L’UE teme la crisi dei rifugiati del 2015 da Macron e la volontà della Merkel di accogliere gli afgani nei paesi vicini

Un gruppo di immigrati afgani in Turchia. Gli uomini sono fuggiti attraverso l’Iran. Si teme che il flusso verso l’Europa non farà che aumentare.foto di Brunopress

Il ritiro degli Stati Uniti fa presagire anche la trasformazione della crisi afgana in una crisi europea. I politici europei temono una ripetizione del 2015, quando la guerra civile in Siria ha portato a un esodo di massa verso l’Europa.

Con l’avvicinarsi delle elezioni tedesche e francesi, non dovrebbe accadere di nuovo, affermano i leader politici in Germania e Francia. “Non credo che ora dovremmo inviare un segnale che la Germania possa accogliere tutti coloro che ne hanno bisogno”, ha affermato il leader democristiano Armin Laschet, il presunto successore della Merkel. Il segretario generale della Democrazia Cristiana, Paul Zimyak, è stato più chiaro: “Non possiamo risolvere la questione dell’Afghanistan in Germania. È chiaro per noi che il 2015 non dovrebbe ripetersi.

Il presidente francese Macron ha annunciato una “robusta” iniziativa europea per impedire che “grandi flussi migratori irregolari” raggiungano l’Europa. La maggior parte dei rifugiati nell’area dovrebbe essere ospitata. “Dobbiamo garantire che le persone rimangano nella regione e abbiano un futuro sicuro nei paesi vicini”, ha affermato il leader del Partito socialdemocratico tedesco Olaf Scholz in paesi come Pakistan, Turchia, Iraq e Iran.

fare affari

Quanto sono promettenti gli sforzi europei per mantenere la maggior parte dei rifugiati a una distanza significativa dal continente? L’Unione Europea può trattare con paesi come il Pakistan e l’Iran? Probabilmente: molti afgani sono già ospitati nella zona. Si stima che l’Iran ospiti più di 3 milioni di afgani. In confronto, dal 2015 circa 570.000 afgani hanno chiesto asilo in 27 paesi dell’UE.

In ogni crisi umanitaria, le persone sono le prime a fuggire nei paesi vicini. Dopo lo scoppio della guerra civile in Siria, la maggior parte dei profughi è andata in Libano, Giordania e Turchia. Solo quando hanno concluso che la loro situazione era disperata si sono trasferiti in Europa. “Non dobbiamo ripetere l’errore del passato dando così pochi soldi all’UNHCR (UNHCR, rosso.) e altri programmi di aiuto per portare le persone dalla Giordania e dal Libano in Europa”. in cambio».

per investimento

Se l’Europa vuole essere accolta nella regione, deve investire molto. Non è ancora successo abbastanza, afferma Jorit Rigma, professore di diritto europeo all’Università di Leiden. Crede anche che i paesi dell’UE dovrebbero accogliere alcuni rifugiati afgani, come è successo all’epoca con i boat people vietnamiti. In questo modo mostri ai paesi della regione che lo stai facendo insieme e che sei anche disposto a prenderti cura delle persone da solo. È diverso: qui hai i soldi e devi solo capirlo”, dice Forse. Tuttavia, l’accoglienza dei rifugiati è difficile in Europa. Dal 2015 l’UE non è riuscita a sviluppare una politica comune di asilo per distribuire i rifugiati riconosciuti in tutto il continente.

640 sfollati afgani sono stati trasportati in Qatar su un aereo militare statunitense.  Immagine tramite Reuters
640 sfollati afgani sono stati trasportati in Qatar su un aereo militare statunitense.Immagine tramite Reuters

I leader europei sono avvantaggiati. Di solito hanno tempo. Sono trascorsi quattro anni tra lo scoppio della guerra civile in Siria e la crisi dei rifugiati nel 2015. Ma se l’accoglienza nella regione fallisce, gli afgani torneranno ai confini esterni dell’Europa. Negli ultimi anni vi sono state erette recinzioni e muri. Richiedere asilo è diventato il più difficile possibile. “E’ chiaro che il nostro Paese non sarà una porta d’ingresso per una nuova ondata di rifugiati”, ha affermato il ministro greco della Migrazione Notis Mitarashi. È possibile per l’Unione europea sospendere il diritto d’asilo in caso di nuova crisi?

Forse: l’Europa diventerà più dura. Cose che non dovrebbero accadere, come i respingimenti. Ma alla fine, la legge afferma che tutti hanno il diritto di chiedere asilo. Va bene erigere una recinzione, purché ci sia una porta alla fine.

READ  Una donna (31 anni) viene violentata mentre i suoi figli dormono | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24