Morto e ferito in un raid israeliano nella città palestinese di Jenin

Almeno un palestinese è stato ucciso questa mattina in un raid dell’esercito israeliano in Cisgiordania. Almeno 13 persone sono rimaste ferite, inclusa una donna di 19 anni, secondo fonti palestinesi. Israele ha arrestato tre palestinesi.

Il raid è avvenuto in un campo profughi nella città di Jenin, nella Cisgiordania occupata settentrionale.

L’IDF dice che sono andati lì perché la casa del sospetto perpetratore Un attacco terroristico Da giovedì scorso a Tel Aviv. Tre persone sono rimaste uccise nell’attacco a un bar in una zona affollata di movida.

Israele dice anche che l’operazione a Jenin e nei villaggi vicini aveva lo scopo di arrestare due persone sospettate di coinvolgimento nel terrorismo. Dopo il raid, è seguito uno scontro a fuoco che ha provocato la morte.

Jihad islamica

La Jihad islamica ha annunciato che il palestinese ucciso questa mattina da Israele era uno dei suoi combattenti. Israele e l’Occidente vedono il movimento palestinese come un’organizzazione terroristica.

Il movimento rivale di Hamas ha anche elogiato i palestinesi che questa mattina hanno aperto il fuoco sulle forze israeliane. Un portavoce di Hamas ha anche chiesto un’ulteriore escalation della violenza “in tutte le città e paesi della Cisgiordania”.

Nessun israeliano è stato riportato ferito. Lo stato afferma anche di aver sequestrato una mitragliatrice M16 a un palestinese ferito.

I video che circolano sui social media mostrano che i soldati israeliani sono entrati in città e hanno sentito spari. I media palestinesi hanno riferito che l’esercito israeliano stava cercando il padre del palestinese, Raad Hazem, 28 anni, che era dietro l’attacco a Tel Aviv. Il padre aveva elogiato il figlio per il suo comportamento nelle ore successive all’aggressione.

READ  Tutte e tre le centrali nucleari sono ancora aperte per un periodo più lungo in Germania

serie di attacchi

Il raid di oggi segue una serie di attacchi in Israele che hanno ucciso 14 persone nelle ultime settimane.

Ieri, il primo ministro israeliano Bennett ha dichiarato in risposta all’attacco terroristico di Tel Aviv che l’esercito ei servizi di intelligence hanno la completa libertà di porre fine all’ondata di attacchi. Il soldato di grado più alto del paese ha ordinato all’esercito di concentrarsi principalmente sulla Cisgiordania settentrionale, dove si trova anche la città di Jenin.

Quella città, in particolare il campo profughi, è considerata una roccaforte dei gruppi armati palestinesi. Nel campo vivono spesso discendenti di palestinesi fuggiti dall’area che oggi è Israele intorno alla fondazione dello stato di Israele nel 1948. Gli autori degli ultimi due attacchi in Israele provenivano da un’area vicino a Jenin.

L’invasione israeliana di Jenin non è la prima di questo mese. Ad esempio, vicino alla città la scorsa settimana Tre palestinesi sono stati uccisi Che stavano progettando di effettuare un’operazione, secondo Israele. Feriti anche quattro israeliani. In tutto, quest’anno Israele ha ucciso più di 20 palestinesi in vari incidenti nella Cisgiordania occupata.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24