L’uccisione degli ostaggi aumenta la pressione su Netanyahu

È stato lo stesso Netanyahu a definire la differenza tra vittoria e sconfitta. “C’era molto vicino”, ha detto il primo ministro israeliano durante la sua conferenza stampa sabato sera, alzando il pollice all’indice e al medio. Ha continuato: “Da quella tragedia, un pensiero mi ha perseguitato: e se le cose fossero andate diversamente?”

Come avrebbe voluto che le cose andassero diversamente, e non solo per la sorte di questi tre ostaggi. Sono rimasti vivi a Gaza per settanta giorni dopo il loro rapimento. Sono scappati? I sequestratori sono fuggiti dall’avanzata dell’esercito israeliano? “Terroristi!” ha gridato un soldato israeliano, dopodiché un altro soldato ha sparato a due di loro, anche se erano a torso nudo e agitavano un panno bianco. Il terzo si nascose. Un’unità militare si è avvicinata e gli ha sparato uccidendolo, anche se stava ancora gridando “aiuto” in ebraico. Il grido di “smettere di sparare” del comandante, rendendosi conto di ciò che stava accadendo, è arrivato troppo tardi.

Amos Harel ha scritto: “Se solo l’incidente si fosse concluso con l’eroico salvataggio degli ostaggi”. HaaretzSecondo quanto riferito, Netanyahu si è rivolto alla nazione e si è vantato che è stata solo la sua resilienza di fronte al terrorismo a portare a questo risultato.

I parenti degli ostaggi sono scesi in strada arrabbiati. Questo è esattamente ciò che avvertono da due mesi e il motivo per cui chiedono al governo di dare la massima priorità al rilascio degli ostaggi. La battaglia militare può aspettare. Nessun dito è stato puntato contro i soldati che hanno aperto il fuoco.

Anche se il comandante supremo delle forze armate israeliane ha affermato che queste hanno agito contro le regole sparando a civili disarmati, tutti in Israele sanno che la realtà è diversa. Hamas è pronto, esplosivi ovunque, imboscate ovunque, persino bambole contenenti esplosivi, registrazioni di bambini che piangono e conversazioni in ebraico per attirare i soldati. Poi ci sono gli attentati suicidi. Sparare per primi significa salvaguardare la propria vita, ma per molti soldati fa anche parte del loro spirito combattivo, per regolare i conti con il nemico e per vendicare i compagni caduti.

READ  I leader dell'UE accettano il boicottaggio petrolifero della Russia sulla guerra in Ucraina | Attualmente

Il prezzo degli ostaggi aumenta

Per Netanyahu la battaglia militare viene prima di tutto: Hamas deve scomparire dalla faccia della terra. Sotto la pressione parziale dei familiari degli ostaggi, ha accettato di smettere di combattere e di scambiare gli ostaggi con prigionieri palestinesi.

Ciò ha funzionato bene finché Hamas ha richiesto prigionieri palestinesi “innocui” per donne e bambini israeliani. Questo prezzo potrebbe cambiare: per gli uomini e i soldati israeliani, Hamas chiede il rilascio dei palestinesi condannati per attacchi terroristici.

Un tale scambio, anche di tutti gli ostaggi, in cambio di un gran numero di prigionieri palestinesi (“terroristi”), Netanyahu non può (e non vuole) passare attraverso il suo governo, perché fa affidamento sulla sua ala di estrema destra, che non vuole altro che riconquistare Gaza.

Netanyahu ha avanzato la visione secondo cui la lotta militare porterebbe anche al rilascio degli ostaggi. La realtà dimostra il contrario: dei 138 ostaggi restituiti la settimana scorsa, nove sono arrivati ​​in sacchi per cadaveri. Nessuno sa, infatti, quante persone siano ancora vive, sotto i bombardamenti quotidiani, e – secondo gli ostaggi restituiti – ricevano a malapena cibo e medicine, e vengano picchiate e violentate.

“Poi ho mangiato acqua”, ha risposto sabato un ragazzo di 12 anni rilasciato alla televisione israeliana quando gli è stato chiesto cosa facesse quando non c’era cibo da mangiare.

L’orologio sta ticchettando

I familiari dicono: “Conosciamo le condizioni in cui vivono e ogni ora conta”. “Ci deve essere un accordo.”

Un altro tempo stringe per Netanyahu. Gli Stati Uniti hanno concesso a Israele tempo fino all’inizio di gennaio per iniziare l’attuale ciclo di combattimenti “intensi”. Successivamente l’esercito potrà compiere solo azioni dirette contro Hamas e i suoi leader. Israele dice che ci vogliono ancora mesi. Netanyahu si presenta quindi come un leader capace di resistere alle pressioni americane.

La domanda è per quanto tempo, perché senza un ponte aereo americano, Israele si ritroverà presto a corto di armi e munizioni. Il sogno di vittoria di Netanyahu – eliminare Hamas e liberare gli ostaggi – non sembra neanche lontanamente all’orizzonte.

Leggi anche:

In assenza del grande successo militare ottenuto da Israele, le immagini devono trasmettere un senso di vittoria

Come simbolo di vittoria, l’esercito israeliano pianta bandiere ovunque a Gaza, perfino candelabri che raggiungono i metri di altezza. Tutto per aumentare l’impressione della vittoria. Ma la realtà ora è selvaggia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24