Nato per un centesimo, ma ora ne ha tantissimo: Vincent (42) ha cambiato rotta

100mila euro, questa è la ricchezza per cui Vincent Cotters non è nato. Sogni tanti soldi? Non gli venne nemmeno in mente. “Fare un sacco di soldi e costruire qualcosa semplicemente non era un’opzione per la nostra gente”.

Vita incerta

Solo più tardi si rese conto di quanto povera fosse la famiglia. Quando era più giovane a Zevenbergen, a nord-ovest di Breda, il posto non sembrava squallido. La famiglia viveva in una casa affittata socialmente, una casa con terrazza e un piccolo giardino. Cibo, vestiti, letto, genitori amorevoli e una sorella; Non gli mancava nulla. “Solo dopo ho capito quanto fosse difficile per i miei genitori. Quanto misteriosa fosse la vita per loro.”

Si ricorda che avevano comprato dei vestiti da Emmaus. “Negozio dell'usato. Andavamo lì ogni sabato. Anche i nostri mobili venivano da lì.”

A volte compravano vestiti nei negozi normali. A Zemann. O Wibra.

Hanno trovato alcune delle loro cose nella “discarica”, come la chiamavano lui e sua sorella. “Era un posto appena fuori dal paese dove la gente poteva smaltire i propri rifiuti ingombranti. Cercavamo cose che fossero ancora buone. Belle giornate. Avventura.”

Pezzi di parquet

Una volta, ad esempio, hanno trovato un lavabo pieno di pezzi di parquet: “Giocattoli perfetti. Con quelli ho costruito di tutto”.

Suo padre spesso prelevava da lì vecchi televisori per i pezzi di ricambio. Da quando è stato licenziato da uno stabilimento chimico e reso disoccupato – quando Vincent è nato nel 1981 – ha riparato televisori rotti nelle case della gente. “L'annuncio è stato pubblicato sul giornale locale”, dice Vincent. “Per guadagnare qualcosa in più. Ma quando il cinescopio è stato sostituito dai televisori a schermo piatto e gli apparecchi sono diventati più economici, tutto si è esaurito. La gente ha preferito comprare subito un nuovo apparecchio.”

In quegli anni vivevano di lusso. Una volta al mese andavano in municipio, tiravano fuori un numero e aspettavano il loro turno. “Poi mio padre ha compilato i moduli e l’assistenza sociale è stata nuovamente organizzata per un altro mese”.

Più tardi, nel 1989, sua madre trovò lavoro in una fabbrica di pane a Breda. Mi sono svegliato alle 5:00 e sono partito per la città alle 6:00. In bici, perché hanno eliminato l'auto, una vecchia Simca, per risparmiare.

“È tornata a casa verso le 17. Era in piedi sul nastro trasportatore e metteva nelle scatole panini con salsiccia e croissant congelati. Conosco questo duro lavoro per esperienza, perché ho lavorato lì per un po' quando avevo 18 anni. Inoltre… Quello, per mia madre alla catena di montaggio, lunghe giornate in una fabbrica fredda.”

READ  Sonic Frontiers uscirà l'8 novembre, secondo un leak - Gaming - News

È un risultato enorme

Vincent parla affettuosamente dei suoi genitori. Sono morti adesso. Sua madre undici anni fa e suo padre tre anni fa. “Il fatto che abbiano salvato me e mia sorella dalla consapevolezza che siamo poveri è in realtà un enorme risultato”.

Parla con calore dei pattini che doveva avere: “Siamo andati a pattinare con la classe. Ero l'unico che non aveva i pattini, e mi sono lamentato e implorato finché finalmente li ho avuti. In quel momento non capivo ma deve essere stata una perdita terribile.”

Dice di non essersi mai vergognato. “Ma quando penso ai vestiti usati con cui andavo a scuola, allora capisco perché ero un po' isolato in classe. A proposito, avevo degli amici, un gruppo di ragazzi che condividevano più o meno lo stesso destino.” “.

Strana visione del denaro

Solo più tardi si rese conto che la sua infanzia gli aveva lasciato una “strana visione del denaro”, sebbene fosse rimasta in letargo per un certo periodo. Vincent ha studiato norvegese all'Università di Amsterdam (ha completato i suoi studi nel 2009). È entrato nel giornalismo intorno al 2005. Ha scritto recensioni di teatro per il quotidiano Volkskrant come freelance e ha svolto altri lavori di scrittura.

«Dal 2005 guadagno circa 20.000 euro all'anno», racconta. “Nemmeno 2.000 al mese. Riuscivo ad arrivare a fine mese e mi andava bene così.”

Nel frattempo si è sposato con Irene (nel 2013) ed è diventato padre di due figli, nati nel 2014 e nel 2016. Non aveva riserve finanziarie. Nessuna pensione. “Non lo vedevo come un problema. Non mi rendevo conto che dovevo assumermi delle responsabilità nei confronti della mia famiglia e di me stesso. Inoltre, avevo ancora un prestito studentesco di 20.000 euro.”

Nato per un centesimo

Vincent crede che questo atteggiamento, e la natura con cui accetta la sua povera situazione finanziaria, derivi dalla sua educazione. “Sono sempre stato frenato dall'idea subconscia di essere nato con un centesimo.”

La rottura con questa posizione è avvenuta in due fasi. Primo: nel 2017 ha ricevuto da sua nonna un'eredità di 7.000 euro. “Avevo più soldi che mai. Questo mi ha fatto pensare a cosa avrei dovuto fare con quei soldi. Ho deciso di iniziare a investire.”

