L'itterbio proviene da una cava molto umile in Svezia

È un mistero che studenti e turisti non vengano portati a Ytterby sugli autobus contemporaneamente. Il villaggio svedese, situato sull'isola di Risaru vicino a Stoccolma, è un luogo affascinante nella storia della chimica. La cava di Ytterby si trova nel villaggio. Almeno nove elementi sono stati scoperti nelle rocce di questa cava, spesso chiamate in base alla posizione: ittrio, erbio, terbio, scandio, tulio, olmio, disprosio, lutezio e itterbio.

Qualsiasi commerciante di piccola città potrebbe trasformarlo in una terra santa per gli alchimisti, con percorsi pedonali, esperienze di discesa in corda doppia e negozi di spazzatura, ma in realtà la cava è in gran parte verde. Due modesti quadri fanno capire ai passanti che appartiene a uno di essi Traguardo storico Situazioni.

La cava fu utilizzata tra il 1600 e il 1930, e vi si estraevano quarzo (per la produzione del ferro) e feldspato (per la ceramica). Tra il 1953 e il 1995 l’esercito svedese utilizzò questo stretto, profondo ormai 170 metri, come deposito di carburante. È stato anche grazie alla presenza militare in questa zona, luogo eccellente per proteggere Stoccolma dagli attacchi provenienti dal mare, che i reperti sono stati rinvenuti.

Nel 1787, Carl Axel Arrhenius era di stanza a Vaxholm, su un'isola vicino a Ytterby. Nei suoi primi giorni nell'esercito, Arrhenius si occupò della polvere da sparo, cosa che suscitò il suo interesse per la chimica e la mineralogia. Quando visitò la cava di Ytterby come ufficiale di Vaxholm, notò strane macchie nere nella roccia.

Mandò un pezzo della pietra nera al suo amico, il chimico Johann Gadolin. Si rese conto che il minerale, inizialmente chiamato yitterbite e ora chiamato gadolonite, era composto per oltre il 40% da un minerale sconosciuto. I chimici si sono preoccupati del metallo per due secoli, perché si è rivelato difficile isolare i metalli in esso contenuti.

READ  La startup vuole utilizzare la polvere di ferro come fonte di energia sostenibile

Gadolin chiamò la roccia “terra rara”, supponendo che la sostanza scura non fosse comune. È ormai noto che i metalli delle terre rare non sono molto rari, ma sono difficili da estrarre.

Tutti i tipi di dispositivi high-tech

L'esistenza dell'itterbio, il numero 70 della tavola periodica, divenne nota nel 1878 grazie al lavoro di Jean-Charles Gallicard de Marignac presso l'Università di Ginevra. Un campione puro non fu ottenuto fino al 1953.

I metalli delle terre rare sono essenziali in tutti i tipi di dispositivi high-tech. Grazie alla radiazione infrarossa che emettono, i laser a itterbio sono adatti per la rimozione di tatuaggi e altre applicazioni mediche di precisione. L'itterbio viene utilizzato anche nell'ultima generazione di orologi atomici. Gli orologi atomici “ticchettano” perché gli elettroni continuano a passare tra due livelli energetici e gli elettroni nell'itterbio sembrano essere molto stabili.

Leggi anche
Gli orologi più precisi del mondo stanno migliorando: dopo 14 miliardi di anni sono fuori sincronia di un secondo

Due anni fa l’itterbio sorprese l’astronomia. I ricercatori dell’Università di Lund hanno poi scoperto che l’elemento proviene da due processi cosmologici. Una parte dell'itterbio nell'universo è formata dalle esplosioni di stelle massicce e di breve durata, mentre una parte proviene da stelle più comuni che creano itterbio nelle fasi finali della loro esistenza.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24