Niente panico! Come ha affrontato il comune italiano il COVID-19?

L’epidemia mortale di COVID-19 in Italia ha segnato un punto di svolta nel dibattito globale sulla pandemia. Quando la malattia è emersa e si è diffusa in tutta la Cina, le persone nei potenti paesi occidentali hanno trovato facile negare la minaccia. Ma alla fine di febbraio, la notizia di un pericoloso focolaio nella ricca regione del nord Italia della Lombardia ha portato a una rivelazione che fa riflettere: se si verifica un grave focolaio di Covid-19 in Italia, potrebbe accadere ovunque.

(Porta Eleanor Finley, originariamente postato da Minim rivista, tradotto da globalinfo.nl (Donazioni d’amore) Foto di Giulio de Meo (nota: copyright http://giuliodimeo.it/Vedi anche il progetto che il suo progetto”Anti-Polognese“)

Martedì 9 marzo 2020, l’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dichiarato “zona rossa” l’intero Paese. Ogni viaggio da casa deve essere verificato da a testimonianza di sé, un’autodichiarazione firmata di scuse legalmente valide. Le violazioni del blocco possono portare a multe salate – e lo hanno fatto. La spesa può essere acquistata una volta alla settimana. Poiché i supermercati limitavano notevolmente il numero di clienti ammessi contemporaneamente, le persone spesso dovevano aspettare fuori in una lunga fila. Spesso accompagnato da un preside della Croce Rossa. Nonostante queste misure estreme, in poche settimane sono stati uccisi più di 30.000 italiani. Altre migliaia si sono ammalate, con shock e lesioni permanenti. Nel momento in cui scriviamo, un anno dopo, quel numero è salito a più di 117.000.

In queste circostanze precedentemente insondabili, ci sono lezioni importanti che i movimenti sociali devono imparare sulle crisi e sulla governance locale.

Sebbene passeranno anni o addirittura decenni prima che gli esperti di salute pubblica possano confrontare e capire perché e come alcune città sono più colpite dal Covid-19 rispetto ad altre, non c’è dubbio che i diversi percorsi siano determinati in parte dalla risposta della città. È importante chi è al potere, come opera il potere e cosa scelgono di fare. L’esperienza del Covid-19 in Italia mette in luce l’importanza del governo locale come luogo di organizzazione Prima il verificarsi di disastri.

“Milano non si ferma”: cosa Non fare

Milano, capoluogo della Lombardia, è stato il primo hotspot urbano in Italia. La risposta del governo di estrema destra nella regione è un esempio da manuale di ciò che i governi regionali non dovrebbero fare in caso di malattia contagiosa. Quando è trapelata la notizia dell’epidemia locale, l’ufficio del sindaco non solo ha omesso di emettere materiale e avvisi di educazione alla salute pubblica, ma ha anche ridotto al minimo la gravità della situazione. campagna pubblica “Milano non si ferma!” (Milano non si ferma!) Per attirare acquirenti e turisti nel centro città densamente popolato e nei quartieri della moda.

Milano è una delle città più grandi e ricche d’Europa, ma aiutare la popolazione più vulnerabile ricade sulle spalle di una “persona solidale” – persone solidali. Un importante progetto di mutuo soccorso, il Maggiore Generale Lina Modoti (Maggiore Generale Lina Moduti), ho organizzato più di 200 volontari per raccogliere cibo, medicine e forniture in un centro comunitario locale e mi sono assicurato che questi articoli raggiungessero le famiglie. Con il diffondersi della crisi, hanno presto iniziato a fornire servizi di consulenza telefonica a lavoratori, donne e famiglie confinate nelle loro case.

READ  Un ex ministro spagnolo chiede alla Spagna di riconsiderare la sua posizione sahariana

Per queste persone, che lottano in prima linea, una campagna di shopping pro-city è un insulto in più. Nelle parole di un giovane organizzatore della Brigata Lina Moduti, “Milano non si ferma! Sembra che tutto rimarrà lo stesso – non si fermerà nulla, né la moda né l’economia in città – affinché l’informazione [over Covid-19] Non ha raggiunto le persone. E c’erano altri esempi del genere, e questo ha creato il caos”.

