Louis Macmillan afferma che il campo scozzese è più ottimista della competizione italiana dopo diversi mesi di preparazione alla Coppa del Mondo

C’è uno stato d’animo unico di ottimismo e attesa mentre il campo scozzese si prepara a incontrare l’Italia sabato. Una sensazione così positiva potrebbe essere sorta quando la squadra ha perso 52-10 contro l’Inghilterra nella prima partita del Sei Nazioni femminile quest’anno, ma ci sono buone ragioni alla base.

Per prima cosa, perdere in Inghilterra non è una novità, quindi non provocare una triste ricerca dell’anima. Quando hai una squadra semi-professionista che si scontra con avversari professionisti, ci sarà solo un effetto, ed è ciò che accade ogni volta che le squadre si incontrano in questo secolo.

In effetti, c’erano elementi di quella prestazione a Doncaster, soprattutto nel secondo tempo, che avrebbero potuto ispirare la squadra di Brian Eisen. In particolare, la loro forma fisica era eccellente, un fattore che potrebbe essere cruciale nella competizione molto serrata contro gli italiani in Scozia.

Inoltre, sebbene nessuno della squadra attuale abbia l’esperienza personale di battere l’Inghilterra, molti sono stati coinvolti nella vittoria del 2017 sull’Italia. Quindi la Scozia sapeva che era una partita vincente. Inoltre, preparandosi per una partita contro gli italiani per diversi mesi l’anno scorso e non giocando mai alla fine, i giocatori si sentono particolarmente brevi per la partita.

“Uno dei motivi per cui siamo tutti così entusiasti di giocare a questo gioco è che dobbiamo giocarci in una partita di qualificazione alla Coppa del Mondo”, spiega l’attaccante Louis Macmillan. “Molti dei nostri prodotti erano destinati all’Italia alla fine dello scorso anno, quindi anche se era una partita a sei nazioni, eravamo molto entusiasti perché era la partita che dovevamo vincere per qualificarci ai Mondiali.

READ  "Siamo la migliore squadra d'Italia, lo scudetto è il nostro unico obiettivo"

“È una partita molto difficile ogni volta che li giochiamo. Hanno alcuni pionieri forti che possono muoversi nel parco.

“Non importa contro chi giochiamo, possiamo battere chiunque se giochiamo bene. Come squadra crediamo: più che mai, questa squadra ha guadagnato fiducia”.

Eason ha convenuto dopo la partita dell’Inghilterra che i suoi giocatori “si sono seduti e hanno aspettato ciò che l’Inghilterra avrebbe portato” nel primo tempo. Ma l’allenatore è stato soddisfatto della risposta ad alcune delle dure parole dei suoi giocatori a metà tempo, e Macmillan spera che il miglioramento della competitività dopo la pausa metterà l’Italia in buona forma mentre attendono con ansia la partita.

“Il primo semestre non è uscito rapidamente come avremmo voluto. L’anno scorso non abbiamo avuto la capacità di fermare le cose. Quest’anno siamo stati in grado di chattare a metà, abbiamo lavorato su cose, siamo usciti e abbiamo ha davvero avuto la migliore prestazione nella seconda metà.

“Entrando in questo, sapevamo che saremmo stati nella migliore forma che avremmo potuto essere come squadra. Sentivamo di essere molto talentuosi per aver messo piede nel parco. È molto più pronto di quanto mi sentissi giocando con l’Inghilterra.

“Quindi la nostra produzione è stata buona, e quindi ci siamo sentiti molto positivi. Sapevamo che molte cose su cui volevamo lavorare erano buone. Ci siamo resi conto di aver apportato miglioramenti rispetto alla nostra prestazione contro la stessa squadra l’anno scorso”.

Normalmente un difensore in avanti, Macmillan è stato bloccato per il suo primo viaggio la scorsa settimana e sarà rieletto lì sabato per quello che sarà il suo venticinquesimo cappello. Ancora solo 23 anni, sente che il tempo è volato da quando ha chiuso per la prima volta da adolescente.

READ  Vertonghen non vuole elogiare troppo l'Italia: 'Mi hanno infastidito' | EURO2020

“Allora ci siamo semplicemente accorti. Non sembra che abbia giocato con la maglia per molto tempo, ma se guardi indietro sono stati cinque anni della tua vita. Ho avuto il mio primo cappello quando ero al primo anno di università e ora mi sono laureato.

“Ho adorato tutti i cappelli che ho ricevuto, ma è stato così speciale quando abbiamo giocato in Spagna, uno dei miei amici più cari, Mai McDonald, ha ottenuto il suo primo cappello. Abbiamo allenato insieme dall’età di 13, 14, 15, quindi quel giorno è stato molto speciale quando abbiamo vinto la Spagna.

“Il mio primo cappello è stato molto importante per me – era in Scozia, i miei genitori e la mia famiglia erano lì. Ero una ragazza della costa occidentale, quindi mi sono sentita molto fortunata perché così tanti della mia famiglia e dei miei amici sono stati in grado di arrivare a questo. Ho giocato con mia sorella. [Siobhan, a prop] Inoltre, anche quei cappelli sono così speciali. ”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24