L’Organizzazione per la giustizia degli Stati Uniti ha anche richiesto dati telefonici a un giornalista della CNN sotto Trump

L’amministrazione Trump non aveva solo i tabulati telefonici del 2017 Il Washington Post Ha richiesto, oltre a informazioni sulla giornalista della CNN Barbara Starr. Il Dipartimento di Giustizia ha ricevuto informazioni sull’uso di e-mail e telefono da un corrispondente del Pentagono per i mesi di giugno e luglio di quell’anno.

Starr è stato recentemente avvisato dalla giustizia. Non è stato menzionato il motivo per cui i suoi dati sono stati richiesti, ma si dice che non ci siano indagini contro di lei. I dati potrebbero mostrare chi ha parlato con il giornalista.

Il presidente Trump è noto per essere frustrato dalle fughe di notizie dalla sua amministrazione. Durante questo periodo, Starr ha lavorato su storie sui negoziati con la Corea del Nord e sulle guerre in Siria e Afghanistan. I giornalisti del Washington Post hanno scritto articoli sugli stretti legami tra la Russia e l’amministrazione Trump.

Il presidente della CNN Zucker ha affermato che la richiesta di dati telefonici ai giornalisti è in contrasto con il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che garantisce la libertà di stampa e la libertà di parola. “La CNN condanna fermamente le indagini riservate su qualsiasi dettaglio della corrispondenza di un giornalista”.

“Raccolta di notizie frustrante”

Un portavoce della giustizia ha detto in precedenza sui dati del Washington Post che i giornalisti stessi non erano l’obiettivo dell’indagine. “Non si trattava dei destinatari delle informazioni, ma di coloro che avevano accesso alle informazioni della Difesa Nazionale e le hanno trasmesse ai media. In tal modo, hanno violato il loro dovere legale di mantenerle riservate”.

READ  Smascherare il crimine d'onore degli omosessuali (20) in Iran attraverso i social media

È scioccante che le pratiche vadano oltre il Washington Post, afferma Bruce Brown, presidente di un gruppo di difesa dei media. “La grande storia è diventata più grande con questo”, dice a Politico. “Il fatto che anche un’altra organizzazione sia stata presa di mira dimostra che le indagini su fonti giornalistiche sono state più frequenti sotto l’amministrazione Trump, nella speranza di ostacolare la raccolta di notizie”.

Il presidente Biden ha descritto questa pratica come sbagliata quando gli è stato chiesto durante un’intervista a un giornale. “Questo non accadrà sotto la mia guida”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24