Come in molte altre città del mondo, i coraggiosi organizzatori del Mutuo Soccorso a Milano hanno visto come le classi meno abbienti avrebbero dovuto pagare per ciò che il governo non poteva fare. “L’esperienza del battaglione dovrebbe essere un motivo per tutti di riflettere su tutte le lotte che abbiamo avuto finora”, continua, confermando la mia conversazione. “Negli anni lo Stato ci ha tolto tutto, ma era completamente assente in questa emergenza. Solo un’azione di solidarietà ha aiutato i più poveri”.

Quando il governo della città abbandona i residenti, i residenti possono contare solo su se stessi. Ma cosa succede se questi residenti sono secondi solo ai governi cittadini e non hanno nulla da dire?

Niente panico! Comune di Bologna risposta

La presenza di un movimento comunale organizzato a Bologna ci offre l’opportunità di esplorare come potrebbe essere la risposta comunale alla crisi.

Quattro anni fa, le autorità comunali di Bologna sono state organizzate nell’ambito dell’iniziativa dei cittadini Alleanza Civica a Bologna. Coalizione Civica Si mobilita intorno all’ambiente urbano e ai problemi delle donne, dei lavoratori e degli immigrati. Coalizione Civica È più di una semplice festa locale con una piattaforma. Ha rivitalizzato le persone comuni come cittadini attivi, esplorando i loro diritti e desideri di potere decisionale. Si avvicina alla città come uno spazio di sperimentazione, uno “spazio collettivo di possibilità”.

La Collezione Civica ha un piccolo punto d’appoggio nel governo della città. Nel 2016 sono stati eletti due deputati come consiglieri comunali [consigliere communale]. La loro posizione, nelle parole della studentessa di legge antisettaria e antidiscriminazione Emily Clancy, è di “governo dall’opposizione”.

La politica locale e regionale dell’Emilia-Romagna si estende oltre la regione. Nelle molto combattute elezioni regionali del 2019, il partito democratico di centrosinistra ha sconfitto la Lega di estrema destra, registrando una grande sconfitta in un momento in cui l’estrema destra stava crescendo rapidamente in tutta Europa. La vittoria fu notevole per il simbolismo della città stessa. Bologna – con la sua lunga storia di sinistra radicale, movimento sindacale e organizzazione studentesca – avrebbe avuto un prezzo per l’estrema destra.

READ  L'Italia sta investendo miliardi dal Fondo Corona Anti-Corona dell'Unione Europea in Internet ad alta velocità, anche in villaggi remoti

In circostanze normali, i movimenti sociali prosperano sulla spontaneità. Ma il rigoroso blocco dell’Italia – e la nuova natura altamente contagiosa e nascosta della malattia stessa – hanno reso praticamente impossibile la mobilitazione automatica. La difficoltà di coordinare progetti di mutuo soccorso non è stata facile per i coraggiosi attivisti contrari a un governo oppressivo. “Non puoi uscire e calciare il pallone”. Nelle parole di uno degli organizzatori, “Non lo dico perché sono un fan delle autorità, ma perché potresti davvero mettere a rischio gli altri”.

Quando il Covid ha colpito, i centri sociali e gli attivisti in tutta Italia erano pronti ad aiutare, ma sono stati costretti nell’impossibile posizione di violare regole cruciali per la salute pubblica o di non fare nulla.

Qui sono entrati in scena i membri del consiglio comunale. il due Consulenti (Membri del Consiglio) da Coalizione Civica Hanno potuto utilizzare le loro posizioni per ottenere certificazioni speciali per i volontari sanitari in modo che potessero svolgere il loro lavoro senza essere fermati e multati dalla polizia.

Mentre i rappresentanti della Coalizione Civica si assicuravano l’allontanamento decisivo, gli attivisti si organizzavano in tutta la città campagna, “Niente panico! Organizziamoci!” (Niente panico, organizziamoci) che è rapidamente cresciuta in oltre quaranta organizzazioni, associazioni e comitati, oltre a singoli volontari. Barriere come l’ideologia o le animosità del passato sembravano scomparire da un giorno all’altro mentre i partecipanti andavano dai preti cattolici agli anarchici e ai sindacati dei lavoratori del sesso. Hanno lavorato insieme secondo i principi di “reciprocità, informazione e solidarietà”.

