Nel dibattito sull’Ucraina il Partito della Libertà inciampa fino alla fine

Quello che avrebbe potuto essere un dibattito noioso e tecnico sulla legislazione temporanea sull'accoglienza degli ucraini nei Paesi Bassi si è trasformato martedì pomeriggio in un nuovo test politico. Regierungsfähigkeit Dalla festa di Geert Wilders. Ed è stato proprio il previsto partner della coalizione (VVD) a mettere il dito sul punto dolente quando il portavoce del PVV Geddy Markuszor ha detto che ci sono “troppi” ucraini nei Paesi Bassi. Non era forse importante continuare a sostenere militarmente e finanziariamente l’Ucraina, come ha suggerito il portavoce del partito liberale Rubin Brekelmans, per evitare che la Russia prenda il sopravvento e che un numero ancora maggiore di ucraini venga portato alla deriva?

Markuszor ha abilmente eluso la domanda quando ha detto che, come Brekelmans, non aveva la politica estera nel suo portafoglio e quindi non poteva rispondere. “Parlo semplicemente di immigrazione.”

Ma questo certamente non ha eliminato l'incertezza sulla posizione del Partito della Libertà nei confronti dell'Ucraina. Dallo scoppio della guerra due anni fa, il Partito della Libertà si è costantemente opposto alle consegne di armi all’Ucraina. Solo lo scorso fine settimana il leader del partito Geert Wilders era sconvolto dall'”accordo di sicurezza” decennale che il governo uscente vuole concludere con l'Ucraina. Ma Wilders ha anche twittato che il Partito della Libertà “sostiene” l'Ucraina ed è pronto “a parlare di qualsiasi forma di aiuto”.

Si è trattato di uno sviluppo importante e aveva lo scopo di placare i potenziali partner della coalizione come il VVD, il Consiglio di sicurezza nazionale e (in misura minore) il BBB – che considerano il sostegno all’Ucraina non negoziabile. “Vogliamo accelerare, quindi ci stiamo muovendo anche noi”, ha detto Wilders lunedì. Meno di un giorno dopo, il PVV ha votato al Senato contro il contributo olandese al fondo di aiuti dell'UE per l'Ucraina.

READ  1/9 Servizio sveglia: Kaag in Qatar • Qualificazioni Mondiali con Van Gaal

Rifugiati ucraini

E adesso? Questa domanda è stata sollevata in un dibattito pubblico su una legge temporanea che stabilisce che i comuni (non il COA) sono responsabili dell’accoglienza dei rifugiati ucraini nei Paesi Bassi – che ora sono circa 110.000. Attualmente i comuni lo stanno facendo sulla base della legislazione di emergenza.

Prima della discussione di una questione legislativa piuttosto tecnica, si è scatenato un certo tumulto Telegrafo È stato riferito che molti ucraini sono attratti dagli alloggi gratuiti, dall'assistenza sanitaria e dal lavoro. Wilders era furioso per questo e definì l'Olanda “l'idiota del villaggio d'Europa”. La deputata della BBB Mona Keiser ha annunciato che non approverà la legge temporanea se non verrà modificata e se le agevolazioni fornite agli ucraini non saranno semplificate.

In un emendamento alla legge, la BBB ha proposto che gli ucraini che ora hanno trovato lavoro (gran parte dei rifugiati) debbano pagare da soli l'alloggio, il gas, l'elettricità e l'assistenza medica. Anche il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Kaspar Feldkamp ha presentato un emendamento in tal senso. Durante la discussione alla Camera dei Rappresentanti è emerso chiaramente che un’ampia maggioranza potrebbe approvare un contributo personale per i lavoratori ucraini, anche se ci sono dubbi sulla fattibilità.

Il segretario di Stato uscente Erik van der Burgh (Asilo, VVD) ha smussato il dibattito affermando che stava già lavorando ad un accordo ministeriale per il contributo personale. Van der Burgh ha detto che gli emendamenti non erano necessari, perché lei aveva chiesto qualcosa che “aveva già intenzione di fare comunque”.

Leggi anche
I russi devono essere schiacciati, ma non contare su di noi

READ  I paesi europei delle vacanze inaspriscono nuovamente le misure Corona

“Il nostro Paese è troppo pieno”

Il momento più eclatante è stato l'intervento del portavoce del Partito della Libertà Markoszor, che ha deciso di saltare parti del suo testo a metà del suo discorso, perdendo poi l'argomento. La portavoce Katy Perry (GroenLinks-PvdA) ha poi chiesto direttamente: se il Partito della Libertà entrerà nel governo, sarà pronto ad accogliere nuovi profughi dall'Ucraina? Markoszor ha deviato le colpe: partiti come il PvdA avevano aperto le frontiere negli ultimi anni: “Ora il nostro Paese è pieno, molto pieno. Adesso tutti i rifugiati, che provengano dall'Ucraina o da qualche altro posto, sono troppi”.

È così che la scimmia è andata fuori controllo, ha concluso Berry. Nonostante “tutte le parole di Wilders”, ha detto, “questo partito non è pronto ad assumersi la responsabilità del governo”.

“Sciocchezze”, ha detto Markuszor. Se necessario, rispetteremo tutte le leggi e gli obblighi”.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24