Molte meno diagnosi di epatite – e questa non è una buona notizia

Il numero di diagnosi di epatite cronica B e C è diminuito del 40% durante la pandemia di Coronavirus. Nel 2019, i medici olandesi hanno diagnosticato l’epatite B o C 1.700 volte e nel 2020 ci sono state poco meno di 1.000 volte. Ciò significa che centinaia di pazienti nei Paesi Bassi stanno camminando con una condizione che alla fine può portare a cancro al fegato o insufficienza epatica.

Ciò è evidente da uno studio di Erasmus MC e RIVM. Con un’identificazione tempestiva, la malattia può essere trattata molto bene con farmaci antivirali. L’epatite C può essere curata completamente entro otto-dodici settimane e l’epatite B può essere completamente eliminata con i farmaci. Previene i danni al fegato.

L’infezione viene solitamente scoperta per caso nelle persone che segnalano al proprio medico reclami come affaticamento o lieve malessere. Un esame del sangue può quindi determinare se è presente un’epatite virale. La diagnosi viene fatta anche durante l’esame per le malattie a trasmissione sessuale: l’epatite B e C si trasmette attraverso il contatto sessuale.

I ricercatori sospettano che le persone con reclami evitino le cure. In parte per paura di appesantire i medici, ma anche per paura di contrarre il Coronavirus.

READ  L'Europa fortificata è inevitabile. Puntiamo a creare un castello murato per l'immigrazione legale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24