Lo skater Berber Funk di Appelscha viaggia per il mondo su ruote e ha sede in Italia

Berber Funk, 27 anni, nei prossimi mesi volerà in giro per il mondo su ruote e l'Italia sarà la sua casa. Lì la pattinatrice appelscha ha trovato non solo l'amore, ma anche la gioia nel suo sport.

“Credo che piano piano mi sentirò più italiano.” Era fuori prima che tu te ne rendessi conto. Tuttavia, Berber Funk mantiene fermamente le sue parole quando parla del processo di integrazione nella sua nuova patria tramite connessione video. Recentemente ha notato le differenze quando è venuta in visita una parte di una squadra di sci olandese. “Si sono allenati con i pantaloncini. Pensavo facesse freddo perché sono abituato alle alte temperature”.

Le risate risuonano nell'appartamento dove Funk vive con il suo ragazzo, Andrea Begin, da quasi due anni. Nato a Venezia, è un ex campione del mondo di pattinaggio in linea, ed ora è allenatore e rappresentante di un marchio internazionale di pattinaggio in linea.

Riprenditi il ​​divertimento

I due si sono conosciuti a fine estate 2021, quando Funk era a Terni, più di 100 chilometri sopra Roma, per prepararsi ai Mondiali. “Abbiamo iniziato a parlare e ad un certo punto mi ha chiesto scherzosamente: Perché non vieni da noi?” Allo sci club locale di Casser, ha potuto riscoprire la gioia per questo sport sotto la sua guida. L'amore è arrivato dopo.

Il Funk aveva perso il divertimento negli anni precedenti a causa di vari contrattempi. Ha smesso di praticare la maratona di pattinaggio dopo che il ferro di un collega le ha lasciato una ferita profonda 20 centimetri nel braccio durante una caduta alla fine del 2019. La paura di un altro incidente non è scomparsa da allora. In precedenza, due polmoniti, un polso rotto e una frattura alla parte inferiore della gamba hanno portato al ritorno del pluricampione nazionale di sci.

Motivazione persa

“Inoltre, mia madre ha avuto un’emorragia cerebrale nel bel mezzo del periodo del Corona virus e fortunatamente ora si è ripresa”. Tuttavia, le preoccupazioni connesse riguardano i costi energetici. Le competizioni si sono rivelate impossibili per molto tempo a causa della pandemia. “Ma mi sono appena allenato, un po' con il pilota automatico.” Senza obiettivi su cui lavorare, la motivazione è scomparsa. “E quando sono tornati di nuovo lì, non ha funzionato affatto.”

READ  Charles Leclerc si diverte a combattere con Max Verstappen: 'Voglio correre forte' | sport motoristici

Con la possibilità di non avere un posto nel KNSB North Talent Team (KTT) nel 2022 a causa del limite di età appena imposto, Vonk ha deciso di accettare l'offerta di Bighin. “Sapevo che qualcosa doveva cambiare per ripristinare il fuoco sacro.” Quattro giorni dopo la Coppa del Mondo, sono andato in Italia.

Funk ora si sta divertendo moltissimo La dolce vita Anche se all'inizio ha dovuto abituarsi alla lingua, al cibo e alla cultura. “Penso che mi ci sia voluto un anno per farlo.” Non aspettarti ancora frasi fluenti in italiano. “Ma capisco tutto e quando parlo in inglese la maggior parte delle persone mi capisce”. A questo proposito è importante che il territorio attorno a Venezia attiri molti turisti, soprattutto nel periodo estivo. “Dovrebbero anche essere in grado di comunicare con loro.”

“Perfetto per sciare”

Huize Vonk-Bighin si trova a Treviso, città situata tra le Dolomiti e il mare Adriatico. Non è la parte più bella del paese. “Ma è perfetto per sciare. Lo standard è alto e ci sono cinque piste all'aperto nella zona, tutte in quindici minuti. Abbiamo problemi solo quando piove.”

Lo snowboard è molto più diffuso in Italia che nei Paesi Bassi. “Lo si vede dal numero di medaglie vinte dalla nazionale ai campionati europei e mondiali, ma lo si nota anche quando si va a una competizione regionale”, dice Funk. “A volte ci sono fino a 140 ragazze al via in una categoria. Ai Campionati Italiani Indoor per la fascia di età dai 12 ai 14 anni hanno preso parte più di mille partecipanti.

La soglia come limite

Si allena secondo gli orari del suo ragazzo. “Funziona molto bene, anche durante le competizioni.” Come allenatore e allievo, a volte possono sanguinarsi le unghie l'uno dell'altro a causa di un brutto calcio d'angolo o di un errore di sorpasso. “Ma una volta tornati a casa, saremo solo una coppia. Deve essere così, altrimenti resteremo solo a pattinare tutto il giorno, ahah.”

