Migranti in barca: la Commissione europea chiede agli Stati membri di mostrare solidarietà con l’Italia – Belgio

(Belga) La Commissione Europea ha lanciato un appello agli Stati membri affinché prendano in carico i migranti in barca dall’Italia, visto che il Paese sta ancora una volta affrontando un grande afflusso. Il commissario Elva Johansson ha dichiarato oggi: “Mi rendo conto che è difficile durante una pandemia, ma possiamo affrontarlo. È ora di mostrare solidarietà all’Italia”.

Nelle ultime 24 ore più di 2.000 persone sono arrivate sull’isola di Lampedusa e hanno attraversato il Mediterraneo a bordo di barconi traballanti. Dall’inizio di quest’anno sono arrivati ​​più di 12.900 immigrati, tre volte il numero di immigrati nello stesso periodo dell’anno scorso. Il forte aumento del numero di immigrati ha aumentato le tensioni a Roma. “Quando vediamo questo gran numero di persone arrivare in un periodo di tempo molto breve, c’è bisogno di solidarietà con l’Italia. Chiedo agli altri Stati membri di sostenere il reinsediamento”, ha detto Johansson, che ha parlato con l’Italia all’inizio della giornata. . Interviene Luciana Lamorguez, ministro dell’Interno, Affari. Nel frattempo, la Commissione ha contattato altri Stati membri per determinare se sono disposti a fare uno sforzo. Tuttavia, tutto si basava ancora su gesti volontari. Così Johansson ha chiesto l’adozione della carta sulla migrazione proposta dalla Commissione lo scorso settembre, che contiene soluzioni strutturali per aiutare gli Stati membri bisognosi. Ha spiegato durante una conferenza stampa con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi che l’accordo copre anche tutti gli altri aspetti della politica sull’immigrazione, come il rientro delle persone senza diritto alla protezione. Per Grande, il crescente afflusso di migranti in barca mostra ancora una volta che l’Unione europea ha bisogno di una carta e di un meccanismo permanente per assorbire i migranti in barca in entrata. “Stiamo parlando di numeri altamente gestibili”, ha detto. Allo stesso tempo, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite ha anche chiesto un “meccanismo guidato dallo Stato” per la vita in mare. Le Nazioni Unite stimano che più di 500 persone hanno perso la vita quest’anno cercando di raggiungere l’Europa via mare. (Belga)

READ  Rimozione dei club di Serie A dalle competizioni quando partecipano alla Super League | proprio adesso

Nelle ultime 24 ore più di 2.000 persone sono arrivate sull’isola di Lampedusa e hanno attraversato il Mediterraneo a bordo di barconi traballanti. Dall’inizio di quest’anno sono arrivati ​​più di 12.900 immigrati, tre volte il numero di immigrati nello stesso periodo dell’anno scorso. Il forte aumento del numero di immigrati ha aumentato le tensioni a Roma. “Quando vediamo questo gran numero di persone arrivare in un periodo di tempo molto breve, c’è bisogno di solidarietà con l’Italia. Chiedo agli altri Stati membri di sostenere il reinsediamento”, ha detto Johansson, che ha parlato con l’Italia all’inizio della giornata. . Interviene Luciana Lamorguez, ministro dell’Interno, Affari. Nel frattempo, la Commissione ha contattato altri Stati membri per determinare se sono disposti a fare uno sforzo. Tuttavia, tutto si basava ancora su gesti volontari. Così Johansson ha chiesto l’adozione della carta sulla migrazione proposta dalla Commissione lo scorso settembre, che contiene soluzioni strutturali per aiutare gli Stati membri bisognosi. Ha spiegato durante una conferenza stampa con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi che l’accordo copre anche tutti gli altri aspetti della politica sull’immigrazione, come il rientro delle persone senza diritto alla protezione. Per Grande, il crescente afflusso di migranti in barca mostra ancora una volta che l’Unione europea ha bisogno di una carta e di un meccanismo permanente per assorbire i migranti in barca in entrata. “Stiamo parlando di numeri altamente gestibili”, ha detto. Allo stesso tempo, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite ha anche chiesto un “meccanismo guidato dallo Stato” per la vita in mare. Le Nazioni Unite stimano che più di 500 persone hanno perso la vita quest’anno cercando di raggiungere l’Europa via mare. (Belga)

READ  Come tratta l'Italia del generoso sostegno europeo a Corona?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24