli, portoghesi e greci)?

C’erano già dubbi significativi su questa sostenibilità e il nuovo debito Corona li rafforza. Secondo il Fondo monetario internazionale, quest’anno il debito pubblico italiano salirà al 155% del Pil. La grande domanda è se l’Italia economicamente debole sarà in grado di ripagare i suoi debiti (per intero). Dopo la recessione di quest’anno, il Fondo monetario internazionale prevede una ripresa solo parziale nel 2021. L’economia italiana è cresciuta a malapena negli ultimi anni e la domanda è se questo sarà diverso dopo il Corona.

READ  Il Consiglio proroga la detenzione di Eva Kylie in attesa del processo

La crisi del debito è più vicina

Lo scenario di una crisi del debito sovrano italiano, in cui gli investitori scaricano quel debito in massa, è diventato più vicino a causa della pandemia. Ciò potrebbe colpire anche altri paesi vulnerabili, come accaduto durante la precedente crisi dell’euro. Da qui l’inevitabile domanda: chi ripagherà i nuovi debiti italiani (e spagnoli, portoghesi e greci)? La risposta finora è che ogni paese europeo sta ricorrendo al debito individualmente per combattere la crisi. La Banca Centrale Europea sta acquistando debito in grandi quantità.

Ognuno per sé e la BCE per tutti è lo slogan. Anche se l’Eurogruppo (i ministri delle Finanze dei paesi dell’euro) ha recentemente annunciato un pacchetto congiunto per affrontare la pandemia del valore di 500 miliardi di euro, compreso il credito del Fondo europeo di emergenza, ciò non allevia l’onere che grava sull’Italia. PIMCO, il più grande investitore obbligazionario al mondo, Non si chiama semplicemente volume insufficiente, ma il pacchetto è anche rischioso. È composto da credito, quindi crea “più debito”.

Questo obitorio è a Barcellona Riesce a malapena a far fronte al numero di morti dovuti a Corona.
Fotografia di Emilio Morenatti/AP

L’Eurozona, proprio come nel 2011-2012, fa molto affidamento sulla Banca Centrale Europea. La banca acquisterà quest’anno più di 1.000 miliardi di euro di debito, la maggior parte dei quali debito pubblico. Si tratta di una somma superiore a quella prevista per il nuovo debito che i paesi dell'eurozona emetteranno quest'anno, ovvero poco meno di 800 miliardi di euro, secondo il Fondo monetario internazionale.

Nonostante i pacchetti forniti dalla Banca Centrale Europea e dall’Eurogruppo, è chiaro che gli investitori sono ancora preoccupati. Mercoledì il tasso di interesse che l'Italia paga sui titoli di stato a 10 anni è aumentato più della Germania, attestandosi al 2,8%. Questo dato non è così elevato come nel 2011 (5 punti percentuali), ma è preoccupante. Ciò aumenta la pressione sulla leadership dell’UE affinché proponga misure aggiuntive. cosa dovrebbe essere fatto?

Nelle ultime settimane, gran parte dell’energia politica si è concentrata sul dibattito su quanta responsabilità fiscale l’Europa possa assumersi come blocco. La domanda chiave è: il nuovo debito può e deve essere finanziato congiuntamente? Anche questa discussione procede lungo linee classiche. Il “Nord” ritiene che il passo verso il finanziamento dei debiti congiunti (Eurobond, Coronabond) sia un passo troppo lontano, soprattutto senza condizioni riguardanti lo scopo del sistema monetario e di pagamento. Il Sud vede il Covid-19 come una nuova opportunità per portare avanti insieme il debito. Ciò rende l’indebitamento più economico rispetto a quello a livello nazionale e, soprattutto, mantiene sotto controllo la montagna del debito nazionale.

READ  Gli esperti temono carenza di Nutella a causa della crisi in Turchia

Secondo molti economisti c'è qualcosa di strano nell'opposizione di principio della Corea del Nord agli eurobond. Tra questi c'è Klaus Regling, il capo tedesco del fondo di emergenza del Meccanismo Europeo di Stabilità, che ha aiutato Grecia e Spagna, tra gli altri paesi, nella precedente crisi dell'euro. In conversazione con Financial Times Ha spiegato che l’Europa emette debito congiuntamente da decenni. “Ogni volta che la Banca europea per gli investimenti, la Commissione europea o il Meccanismo europeo di stabilità emettono prestiti, si tratta di un debito condiviso”, ha affermato. Insieme, le tre istituzioni hanno più di 800 miliardi di euro in circolazione.

Obbligazioni europee dopo la crisi petrolifera

SU Sito economico VoxEU Tre economisti tedeschi scrivono che i paesi europei hanno garantito congiuntamente il debito più volte a partire dagli anni ’70. L’origine delle obbligazioni comuni risiede nella crisi petrolifera del 1973. Che, proprio come ora Corona, causò turbolenze economiche in tutti i paesi dell’Unione, con l’Italia che fu il più difficile: il suo PIL si contrasse del 2% nel 1975.

