Nonostante il guadagno di tempo di Evenepoel, Roglic si è sentito “non molto bene” su una tappa difficile alla Vuelta | Attualmente

A Primoz Roglic regna il sollievo dopo la tappa della regina alla Vuelta a España. Nonostante lo sloveno abbia impiegato del tempo per indossare la maglia rossa di Remco Evenepoel, ha detto di non sentirsi soddisfatto.

“Non mi sentivo bene oggi”, ha detto Roglic. VRT Dopo la quindicesima tappa vinta da Thymen Arensman. “Certo, all’inizio della salita non ero soddisfatto. In cima era già molto meglio”.

Roglic si è allontanato da Eveningpool al penultimo chilometro e ha preso quindici secondi sul suo avversario. Ci ha provato anche nei primi chilometri della Sierra Nevada, ma dopo quasi subito il belga ha reagito. “Il mio obiettivo era vincere la tappa, ma non avevo le gambe per quello”.

Il leader della Jumbo-Visma è comunque soddisfatto del risultato. “È sempre meglio guadagnare secondi che perderli”, ha detto Roglic. Il numero due della classifica generale è ora a poco più di un minuto e mezzo da Evenpoel.

Remco Evenepoel durante la quindicesima tappa della Vuelta a España.


Remco Evenepoel durante la quindicesima tappa della Vuelta a España.

Remco Evenepoel durante la quindicesima tappa della Vuelta a España.

immagine: Agenzia portuale nazionale / Agenzia per la protezione ambientale

Evenepoel: “È andata bene”

Evenepoel ha perso tempo, ma ha guardato indietro alla corsa con un senso di soddisfazione. “Le cose sono andate davvero bene. Era la prima volta che finivo così in alto”, ha detto il 22enne belga, che sta lavorando al suo secondo Gran Premio. “Jumbo-Visma ha corso una buona tappa, ma anche la mia squadra. Ho pensato che fosse una pausa un po’ strana oggi”.

“Sento ancora un po’ di rigidità muscolare dopo che sono uscito giovedì”, ha continuato. “Sono molto felice di avere un giorno libero ora. Non ho perso quasi nulla. Quindi è stata una buona giornata per noi”.

READ  Sport Court: la Francia è una fortissima campionessa olimpica per i giocatori di pallavolo | gli sport

“La terza settimana sarà una storia diversa”, Evenpoel guardava avanti con fiducia. “L’arrampicata non è più così difficile.”

Il lunedì è un giorno di riposo alla Vuelta. Il giorno dopo, il Tour ciclistico spagnolo è proseguito con una tappa di 189,4 km da Sanlúcar de Barrameda a Tomares, con due impegnative salite nella finale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24