Morto l’ex presidente sudcoreano Chun Doo-hwan | All’estero

Prima di diventare presidente, Chun era un generale. È salito al potere dopo un colpo di stato nel 1979. Il colpo di stato ha portato a proteste di massa nel paese in quel momento.

massacro di Gwangju

Dopo la sua presidenza, diverse commissioni parlamentari hanno indagato sull’abuso di potere e sulla corruzione durante il mandato di Chun. Il suo ruolo nella sanguinosa repressione della rivolta del 1980 a Gwangju è stato oggetto di discussione. Si ritiene che migliaia di studenti siano morti durante questa rivolta. Secondo l’opposizione sudcoreana, questa ribellione è stata provocata da Chun per diventare presidente.

Chun successe nel 1988 a Roh Tae-woo, che sarebbe stato l’ultimo presidente militare della Corea del Sud. In un importante processo nel 1995, soprannominato “la causa del secolo” dai media locali, Chun e Roh furono giudicati colpevoli di ribellione, tradimento e corruzione.

La pena di morte

Chun è stato condannato a morte. Tuttavia, l’Alta Corte di Seoul ha commutato questa sentenza in reclusione a causa del progresso economico della Corea del Sud sotto il governo di Chun e per il trasferimento pacifico del potere a Roh. Nel 1997, il loro successore Kim Young-sam ha graziato i due ex presidenti nel tentativo di creare “l’unità nazionale”.

READ  Un padre vendicativo uccide "l'amante" della figlia diciannovenne dopo averlo venduto a una banda di prostituzione | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24