Nove attivisti del Bahrein hackerati con lo spyware Pegasus

Nove attivisti del Bahrein sono stati hackerati dal controverso spyware Pegasus di NSO Group. L’hack ha sfruttato una vulnerabilità in iMessage, consentendo l’installazione di malware su iPhone senza l’interazione dell’utente.

a partire dal Ricerca Il Citizens Lab dell’Università di Toronto rivela che il malware del gruppo NSO israeliano è stato installato sugli iPhone di nove attivisti del Bahrein. Due attivisti sono oppositori politici a cui è stato vietato l’ingresso nel Paese. Il governo del Bahrain è sospettato di essere dietro le operazioni di hacking.

Un attivista sarebbe stato hackerato più volte nel giro di pochi mesi l’anno scorso. Si dice che i primi hack si siano verificati a settembre 2019. L’hack ha utilizzato la vulnerabilità KISMET 2020 e una nuova vulnerabilità chiamata FORCEDENTRY.

Non è la prima volta che Pegasus viene utilizzato per spiare giornalisti, attivisti e politici. Proprio il mese scorso, numero di telefono Presidente de France Macron È stato scoperto in un elenco di numeri di telefono che erano obiettivi per la sorveglianza tramite il software.

Il gruppo NSO ha finora negato di utilizzare il software dell’azienda per spiare giornalisti, attivisti o altri personaggi pubblici. Secondo il produttore, solo il software Pegasus viene utilizzato per rintracciare criminali e terroristi.

READ  FIFA 22 esce il 1 ottobre e la versione di nuova generazione ottiene la tecnologia HyperMotion - Giochi - Notizie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24