Neil è un etnobotanico: “Senza piante la gente morirà” | Attualmente

Sosia, Latte di serpente, Test del materasso e Sottotitoli Netflix. In questa sezione, intervistiamo persone che hanno una risposta non standard alla domanda standard: Cosa stai facendo effettivamente? Questa volta Neil Odior, un etnobotanico.

  • Da: Neil Odor
  • cosa o cosa: etnico
  • Erbe segrete con superpoteri: Pianta di ortica

Nellie Odior è un’antropologa medica ed etnobotanica. Ha vissuto in Sud America per molti anni. “Là ho imparato come le persone usano consapevolmente la natura in tutti gli aspetti della loro vita. Dalla medicina all’abbigliamento, dal cibo al rituale”. Ora questa conoscenza è passata agli olandesi.

L’etnobotanico è stupito di quanto poco le persone nei Paesi Bassi sappiano del loro ambiente naturale. “Spesso non si rendono nemmeno conto che il caffè viene da una pianta o che una matita è fatta da un albero. Senza piante, moriamo letteralmente come esseri umani. Le piante sono il nostro cibo e la nostra medicina, perché gran parte della nostra medicina normale è ancora fatto di piante. Beats: materiali da costruzione, strumenti musicali e sveglie.” “

Quindi Odior dice di temere lo sviluppo del problema climatico e teme che l’umanità si renderà conto troppo tardi che “il denaro non è commestibile”. “Il motivo del mio lavoro è dare alle persone in Olanda un assaggio di uno stile di vita legato alla natura e quindi anche instillare amore e rispetto per quella natura”.

L’effetto delle piante sul cervello

Quando Odeor ha detto ai suoi vicini alcuni anni fa che voleva “fare qualcosa con le piante”, non è stata sempre presa sul serio. “La gente non si aspettava che fossi in grado di farne la mia carriera a tempo pieno”. Ma dal 2016 Odeur gestisce la sua compagnia Scent & Spice, con la quale organizza corsi e workshop. con successo. Gli affari stanno andando bene e Odeur non ha bisogno di altri lavori secondari.

READ  Le rocce lunari trasportate sulla Terra interrompono la linea temporale del sistema solare

“Ad esempio, per la prossima estate è previsto un ‘Buffet del cervello’. Un evento di più giorni in cui facciamo un viaggio attraverso il sistema nervoso e impariamo come le piante influenzano diverse aree del cervello”. Un etnobotanico acquisisce conoscenze di base di laboratorio da neuroscienze, fitoterapia e consapevolezza, tra gli altri.

“Voglio far capire alle persone che la felicità è dentro di loro, letteralmente nel loro cervello e nel loro sistema nervoso”.

Secondo Odeor, le erbe “più comuni” possono essere di grande beneficio per l’uomo. Come l’ortica, è più ricca di vitamine e minerali di molte verdure coltivate e ha anche applicazioni medicinali e cosmetiche. “Ad esempio, l’ortica – forse abbastanza stranamente – aiuta a combattere il prurito e le malattie reumatiche”.

Utilizzando le sue conoscenze botaniche ed erboristiche, l’etnobotanica è stata in grado di aiutare i suoi clienti e studenti con allergie, problemi della pelle e affaticamento. “Voglio far capire alle persone che la felicità è dentro di loro, letteralmente nel cervello e nel sistema nervoso”, dice Odior.

“E queste piante hanno un enorme impatto su questo, tra le altre cose. Possiamo essere sani solo se l’intero sistema è sano, quindi dobbiamo anche prenderci cura dell’intero mondo naturale che ci circonda”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24