NSU-Fiat, battaglia per il divorzio | Oldtimer presso Auto Motor Klassiek

NSU, ​​lo sappiamo. sta per nEkarsulmer Smacchina del truccoWLneonSì, la Federazione delle macchine per maglieria. Un numero sorprendente di case automobilistiche è nato “nell’industria tessile”.

E sì, Fiat non lo sai. Una delle più grandi case automobilistiche al mondo. Fiat ha anche un significato: Faprika iotaliana unAuto TOrino.

C’era una volta un marchio chiamato NSU-Fiat. E la storia di quel marchio è una storia di topi e Mussolini, di amicizia e guerra, di amore e odio. È iniziato con un matrimonio forzato.

1921: crisi tedesca

Nel 1918 NSU è un affermato produttore di biciclette, motocicli e tutti i tipi di macchinari e attrezzature industriali a Neckarsulm, da oltre cinquant’anni. Con la pace in Europa e nel mondo, i due fratelli che guidavano l’azienda di famiglia decisero di fare il salto nell’industria automobilistica. Il terreno è stato acquistato e costruita una fabbrica di automobili, ma i tempi sono stati sfortunati. Progettare una nuova auto è molto costoso. Sono necessari investimenti bancari e, sebbene di successo, la situazione economica nella Germania prebellica è stata a dir poco catastrofica dall’inizio degli anni ’20. Il paese di Versailles fu costretto ad ammettere la piena colpa per la prima guerra mondiale e dovette pagare risarcimenti di guerra molto alti. Il paese, già fallito a causa della guerra, era ormai completamente al collasso. Per raccogliere i soldi, il governo di Weimar ha fatto funzionare le presse per banconote a tutta velocità. Il risultato è stato l’iperinflazione: chi veniva pagato il venerdì doveva spenderlo lo stesso giorno, perché il sabato era solo la metà. È diventato così pericoloso che i proprietari delle borse sono andati a comprare una pagnotta. Le pareti sono tappezzate di miliardi di banconote del Reichsmark. C’era una massiccia disoccupazione. C’era fame.

In una situazione del genere, lo sviluppo di un nuovo modello di auto è molto rischioso. Dresdner Bank, un banchiere della NSU, ha deciso di vendere il nuovo stabilimento a una casa automobilistica straniera per aiutare l’azienda a superare la crisi della valuta forte.

1929: Nuovo marchio NSU-Fiat

L’acquirente che offre è Fiat. A differenza dei tedeschi, gli italiani avevano un’economia in crescita (i fascisti erano al potere e presto instaurarono un’industria bellica) e avevano un nuovo modello di una utilitaria, la 500, che probabilmente ebbe un acquirente tedesco.

READ  Adenar van Ruekel si riconquista il "meraviglioso" Campionato Europeo | Giornale Barnifield

E così la NSU ha portato la forte lira italiana e la Fiat in un nuovo stabilimento. L’auto, la Fiat 500 ‘Topolino’ (Topolino), era una meraviglia della tecnologia. Piccola due posti, nonostante abbia un po’ di fantasia e compiacimento, può ancora stringere qualcuno nella parte posteriore, molto economica, economica da acquistare, usare e mantenere, ma pur sempre una piccola macchina completa. Anche in Francia, nel 1934, iniziò a essere prodotta questa in, fondata dall’italiano Enrice Pigozzi SSocietà ioArtificiale NSikanik e NSRiso unAll’estero, Simca.

Il contratto era chiarissimo: Fiat ha acquisito i diritti sui macchinari e gli accessori di NSU Heilbronn e le ha permesso di costruire sull’eccellente reputazione di NSU includendo il nome nel marchio e nel logo NSU-Fiat. Marchio orgoglioso! A partire dall’autunno del 1929, la NSU-Fiat 500A tedesca “Topolino” fu messa in vendita presso i concessionari.

1939: Guerra

Il 1 settembre 1939 la Germania attaccò la Polonia. Di conseguenza, Francia e Inghilterra dichiararono guerra alla Germania. Immediatamente, tutta la produzione civile cessò e l’intera industria passò alla produzione militare. Poiché gli stabilimenti NSU di Neckarsulm e gli stabilimenti NSU-Fiat di Heilbronn erano separati da quattro chilometri, vi fu una significativa cooperazione e produzione congiunta di armi, motocicli, motori di automobili, generatori e attrezzature. L’Italia sotto Mussolini era alleata della Germania di Hitler. Ed è tristemente vero: per le case automobilistiche, la guerra è una buona notizia, significa un intero portafoglio ordini e burro per il pesce.

[1945:DopolaresadellaGermanialefabbricheeranosituatenelsettoreamericanonegliannideldopoguerraNSUsiconcentròsullaproduzionedidueruotedallemotocicletteallemotociclettepesantifuuntalesuccessochefuilluogoeilperiododitempoilpiùgrandeproduttoredimotorialmondoNSU-FiathacontinuatoasviluppareTopolinodopolaguerra[1945:بعداستسلامألمانيا،كانتالمصانعتقعفيالقطاعالأمريكيفيسنواتمابعدالحرب،ركزتNSUعلىإنتاجالعجلتين،منالدراجاتالبخاريةإلىالدراجاتالناريةالثقيلةلقدكاننجاحًاكبيرًالدرجةأنهمكانوالفترةمنالوقتأكبرشركةمصنعةللمحركاتفيالعالمواصلتNSU-FiatتطويرTopolino’sبعدالحرب

1957: De Clad Irene

Nel 1957, la Fiat decise di produrre la 1100 a Heilbronn, NSU-Fiat Neckar. Una piccola ma pratica auto familiare a quattro porte leggermente più costosa nella versione tedesca, ma anche più lussuosa e più veloce. Nessuna parte NSU è stata acquistata per questa 1100, ma tutto è arrivato da Torino. Ha davvero irritato un po’ l’umore.

