L’Italia sta creando isole prive di virus per attirare i turisti: “ La speranza è che le persone ora osino andare presto in vacanza qui ”

Le vacanze si avvicinano e i paesi stanno cercando di fare tutto il possibile per salvare la stagione turistica. L’Italia non fa eccezione: la vaccinazione dei residenti delle isole turistiche è ormai una priorità lì.

Sull’isola d’Ischia squilla di nuovo il telefono e tornano le prenotazioni, perché ormai il 68 per cento dei residenti è stato vaccinato. Un’altra settimana dopo la quale verrà annunciato che l’isola di 60.000 persone è libera dal virus. Le isole di Capri e Procida sono davvero le stesse, il che rende nuovamente possibile il turismo a breve termine.

Prima le carote

Maria Rossetti è stata finora soddisfatta dell’affluenza alle urne. Sta lavorando con l’ASL locale, dice il GGD italiano, e vede che la campagna ad Ischia sta andando bene. “Ovviamente ci sono persone che non lo vogliono necessariamente, dopotutto è una vaccinazione volontaria e ci sono persone che non possono ottenere un vaccino. Quindi speravamo nell’85% e sicuramente raggiungeremo questa percentuale”.

Giovani e meno giovani sono attualmente vaccinati in una campagna di vaccinazione su larga scala iniziata all’inizio di questo mese. Ciò significa che i giovani dell’isola hanno maggiori probabilità di ricevere la vaccinazione rispetto agli anziani che vivono sulla terraferma.

Maria Rossetti

Le isole sono luoghi in pericolo

Rossetti non è d’accordo con il suggerimento che il piano fosse concepito solo per salvare il turismo. “No, la strategia è quella di permettere ai deboli di arrivare per primi, ma anche ai luoghi a rischio. Le isole lontane hanno infrastrutture e cure carenti”.

“Se qualcuno si ammala gravemente qui, dovrà essere trasportato sulla terraferma in elicottero”, spiega. “Ma ovviamente è anche per il turismo. Quest’isola, come altre isole, dipende quasi completamente dal turismo e si spera che le persone ora osino andare in vacanza qui presto”.

READ  Honda soddisfatta dopo venerdì in Spagna: 'giornata semplice, tutto è filato liscio'

Leggi anche

Le porte si aprono per i turisti

Il turismo in Italia rappresenta oltre il 13 per cento dell’economia. Quindi il governo italiano spera che il paese attiri nuovamente i visitatori presto. Per questo il premier Mario Draghi ha detto che l’Italia aprirà le porte ai turisti già a metà maggio e non aspetterà decisioni, che a livello europeo non sono attese fino a metà giugno.

Leggi anche

L’impegno di quarantena è stato annullato da questo fine settimana. Ciò significa che le persone non devono più mettere in quarantena all’arrivo: è sufficiente un test corona negativo e presto sarà sufficiente anche un certificato di vaccinazione o una prova della recente infezione da corona di qualcuno.

Elena Leonessa

Elena Leonessa

L’Ischia deve essere viva

La vaccinazione prioritaria delle isole turistiche fa parte di questa strategia. La proprietaria dell’hotel Elena Leonisa se ne è già accorta nelle scorse settimane, quando è stato annunciato che Ischia sarebbe stata Corona-free. Il telefono squillò di nuovo e le prenotazioni tornarono. Anche dall’esterno.

“Di solito siamo molto impegnati nella stagione turistica a metà maggio, ma quest’anno quasi tutto è ancora chiuso”, dice. “Non dovrebbe essere così. Ischia deve essere viva, piena di visitatori. La vacanza è il periodo più bello dell’anno per molte persone. Spero davvero che anche quest’anno regaliamo a molte persone un momento indimenticabile”.

Guarda il servizio televisivo qui

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24