Nessun test di reazione a catena della polimerasi senza rilevarlo: la morte del microbiologo Thomas Brock (94) | medico

Il modo più accurato per rilevare il coronavirus in qualcuno è il test della reazione a catena della polimerasi (PCR). L’americano Thomas Brooke, che ha aperto la strada a quello che sarebbe diventato un test PCR decenni dopo con la sua scoperta di Thermus aquatiqus, non esiste più. Un microbiologo (94) è morto nella sua casa in Wisconsin all’inizio di questo mese, secondo i rapporti New York Times.




La reazione a catena della polimerasi (PCR) rileva il materiale genetico del virus e la quantità di virus presente. I tecnici di laboratorio possono fornire la risposta ore dopo. D’altra parte, il test rapido meno efficace è il test dell’antigene e rileva solo la presenza di alcune proteine ​​virali.

Yellowstone

Brooke dell’Università dell’Indiana ha dimostrato nel 1966 che la vita in acqua bollente era possibile. Ha viaggiato nel Parco Nazionale di Yellowstone, in California, due anni prima, dove è stato in grado di isolare organismi unicellulari in sorgenti termali che potrebbero sopravvivere anche al di sopra del punto di ebollizione dell’acqua. Qualcosa che in precedenza non era considerato possibile. Anche Brooke era sbalordito. I batteri sono stati chiamati Thermus aquaticus.

Dieci anni dopo, due studenti di biologia furono in grado di estrarre un enzima da un batterio di ruscello chiamato Taq polimerasi. Taq si riferisce a Thermus aquaticus. La DNA polimerasi è uno strumento importante per le cellule mentre si riproducono. lo so EOS Science. L’enzima aiuta a copiare il DNA delle nuove cellule. La taq polimerasi si è dimostrata unica in quanto non si decompone ad alte temperature.

READ  Spazio rimanente nei padiglioni GGD: sempre più 60enni si aspettano di invitare | Corona virus

Caldo e freddo

Negli anni ’80, la biochimica Carrie Mullis è stata la prima a utilizzare la Taq polimerasi di Brock per amplificare il DNA, il che si è rivelato un passo d’oro. Il DNA è stato copiato in modo così perfetto e accurato che ogni cellula figlia riceve le stesse informazioni genetiche della cellula madre. Solo riscaldando il DNA, la Taq polimerasi era l’unico enzima rimasto, che ha permesso al DNA di moltiplicarsi. Una volta raffreddato, il premio Nobel Mullis (1944-2019) ha iniziato a riscaldare e raffreddare, ottenendo il doppio della quantità di DNA per ciclo.

Alla fine porta a abbastanza DNA per ulteriori ricerche. È nato un test PCR. La clonazione del DNA aiuta a escludere le cose. La trascrizione del gene virale nel campione di ricerca non può essere tracciata, e questo cambia se il gene ha milioni di copie – grazie alla PCR – che diventano visibili. Quindi puoi verificare se il campione contiene il virus o meno. Di conseguenza, il risparmio di tempo è enorme.

“In tutto ciò che facciamo oggi in biologia molecolare, la reazione a catena della polimerasi è fondamentale”, afferma nel commento la scienziata delle infezioni Yucca Manabe della Johns Hopkins University School of Medicine. Il New York Times. “Mullis non avrebbe mai potuto ottenere una reazione a catena della polimerasi senza un enzima solido come una roccia (riferendosi al Thermus aquaticus scoperto da Brock).” Brooke è morta per una caduta accidentale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24