Dice una svolta. Soprattutto da quando è cresciuto ha sempre sentito dire che il capitalismo era “sbagliato e sporco”. “Ma è per questo che segretamente l'amavo di più. Anche se era una birra piccola, mi ha dato l'idea che esistessero cose come i rendimenti e l'accumulazione di capitale. Ed è lì che la mia mentalità ha iniziato a cambiare. Ho capito che il denaro non era Non è semplicemente qualcosa che può essere perforato o chiuso; ma puoi costruire qualcosa con esso.

READ  PUBG Mobile introduce Tesla Model Y come veicolo in-game - Giochi - Notizie

Lentamente la sua inquietudine crebbe. “Le piccole paure che avevo erano diventate più intense. E se si fosse rotta la lavatrice? O l'auto? Mi era diventato sempre più chiaro che avevo nascosto la testa sotto la sabbia per tutto questo tempo.”

Ha perso l'80% del reddito

La seconda fase è stata più radicale: quando il mondo è entrato in lockdown durante la crisi del Corona all’inizio del 2020, l’80% del suo reddito è scomparso. All'improvviso, il critico teatrale indipendente si è trovato duramente di fronte al fatto di non avere alcun margine. “Poi ho deciso da solo che le cose dovevano andare diversamente. Poiché ero sempre a corto di soldi, ne avevo abbastanza.”

Durante quel periodo lesse del movimento antincendio su Internet. Persone con reddito medio che stanno ancora costruendo risorse attraverso un piano mirato. Soprattutto risparmiando spese irrazionali e inutili e risparmiando sistematicamente.

Mi è venuta in mente la parola “tonari”. Sembrava piuttosto “attraente”, ma anche “completamente folle”. D'altra parte, più ci pensava, più non gli sembrava poi così impossibile. Se riesci a risparmiare 1.000 euro al mese, puoi farlo entro dieci anni. “Ho deciso che volevo diventare un conciatore.”

Assicurazioni e abbonamenti

Il primo passo: la memorizzazione. Annullare le polizze assicurative che non ha mai utilizzato. Abbonamento GroenLinks per € 10 al mese: abbandonalo. Cancellò gli abbonamenti a riviste e giornali, razionò i suoi vestiti nuovi ed eliminò le generi alimentari non necessari.

Vincent è attento a dire che nei suoi risparmi si sta privando di qualcosa. “Il mio obiettivo non è mai a scapito dei bambini”.

Per accelerare l'obiettivo finale, cerca più attività. Poiché risparmiare era una cosa, era necessario anche avere più soldi. “L'obiettivo era essere motivato per acquisire ordini. Più trovavo, più diventavo motivato.”

Molti commenti

Descrive come “divertente e ironico” il fatto che il suo obiettivo di risparmio lo abbia aiutato a superare la soglia dei 100.000 euro (più velocemente del previsto). “Ho tenuto un blog. Gli articoli sul denaro e su come lo gestivo da principiante della finanza sono stati i più letti di sempre. Ho anche ricevuto molte risposte.”

Quindi il suo blog si è trasformato in una newsletter sul denaro, Betering.nl. La newsletter ha portato a un podcast (Non parli di soldi) e il podcast ha portato a un libro: Non parli di soldi. “Risparmiando e investendo, ero già sulla buona strada per raggiungere centomila dollari, ma l'anticipo dell'editore per il libro mi ha reso un successo. Quindi ora sono, per dirla senza mezzi termini, ricco.”

READ  Apple rilascia iOS 15.2 con informativa sulla privacy e funzione "Digital Legacy" - tablet e telefoni - notizie

Diventare ricchi: questo era l’obiettivo. Non agire in modo duro. “Per me è una questione di indipendenza. Dallo Stato, dai clienti, da Irene: non voglio che ricada tutto sulle sue spalle se non guadagno nulla. E funziona. Non c'è più la paura degli intoppi, né del l'auto ha bisogno di gomme nuove, altrimenti quel cliente scomparirà. Sono stato liberato da ogni sorta di meschine paure”.

È stato fortunato

Il suo obiettivo non è per tutti, è onesto al riguardo. “Purtroppo questo non è possibile per le persone che si trovano nella fascia finanziaria più bassa della società. Non tutto è possibile. C'è anche la fortuna. Ho avuto la fortuna di trovarmi in una posizione in cui è possibile. Ma penso che sia alla portata di tutti. “Si tratta di un gruppo molto più ampio. Molte persone non se ne rendono conto. Per altri, ad esempio, sono 20mila euro in cinque anni, ma io voglio dimostrare che con un progetto si può davvero costruire qualcosa.”

Supponiamo che gli importi diventino più alti, non si vedrebbe mai sprecare soldi. Ecco perché, dice, è in gran parte il prodotto della sua educazione. Ogni tanto ha un attimo di golosità quando vede passare una bella macchina, «ma io non spenderei mai 80mila euro per una macchina, perché sarebbe una follia e una vergogna».

Davvero non è un piacere colpevole? Beh, eccone uno: “A volte voglio fare un'eccezione per mangiare fuori. Una volta abbiamo cenato al ristorante stellato Pure C a Zeeuws-Vlaanderen. È un po' insostenibile, ma è una bella esperienza. Non mi abituerò mai ma è per questo che ogni tanto sono pronto ad aprire il portafoglio.”

Intervista di domenica

Ogni domenica pubblichiamo un'intervista testuale e fotografica a qualcuno che ha fatto o vissuto qualcosa di speciale. Questo può essere un grande evento che la persona gestisce alla grande. Le interviste domenicali hanno in comune il fatto che la storia ha un impatto significativo sulla vita dell'intervistato.

Sei o conosci qualcuno adatto per un colloquio di domenica? Raccontacelo tramite questo indirizzo email: [email protected]

Leggi le interviste della domenica precedente qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24