A quel tempo era guidata dalla Germania Meccanismo di prestito comunitario Dimostrare. La Commissione Europea è entrata nel mercato dei capitali e ha prestato denaro (fino a 3 miliardi di dollari) destinato ai paesi in difficoltà. Il primo prestito è stato concesso all’Italia nel 1976. Fino alla precedente crisi dell’euro, questo meccanismo era stato utilizzato dodici volte. Tuttavia, la resistenza nordica ad un’ulteriore condivisione del debito è una realtà. Ciò è in parte comprensibile, afferma Harald Bennink, professore di finanza internazionale a Tilburg. “Ciò che non dovremmo assolutamente volere è che tutti i paesi dell’euro accumulino deficit finanziari nazionali e poi siano finanziati congiuntamente”, afferma. Secondo Bennink, ciò toglie ai paesi con deficit elevati la disciplina necessaria per ridurlo. In ogni caso, questo scenario è già diventato impensabile, perché la cancelliera tedesca Angela Merkel ha posto il veto sugli Eurobond due settimane fa.

Bennink vede un altro modo per sostenere congiuntamente il peso dei paesi più colpiti, attraverso le tre istituzioni citate anche da Regling. Bennink: “È possibile fissare obiettivi di spesa, ovvero nessuna spesa corrente, e finanziarli tramite la Banca europea per gli investimenti, il Meccanismo europeo di stabilità o la Commissione europea, con una garanzia dei paesi dell’euro.

Secondo lui è importante che il denaro serva da investimento nell'Europa meridionale e non da prestito. “Investimenti condizionati, ad esempio in progetti che promuovono la crescita. “Consideratelo come il Fondo europeo Wopke-Wiebes”, ha scherzato Bennink, riferendosi ai piani olandesi di creare un fondo di investimento su larga scala. Se questi importi fossero concessi come prestiti alla Spagna e all’Italia, si aggiungerebbero al debito nazionale e gli investitori potrebbero ancora aumentare gli interessi su tali debiti. Pennink: “Anche i mercati finanziari vogliono vedere una ripresa dopo questo periodo. Se non lo vedono, ci troviamo in una crisi dell’Euro 2.0”.

READ  La Banca centrale europea ha deciso di aumentare i tassi di interesse per la prima volta dal 2011

Se il vertice UE si concludesse senza una rete di sicurezza comune contro il coronavirus, i politici invierebbero di fatto un segnale alla BCE: il conto della crisi del coronavirus è vostro. La Bce, invece, ha già compiuto un passo senza precedenti: nell’ambito del suo pacchetto di acquisti da 750 miliardi di euro contro la pandemia, ha abbassato i limiti di acquisto applicati finora. Adotta inoltre un approccio flessibile alla distribuzione degli acquisti tra i paesi. Ciò rende più semplice aiutare i singoli paesi. La Banca Centrale Europea è già intervenuta a marzo Chiaramente a favore Italia: il 35% del debito totale acquistato era italiano.

uno di Nove fabbriche di bare a Peñor, Spagna. Tutti hanno raddoppiato la loro produzione dopo la pandemia.
Fotografia di Miguel Rioba/AFP

La BCE potrebbe andare oltre: acquistare più debito e allentare più regole. Più si fa questo, più ci si avvicina al “finanziamento monetario”: finanziamento diretto dei bilanci pubblici. Il trattato UE lo vieta, ma molti economisti invitano a ignorare questo divieto in questi tempi di crisi. Ad esempio, il professore di Groningen Lex Hoogduin invoca “scoprimenti di conto” da parte della banca centrale.

Sembra allettante che i politici deferiscano il disegno di legge sulla crisi del Corona alla Banca Centrale Europea

La democrazia ha trasceso

Sembra allettante per i politici del Nord Europa deferire il disegno di legge sulla crisi del Corona alla Banca Centrale Europea. Pertanto, le decisioni difficili non hanno bisogno di essere spiegate agli elettori; I banchieri centrali non eletti, come Christine Lagarde e Klaas Knott, possono aggirare questo problema. In effetti, la democrazia viene quindi aggirata.

Leggi anche

Node chiede la creazione di una rete di sicurezza contro il coronavirus per i paesi dell’euro

Il presidente della DNB Klaas Knott: “Se vedete cosa sta succedendo ora in Italia e Spagna con il virus Corona, penso che l’appello alla solidarietà sia molto logico”.

Al di là di questa obiezione di principio, ci sono altri rischi associati al sovraccarico della BCE. Tutti gli effetti collaterali dei massicci acquisti di obbligazioni da parte delle banche centrali si ripercuoteranno poi sulla politica. I fondi pensione olandesi soffrono già gravemente dei tassi di interesse molto bassi sul mercato dei capitali, che sono stati ulteriormente ridotti dagli acquisti della Banca Centrale Europea.

Rifiutarsi di condividere i rischi politici del debito legato al coronavirus significa una maggiore condivisione dei rischi all’interno della Banca Centrale Europea, afferma l’economista politico americano Eric Jones. recentemente sostenuto in un articolo. Anche questo ha un prezzo. Se il valore del debito pubblico acquistato diminuisce, i bilanci della BCE e delle banche centrali nazionali che acquistano per conto della BCE subiranno perdite. Se l’Italia fallisse, la Banca Centrale Europea parteciperebbe alla ristrutturazione del debito del governo italiano, con perdite ancora maggiori in bilancio. Nessuno sa esattamente come andrà a finire e chi pagherà per queste perdite.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24