L’UMC di Amsterdam scopre una “medicina promettente” per i pazienti affetti da Corona in condizioni critiche

Si tratta del farmaco Fostamatinib, che esiste da tempo e viene utilizzato nelle malattie autoimmuni.

Grave risposta infiammatoria

I pazienti che sviluppano una malattia terribile sembrano produrre molti anticorpi anormali che portano a una risposta infiammatoria dannosa. “Questi pazienti non solo producono molti anticorpi, ma producono anche anticorpi con una struttura diversa. Questo crea un’intensa risposta infiammatoria nei polmoni”, afferma l’immunologo Jeroen den Denin.

“La risposta infiammatoria che avrebbe dovuto attaccare il virus ora colpisce anche i tessuti. Inoltre, i vasi sanguigni perdono ei polmoni si riempiono di liquido. Anche le piastrine iniziano a coagulare, causando la formazione di coaguli di sangue ovunque”. Questo è mostrato anche nel video qui sotto:

Un effetto più specifico

Per combattere le pericolose conseguenze dell’infezione corona, non ci sono molti antivirali di cui abbiamo bisogno qui, ma farmaci che sopprimono la risposta immunitaria, dice UMC. I pazienti in condizioni critiche ricevono già tali farmaci, come il desametasone e il tocilizumab, ma sopprimono il sistema immunitario.

“Il farmaco che abbiamo studiato, fostamatinib, impedisce alle cellule immunitarie nei polmoni di rispondere agli anticorpi anormali, ma rispondono comunque al virus quando si utilizza questo farmaco. Questa specificità rende questo farmaco un candidato promettente per il trattamento di casi gravi. Pazienti Covid. “

promettente

Poiché il farmaco è già registrato, può effettivamente essere testato. Sono ora disponibili i risultati di uno studio preliminare su 59 pazienti. I risultati sono molto promettenti”. Nel gruppo di 30 che hanno ricevuto il farmaco:

  • Sono morte meno persone
  • Gli effetti collaterali erano minori.
  • Le persone si sono riprese più velocemente di 29 pazienti che hanno ricevuto un placebo.
READ  Numeri Corona: il numero degli infortuni è diminuito di oltre un quinto

40 ospedali

Uno studio di follow-up è ora iniziato in più di quaranta ospedali, che dovrebbe chiarire se questo farmaco è definitivamente utile nei pazienti con Covid in condizioni critiche.

I risultati dello studio di Amsterdam sono stati pubblicati ieri sulla rivista scientifica Science Translational Medicine.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24