READ  Gelateria Milano ad Amsterdamsestraatweg
1954 NSU Fiat 1100

Inoltre, al posto dell’obsoleto Topolino, una nuova Fiat 500 di Torino, una Fiat Nuova 500 o una 500D di Dante Giacosa. Qualcosa di ingegnoso con due cilindri raffreddati ad aria nella parte posteriore. Una versione tedesca è stata sviluppata per la produzione a Heilbronn: la NSU-Fiat 500.

Ed è esattamente ciò che NSU voleva utilizzare per conquistare il mercato delle auto piccole. Sviluppata a Neckarsulm, la NSU Prinz è qualcosa di agile quanto la Fiat 500 con tali due cilindri e un concorrente diretto nello stesso gruppo target e fascia di prezzo.

Qui è dove si è verificato l’errore. E all’improvviso, sul mercato sono apparse due piccole auto con il nome di entrambe NSU, che non hanno nulla a che fare l’una con l’altra, anche con concorrenti taglienti. Si è conclusa con una buona collaborazione, serate di carte condivise e scambio di pezzi, macchine e persone. I produttori si sono schierati l’uno contro l’altro come una leva e sono andati in tribunale con avvocati costosi.

NSU ha sostenuto che hanno registrato il loro nome nel 1871 e quindi avevano i diritti più antichi.

La Fiat ha affermato di aver onestamente acquistato lo stabilimento di nome nel 1929 e non aveva intenzione di invertire questo investimento, soprattutto ora che sono stati lanciati nuovi modelli. E sì, trent’anni dopo, anche NSU-Fiat può definirsi un solido. Avrebbe dovuto protestare prima! Adesso è troppo tardi!

Alla fine, il giudice ha messo al primo posto gli interessi del consumatore: gli acquirenti di auto trarrebbero vantaggio dalla chiarezza dei nomi dei marchi. E proprio come nelle precedenti cause legali su BMW e DKW che hanno continuato a essere prodotte nella Germania dell’Est, qui si applica il principio dei diritti sui marchi più antichi. E il marchio più antico era NSU (1871), non Fiat (1899).

1959: Neckar

La Fiat si leccò le ferite, ma non per molto. La NSU-Fiat 1100 è stata ribattezzata Neckar 1100. Non importava per le vendite, questa vettura eccellente e conveniente è arrivata alla produzione di 25.000 unità all’anno.

1957 Neckar
1957 Neckar

Jagst, Winsburg e Adria

Negli anni ’60, oltre alla 1100, furono prodotte altre vetture Fiat modificate. C’era la versione tedesca della Fiat 600, la Jagst 770. Più veloce e più lussuosa dell’originale, proprio come la Steyr-Fiat 600D austriaca.

READ  Il Real Madrid vuole lasciare la Liga e trasferirsi in Premier League
NSU Fiat Winsburg Limoust BJ 1960
NSU Fiat Winsburg Limoust BJ 1960
Nikar 1965 NF64 S1A
Nikar 1965 NF64 S1A

La Jagst Rivièra era una bellissima coupé sportiva basata sulla Jagst 770 e sulla Neckar Adria, una versione di lusso della Fiat 850. Contemporaneamente l’Autobianchi entrò a far parte della Fiat e i tedeschi portarono in produzione la versione Bianchina Giardinera con il nome Panorama . La Weinsberg 500 era la variante tedesca della Fiat 500D.

Jagst 770
Jagst 770 “Riviera”

Fatima Muhammad Ali 850
Fatima Muhammad Ali 850

inserire la presa

Alla fine degli anni ’60, la Fiat divenne riluttante a produrre a Heilbronn. A causa della Comunità economica europea, i dazi all’importazione non sono più così alti e nel frattempo i salari tedeschi sono aumentati notevolmente. In breve, la produzione non era più redditizia e ai tedeschi non veniva concesso alcun diritto per costruire la nuova Fiat 124. Lamentele e lamentele sono ovunque, perché la SEAT spagnola, la Tuva turca e l’AutoVAZ russa hanno già ottenuto questi diritti. Ma sì, questo aveva a che fare anche con il bisogno di valuta forte da parte di spagnoli, turchi e russi. Alla fine, sono sempre i soldi a determinare il corso delle cose.

In breve: nel 1971 calò il sipario su Neckar, ex NSU-Fiat

A questo punto, la stessa NSU stava morendo di anni dall’invasione di belle e veloci motociclette giapponesi e dal costoso sviluppo (e molti scambi) del nuovo Ro80. Volkswagen ha rilevato il vecchio marchio. Vendettero l’ultimo sviluppo di NSU, il K70, con il marchio VW e divennero il marchio Audi-NSU, fino a quando morì anche lui di una morte tranquilla nel 1985.


Aiutaci a mantenere questo sito e gli articoli offerti gratuiti. Abbonati ad Auto Motor Klassiek e ricevi la rivista per posta 12 volte l’anno. Oppure dona l’importo richiesto sulla nostra pagina di pagamento tramite questo link. Vi siamo certamente grati.


Caro amante del classico

Goditi storie quotidiane gratuite sulle auto d’epoca nella tua e-mail e iscriviti gratuitamente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24