Mondiali 2022: la Svizzera batte l’Italia nella staffetta mista, grande inganno per l’Olanda

La Svizzera è il nuovo campione del mondo nella staffetta mista. Su un percorso di 28,2 chilometri, divisi per 14,1 chilometri per i tre uomini e 14,1 chilometri per le tre donne, il Paese è stato tre secondi più veloce dell’Italia. Il bronzo è andato alla sua nativa Australia. Per il compagno favorito Holland, la staffetta mista si è rivelata un completo inganno.

Leggi di più:

Coppa del Mondo 2022: Anime Van Vleuten cade duramente al via della staffetta mista

Ora che le prove del singolare sono terminate, mercoledì è tempo di provare la staffetta mista. Come tutti i tornei di prova, la staffetta mista è iniziata su Market Street e si è conclusa a Marine Drive a Wollongong. La lunghezza del tiro era di 14,1 chilometri e il suo carnefice era tutt’uno con il monte Usley, una collina alta 700 metri, con un rapporto del 6,7%. I primi tre uomini e poi tre donne di ogni paese hanno gareggiato per la medaglia d’oro. Quando gli uomini hanno tagliato il traguardo, le donne hanno iniziato. Quindi hanno fissato un tempo finale di 28,2 km.

Oggi il campo dei partecipanti è diviso in quattro blocchi. Taruia Krainer, Kahiri Edeler e Teva Poulain hanno iniziato la prova a squadre miste per conto di Tahiti. Dopo 14,1 km, Élodie Touffet, Kylie Crawford e Tekau Hapairi hanno preso il comando. Gli uomini e le donne di Tahiti non hanno realizzato il miglior tempo, anche perché la squadra è crollata molto velocemente sulla pista difficile. Tra il primo gruppo, l’UCI World Cycling Center è stata la squadra più veloce, ma il loro tempo finale (38,46 minuti) non è stato nemmeno sufficiente per avere la possibilità di un posto d’onore.

Il paese di origine Australia fissa il primo tempo target
Nel secondo gruppo, non vedevamo l’ora dei successi della patria Australia e Spagna. L’Australia è riuscita a creare una squadra forte a livello nazionale, con Michael Matthews, Luke Blabb e Luke Dorbridge come uomini e Georgia Baker, Alexandra Manley e Sarah Roy come partecipanti. Ben presto divenne chiaro che il treno australiano stava procedendo molto bene. Dorbridge, Matthews e Pulp hanno concluso il primo tempo in 16,12 minuti, circa un minuto e mezzo più veloci delle ucraine, poi sono state le donne australiane a finire la partita.

Baker, Manley e Roy hanno continuato lo stesso slancio e sono riusciti a spingere il livello – con 34,26 minuti – molto alto. Il tempo australiano si è rivelato molto veloce per Spagna (36,32 minuti), Austria (37,17 minuti) e Ucraina (38,39 minuti). Tuttavia, l’Australia non era ancora sicura della medaglia, per non parlare del titolo mondiale, poiché i migliori contendenti dovevano ancora arrivare. Nel terzo gruppo – con Polonia, Francia, Belgio e Danimarca – sono partiti diversi paesi forti.

Il meglio del TGV francese – Foto: Cor Vos

Francesi e danesi sono lontani dai pilastri principali
I francesi (Bruno Armirael, Remy Cavagna e Eddie Le Huytos) si sono tuffati nella prima corsia di arrivo a tre secondi dal tempo degli australiani, i danesi si sono rivelati altri quattro secondi più veloci. Come previsto, Belgio e Polonia non hanno svolto alcun ruolo significativo nella battaglia per le medaglie. Nel frattempo, le francesi stavano perdendo sempre più piume: Coralie Demai si mise presto in tutti i guai del mondo per inseguire le sue compatriote. Non c’è più una macchina francese ben oliata, che possiamo vedere anche dal momento del completamento: i francesi si sono rivelati molto lenti di una ventina di secondi nell’assestamento finale.

Abbiamo visto lo stesso schema nella squadra danese, con le donne che hanno perso sempre più terreno a causa delle loro compagne di squadra australiane. Al primo taglio del traguardo la differenza era ancora di sette secondi a favore della Danimarca, ma dopo 28,2 chilometri le curve sono state invertite e l’Australia è diventata la ventina più veloce. Insomma, Matthews, Pulp, Dorbridge, Baker, Manley e Roy possono ancora sognare un titolo mondiale in casa, ma con Svizzera, Italia, Olanda e la Germania campione in carica, le quattro prime nazioni devono ancora partire nella staffetta mista.

Dramma per l’Olanda: problemi di serie Mollema, caduta pesante di Van Vleuten
Bock Mollema, Dan Houl e Matthew van der Poel erano tutti ansiosi di segnare i loro migliori tempi, ma la squadra olandese ha presto dovuto fare i conti con una grave battuta d’arresto. Mollema si è ritirato dopo alcuni chilometri di guai alla catena, quindi Van der Paul e Hall hanno dovuto farcela insieme verso la prima corsia alla fine. Ciò si è rivelato disastroso per le possibilità di vittoria dell’Olanda, perché dopo 14,1 chilometri il divario si è allargato a poco più di venti secondi. In altre parole, le donne hanno dovuto affrontare un compito quasi impossibile per cambiare questa situazione.

Van Vleuten cala bruscamente – Foto: Cor Vos

Laddove l’Olanda ha avuto un inizio entusiasmante dalla staffetta mista, le cose sono andate bene in Svizzera. Stefan Kung, Stefan Besiger e Mauro Schmid hanno corso con un intervallo di 15,50 minuti e si sono rivelati dieci secondi più veloci di Italia, Danimarca seguiti da quindici secondi e Olanda almeno quaranta secondi più lenti. Non molto tempo dopo, le ultime vestigia delle speranze olandesi svanirono completamente, con l’anime di Van Vleuten all’inizio gravemente distrutto. Riejanne Markus ed Ellen van Dijk hanno dovuto andare avanti, ma hanno dovuto affrontare il compito impossibile di creare qualcosa da questa sequenza mista.

La Svizzera si stabilisce con l’Italia, l’Olanda è ancora al quinto posto
In altre parole, l’Olanda non è apparsa nel pezzo e quindi non vedevamo l’ora di un duello tra Svizzera e Italia. Marilyn Rosser, Elise Schabe e Nicole Koehler sono riuscite a continuare l’ottima prestazione degli uomini con un tempo di 33,47 minuti. Poi aspettava l’arrivo dell’Italia. Elisa Longo Borghini, Elena Secchini e Vittoria Guazzini sono rimaste vicine al trio svizzero riuscendo anche a superare lo svantaggio, ma alla fine si è rivelato troppo lento di tre secondi per prendere il comando.

Gli svizzeri sono sulla buona strada per i periodi di divisione più veloci – Foto: Kor Vos

Gli svizzeri hanno già potuto esultare con cautela, con la Germania campione in carica già più indietro e non qualificata per il titolo mondiale. I tedeschi alla fine sono arrivati ​​​​a otto secondi dal podio e si sono bloccati al quarto posto. Quindi il titolo mondiale va alla Svizzera, l’argento all’Italia e l’Australia prende il bronzo per i propri tifosi. Nonostante la sfortuna di Mollema e la caduta di Van Vleuten, l’Olanda è riuscita a segnare un quinto tempo dopo appena quattordici secondi dal podio. Danimarca, Francia, Belgio, Polonia e Spagna completano la top ten.

READ  Il designer di Disneyland Paris non è soddisfatto del fascino di Buzz Lightyear

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24