Milioni dal tesoro alla petroliera yemenita, la nave “una bomba a orologeria” | Attualmente

Il Consiglio dei ministri contribuisce nuovamente con 7,5 milioni di euro al salvataggio della petroliera FSO Safer, che da anni si trova al largo delle coste yemenite. Lo ha detto sabato il ministro del Commercio Estero Lesje Schreinmacher durante una visita nel Paese. La petroliera rischia di perdere o esplodere se non viene salvata.

I fondi promessi erano necessari per colmare il vuoto di finanziamento. Ora ci sono abbastanza soldi per iniziare il salvataggio. “I missili Safer sono una bomba a orologeria”, ha detto Schreinmacher. A maggio il governo ha già messo a punto lo stesso importo. Poi è successo durante una conferenza di donatori digitali organizzata dalle Nazioni Unite.

La nave cisterna di stoccaggio Safer dell’UST ha a bordo più di un milione di barili di petrolio. Se la nave perde o esplode, potrebbe causare una fuoriuscita di petrolio nel Mar Rosso.

Otto anni fa, scoppiò una sanguinosa guerra civile tra il governo ei ribelli Houthi. Nessuna manutenzione è stata effettuata sulla nave arrugginita da quella guerra. Alla fine di gennaio Greenpeace aveva già chiesto il trasferimento del petrolio su altre navi per prevenire “uno dei più grandi disastri petroliferi della storia”.

Il ministero ha spiegato che Schreinmacher ha sottolineato durante un incontro con il primo ministro Saad nella città di Aden che le parti in guerra devono raggiungere una “pace permanente”. È la prima volta in quattordici anni che un ministro olandese visita lo Yemen.

READ  La battaglia di Bakhmut determina il futuro dell'Ucraina, secondo Zelensky | La guerra in Ucraina

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24