Dopo il successo di questa prima iniziativa, i rappresentanti del Comune di Collezione Civica hanno potuto ancora una volta aiutare ad “aprire il municipio” attraverso accordo di cooperazione (Carta della cooperazione). Si tratta di un tipo di contratto civile che risale al Medioevo. Gruppi di cittadini, autonomi e autoregolamentati, concludono la carta come entità paritaria al governo della città. In altre parole, i movimenti sociali combinavano il potere collettivo che la città doveva poi riconoscere. Attraverso l’assistenza reciproca, sono stati in grado di imporre la responsabilità della città in un modo quasi inimmaginabile nel nostro mondo di oggi.

Niente panico! Ci è riuscito perché ha creato un intero ecosistema di movimenti sociali che di fatto ha aperto la strada al potere delle istituzioni politiche della città.

Quando ho parlato l’ultima volta con la brigata di Lina-Meduti la scorsa primavera, anche loro hanno iniziato a cercare un accordo di cooperazione.

pensieri conclusivi

Cosa succede quando abbracciamo le contraddizioni e le tensioni del lavoro all’esterno e all’interno delle istituzioni del governo locale? Come possiamo armeggiare e riutilizzare gli strumenti istituzionali per un cambiamento trasformativo?

READ  Jimenez ritorna otto mesi dopo aver subito una frattura al cranio

Il COVID-19 ha messo in luce le disuguaglianze più profonde e profonde nella società. Lo stato ha deliberatamente fallito o ha scelto di abbandonare proprio le persone che finge di amare come cittadini. In risposta, sono emerse reti di mutuo soccorso in tutto il mondo – dal Sudafrica – [Cape Town Together] e nel nord della Siria [Rojava] In America Latina e Nord America / Turtle Island.

Questo tipo di organizzazione del triage è necessario, mirato e potente. (Torting = valutare le vittime del disastro e determinare quale trattamento ricevere, ndr). È importante non sopravvalutare i momenti di crisi in cui “le persone agiscono per salvare vite per necessità”. Post recente di Centro Kairos Afferma: “Finché questa crisi infurierà, ci saranno persone che svolgeranno il lavoro necessario di smistamento, soddisfacendo i bisogni urgenti al momento, e quel lavoro è fondamentale”. Tuttavia, resta da vedere se queste organizzazioni possono ottenere uno slancio politico coerente.

capacità Niente panico Mettere insieme questi improbabili alleati va dritto al cuore di ciò che rende il comune promettente e unico: non è necessario appartenere a un partito o aderire a una particolare ideologia per partecipare a un movimento comunale. Devi solo agire come un cittadino solidale con i tuoi vicini. E attraverso questa azione collettiva, è attratta da una percezione politica basata sulla solidarietà, l’umanità e il potere condiviso.

Tutto questo non significa che l’approccio comunale abbia già capito tutto. Rimangono le domande. Ad esempio, potremmo chiederci se sia possibile o auspicabile per i politici urbani soccombere all’aspettativa che i soccorsi in caso di catastrofe ricadano sulle spalle di volontari non retribuiti.

E mentre non è probabile che porti a un confronto diretto e rivoluzionario in tempi brevi, progetti di mutuo soccorso come such Niente panico! Persone a un senso di identità civica. Questo è assolutamente necessario perché l’estrema destra ha monopolizzato e armato il bisogno di unità politica del popolo. Abbiamo bisogno di più organizzazioni che rafforzino il potere civico collettivo con benefici tangibili per il benessere della gente comune.

Infine, il Covid-19 ha anche dimostrato l’importanza delle relazioni tra movimenti sociali e politici in tempi di crisi. È importante come le organizzazioni dei movimenti sociali si relazionano tra loro e come e per quale scopo sono organizzate. L’atmosfera di crisi urgente creata dall’emergente coronavirus (Covid-19) è già andata e ritorno in Italia. Ma le società civili estremiste emerse in questa atmosfera di crisi si ripercuoteranno su un futuro incerto e creeranno nuove, inaspettate possibilità.

Parti di questo articolo sono apparse in “Pandemic Solidarity” a cura di Marina Citrine e Collectiva Cimbrar, disponibile tramite Pluto Press, 20 giugno 2020.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24