Non sono le zanzare ma gli esseri umani a diffondere la malaria nel mondo

La malaria arrivò nel Nuovo Mondo in due ondate separate: prima con i governanti spagnoli, e poi ancora con la tratta transatlantica degli schiavi. Quasi tremila anni fa, gli uomini portarono il parassita della malaria sull’Himalaya, dove fa troppo freddo per le zanzare che trasmettono la malattia. Questi sono due dei tanti risultati meravigliosi In un grande studio questa settimana natura. Ricercatori provenienti da 80 istituti di 21 paesi hanno studiato la diffusione storica della malaria.

Dopo la tubercolosi La malaria è la malattia infettiva che uccide il maggior numero di persone nel mondo. Si prevede che arrivi ogni anno 250 milioni di persone Ne vengono infettati e 600.000 di loro muoiono. Malattia causata da protozoi PlasmodioIl parassita è il principale fattore che perpetua la povertà nei paesi tropicali.

Anemia falciforme

La malaria ha lasciato il segno anche nello sviluppo evolutivo umano, scrivono i ricercatori guidati dall'Istituto Max Planck di antropologia evolutiva in Germania. Ad esempio, le malattie genetiche del sangue come l’anemia falciforme e la talassemia possono persistere perché, come effetto collaterale, rendono i loro portatori resistenti alla malaria.

Solo un secolo fa la malaria era diffusa anche nelle regioni settentrionali, fino al Canada, alla Scandinavia e alla Siberia. Ma oggi non è più così, grazie a case migliori, zanzariere e repellenti per insetti, anche se la malaria sta ricominciando ad aumentare a causa dei cambiamenti climatici. Quindi le zanzare determinano chiaramente la dinamica di questa malattia. Ma si sapeva poco del ruolo delle persone in tutto ciò, soprattutto in passato.

Le infezioni storiche sono molto difficili da dimostrare, scrivono i ricercatori. La malaria non lascia tracce visibili sui resti ossei. Spesso non è possibile determinare se la malattia sia effettivamente la malaria mediante la datazione. Ad esempio, i testi indiani del primo millennio a.C. fanno riferimento a “febbri ricorrenti”. Il medico e filosofo greco Ippocrate (ca. 460-370 aC) è considerato il primo a scrivere in modo definitivo sulla malaria. Quindi mancavano parti chiave della storia.

READ  Corona, influenza e RSV: un trio spaventoso dell'inverno, virologi che brancolano nel buio

Dai campioni di sangue conservati è noto solo un caso storico di infezione da malaria: una persona del delta dell'Ebro in Spagna del 1944. Così il grande gruppo di ricerca internazionale ha deciso di dare un'altra occhiata al cosiddetto DNA antico: Tracce di DNA provenienti da reperti molto antichi, soprattutto dall'interno di ossa, denti e molari.

Materiale osseo archeologico

I genetisti hanno utilizzato la più recente tecnologia del DNA per esaminare circa diecimila campioni di DNA precedentemente isolati da materiale osseo archeologico proveniente da tutto il mondo. Queste si chiamano nuove tecnologie Cattura l'ibridazione: Un metodo per replicare selettivamente i segmenti di DNA che ti interessano, in modo rapido ed efficiente.

In questo caso è stato utilizzato il DNA di tre tipi di parassiti della malaria: Plasmodium falciparum, P. vivax E P. malaria. Da tutte quelle migliaia di campioni, sono emersi 36 casi storici di malaria. Insieme rappresentano 5.500 anni di storia umana nei cinque continenti.

La malaria è ormai diffusa in Sud America. Da tempo ci si chiede se la malattia sia arrivata lì attraverso lo stretto di Bering dalla Siberia, con i primi abitanti. Ma ora l’analisi del DNA di 500 anni fa di un indigeno peruviano mostra che la tribù è senziente P. vivax Molto simile alla variante europea. Molto probabilmente la malattia fu portata lì dai coloni spagnoli. La malaria nel Perù contemporaneo è ancora dello stesso tipo. Prevalente altrove in Sud America P. falciparumÈ geneticamente più simile all'Africa occidentale e centrale. Secondo i ricercatori, ciò indica un collegamento con la tratta degli schiavi.

Prima non si sapeva P. falciparum Era nel nord Europa molto presto

Ospedale militare

Un altro caso interessante è stato un cimitero a Mechelen, in Belgio. Veniva indossato dai malati di malaria che furono sepolti lì prima che fosse costruito un ospedale militare nel 1567 P. vivax Con lui. Poi ne prese uno più mortale P. falciparum Sopravvento, controparte mediterranea. Non è un caso, poiché molti di questi pazienti successivi erano soldati delle regioni meridionali. Ma anche i belgi nati successivamente furono infettati da questo tipo. I ricercatori hanno affermato che ciò indica un’ulteriore diffusione a livello locale. Prima non si sapeva P. falciparum È entrato nel nord Europa molto presto.

READ  L'OMS avverte del virus mortale di Marburg in Africa | al di fuori

Poi c'è stata la sorprendente scoperta in Himalaya, anche del caso di malaria più antico conosciuto al mondo. Questo malato morì intorno all'800 aC a 2800 metri di altitudine in Nepal. Le zanzare della malaria non sopravvivono a questa altitudine. “Questo è un altro segno che la mobilità umana ha avuto un ruolo nella diffusione di queste malattie”, hanno concluso i ricercatori.

Correzione (12 giugno 2024): una versione precedente di questo articolo affermava che ogni anno un quarto di milione di persone vengono infettate dalla malaria. Avrebbero dovuto essere: 250 milioni di persone. Questo è stato corretto sopra.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24