READ  Lo sciatto Liverpool non riesce a sbarazzarsi dei rifiuti di CL contro il Crystal Palace | calcio straniero

Il trasferimento a Treviso ha portato benefici alla Funk sia fisicamente che mentalmente, anche se all'inizio ha dovuto faticare molto per integrarsi con i nuovi compagni di club. “Ci alleniamo più duramente qui.” Laddove gli allenatori nei Paesi Bassi concedono ai propri studenti il ​​riposo tra determinati blocchi o esercizi di recupero, in Italia una cosa del genere raramente esiste. “Andrea ci lascia andare per due ore.”

“Totalmente rotto”

Chi non è abituato raggiungerà rapidamente i propri limiti. In diverse occasioni, Funk è tornato a casa “completamente devastato” nelle prime settimane. “Ma ora ho scoperto che questo funziona per me.” È diventata condizionatamente più forte e ora può continuare dal punto in cui la sua forza era precedentemente esaurita. Tempi di ciclo migliori lo confermano.

Un'altra differenza: Mentalità . “Come cittadini olandesi, a causa di un complesso di inferiorità, siamo pronti a collocarci tra i corridori di alcuni paesi quando valutiamo le possibilità di medaglia. Qui, gli allenatori insegnano ai talenti fin dalla tenera età che devono spingersi avanti per vincere. Con questo in mente, Funk cerca anche di fare scelte diverse durante le gare rispetto a prima: “Preferirei finire quarta se avessi lottato per l'oro piuttosto che per un secondo senza rischi.”

Anche Funk ha corso questo rischio lasciando il suo lavoro nel settore dell'assistenza alle dipendenze per rendere possibile l'avventura italiana. Tuttavia, vale la pena fare un atto di fede. Senza dover lavorare durante il giorno, hai finalmente tempo per riposarti prima e dopo l'allenamento. “E posso riutilizzare l'energia che ho risparmiato nell'allenamento.”

Nuova squadra

Lo svantaggio è che i soldi in arrivo sono pochi, ma Funk e Begin hanno trovato una soluzione parziale a questo problema creando una nuova squadra di professionisti lo scorso inverno. Correndo per la squadra mondiale SPPSSK (le lettere stanno per un produttore specializzato in cuscinetti in linea), lo sponsor si farà carico di tutti i costi di hotel, volo e altri costi in questa stagione.

READ  Campo sportivo: la Juventus piange Francesco Moreni (77) | gli sport

Si tratta di un gruppo internazionale che, oltre ai Funk, comprende anche atleti provenienti da Italia, Colombia e Hong Kong. Viaggeranno insieme in giro per il mondo nei prossimi mesi sotto la bandiera di diverse federazioni sportive in Spagna, Germania, Paesi Bassi, Belgio e altre. Vengono visitate anche le città cinesi di Shanghai e L'Avana, Cuba.

Concentrati sulla maratona

“Una grande avventura”, dice Funk. È felice che l'attenzione sia concentrata sulla maratona. “Perché più dura la gara, meglio mi sento”. Tuttavia, le donne SPPSK gareggeranno anche in una serie di sezioni di pista del circuito della Coppa Europa, nei panni dell'allenatrice e specialista di supporto della pista Ilaria Carrier. I primi due sono già accaduti.

Di tanto in tanto, Funk dovrà tornare in Olanda di tanto in tanto per qualificarsi ai Campionati Nazionali di Rotterdam (9-11 maggio) per il Campionato Europeo e la Coppa del Mondo entro la fine dell'anno. Una formalità che – visti i suoi impegni – crea un po' di confusione. “Ma è possibile e logico che il sistema sia strutturato in questo modo”. Tuttavia, a differenza di prima, ha saltato alcune delle altre competizioni.

Mondiali a Pescara

Funk vuole solo dare il meglio di sé ai Mondiali di Pescara (13-21 settembre). Per la prima volta nella storia, la maratona non sarà organizzata con le squadre nazionali, ma con l'iscrizione gratuita, in modo che i corridori di squadre come SPPSK possano unire i loro sforzi. Durante le altre gare, i partecipanti indossano l'abito nazionale.

Funk spera che le cose finalmente vadano bene quest'anno, senza infortuni che potrebbero far deragliare i piani. “Invecchiando, mi rendo conto sempre di più che restare in salute e divertirsi è la cosa più importante.” Sì, vincere una volta al World Ski Marathon Tour sarebbe fantastico. “Ma se a fine stagione posso dire di aver dato il massimo in ogni partita e guardarmi indietro con il sorriso, allora sono soddisfatto anch'io”, ha aggiunto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24