TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’opera di Bassin, rubata dai nazisti, è stata scoperta dopo la Mostra di Maastricht in Italia

La polizia italiana ha sequestrato un dipinto del pittore francese del XVII secolo Nicola Pussin. I soldati tedeschi hanno rubato opere d’arte ai proprietari ebrei in Francia durante la seconda guerra mondiale. Un coordinatore artistico ha approvato il lavoro in una mostra a Maastricht nel 2019, dopodiché potrebbe essere scoperto. L’opera è stata restituita ai legittimi proprietari.

Il dipinto è stato scoperto dalle autorità italiane a casa di un antiquario vicino a Batuatu. Quest’opera, rappresentazione biblica di Lot e delle sue figlie, è nella lista francese delle arti saccheggiate dal 1947.

Non appena la guerra finì, i proprietari ei loro discendenti iniziarono a cercare il dipinto. Non è chiaro dove fosse questo lavoro negli anni del secondo dopoguerra. Sarà esposto in Belgio nel 2017 e nei Paesi Bassi due anni dopo. Secondo i media italiani, è stato mostrato lì durante la mostra d’arte TEFAF a Maastricht.

Approvato

Un esperto olandese residente in Italia avrebbe riconosciuto il lavoro lì. Il comparatore si è reso conto che quest’opera era sulla lista ufficiale delle opere d’arte rubate. Ciò alla fine ha portato alla cattura di un’indagine e di uno schizzo, rapporti 1 Limburg.

Nicola Bassin (1594-1665) è considerato uno dei più importanti rappresentanti dei classici francesi del XVII secolo. Ha prestato servizio per il re francese Luigi XIII in Italia e Francia.

READ  L'Italia forma la Silicon Valley dell'agricoltura